E’ ARRIVATA LA RISPOSTA AI DUBIA PER BOCCA DEL CARDINALE SCHONBORN: A TUTTE LE DOMANDE SI RISPONDE ” SI'”

Cardinale Schönborn:”A tutte le domande poste daischonborn  Dubia può essere risposto “Sì””cinguettioPinterestTasca

Giovedì 13 luglio il cardinale Cristoph Schönborn, interprete scelto dal papa per promuovere la sua esortazione apostolica  Amoris Laetitia  , ha rivolto un intervento alla conferenza “Let’s Talk Family: Let’s Be Family” in Irlanda in attesa del Meeting mondiale delle famiglie a Dublino l’anno prossimo. Secondo Greg Daly del  “Cattolico irlandese “, Schönborn ha aperto il suo discorso assicurando ai presenti che sia l’esortazione che il papa che ne è responsabile sono cattolici:

Cardinal Schoenborn opens his talk by assuring us all that Amoris Laetitia – and indeed the Pope – is Catholic.

Più tardi, Daly ha messo in twitter che Schönborn ha detto che  a tutte le domande dei dubia può essere risposte con un “sì”:

On the Dubia, Cardinal Schoenborn says all the questions can be answered ‘yes’. Indeed, he says he’s told one of the Dubia cardinals so.

Se non ricordi quali siano le risposte , dovrò ricordarvi perché questa è una dichiarazione così problematica:

Il Romano Pontefice, che Santa Caterina di Siena conosciuta famosa come “Il nostro Cristo dolce sulla Terra”, ha anche il potere di calmare la tempesta frenetica che ormai sbuffa il Barocco di Pietro. Non è la rottura del vento e delle onde che mette in pericolo la nave, ma la confusione, l’errore e il dubbio – e, peggio, uno scisma rapidamente metastatico, che si diffonde come un veleno mortale nel corpo mistico di Cristo.

Quando si tratta della crisi autoctona della Chiesa – la crescente battaglia per il matrimonio, il divorzio, il ricongiungimento, i sacramenti per coloro che hanno peccato oggettivo e la questione dell’esistenza del peccato oggettivo – il nostro Santo Padre, come il Cristo stesso Egli è tenuto a servire, dispone di cinque semplici parole che potrebbero pacificare la tempesta:

“No. Sì. Sì. Sì. Sì.”

Questi sono, ovviamente, le uniche risposte che un cattolico possa dare  ai  dubia . Non ci sono altre opzioni. Nessuna eccezione. Nessun discernimento pastorale. Non c’è bisogno di verbosità o di più sfumature.

Distillati fino a una forma crudamente semplice, i  dubia  sono essenzialmente i seguenti:

  1. I divorziati e risposati che sono ancora impegnati in un rapporto sessuale ricevono l’assoluzione e la comunione senza un cambiamento di vita?  
  2. Esistono ancora norme morali assolute?
  3. Il peccato grave  ancora esiste?  
  4. È l’insegnamento ancora valido che tuttavia molte circostanze possono ridurre la colpa di un individuo, queste circostanze non possono cambiare un atto intrinsecamente cattivo in un atto soggettivamente buono?
  5. La dottrina della Chiesa, che un appello alla coscienza non può superare norme morali assolute, è ancora vero?

Queste cinque domande sono così semplici, le loro risposte così evidenti, non richiedono più di 30 secondi di tempo di Francesco. (Per rendere le cose più facili, le cinque parole potevano essere pronunciate dalla cabina pressurizzata di un aereo, un ambiente che sembra stimolare la loquacità papale.)

Quindi esaminiamo quello “no” in un elenco di “yes”. La domanda completa presentata dai cardinali dubia era la seguente:

Si chiede se, dopo le affermazioni di  Amoris Laetitia  (300-305), è ora possibile concedere l’assoluzione nel sacramento della penitenza e così ammettere alla santa Comunione una persona che, pur vincolata da un valido legame coniugale, vive Insieme ad una persona diversa more uxorio  senza soddisfare le condizioni previste dalla  Familiaris Consortio  84 e successivamente riaffermata da  Reconciliatio et Paenitentia  34 e  Sacramentum Caritatis,  29. Può l’espressione “in certi casi” trovata nella nota 351 (305) Dell’esortazione  Amoris Laetitia essere applicata a  divorziati che sono in una nuova unione e che continuano a vivere  more uxorio ?

Il mio riassunto distillato e semplificato è, ancora una volta:

“Può il divorziato e risposato che è ancora impegnatioin un rapporto sessuale ricevere l’assoluzione e la comunione senza un cambiamento di vita?”

E il cardinale Schönborn – scelto per il compito di spiegare l’esortazione del papa stesso – afferma che la risposta a questa domanda è   .

Il cardinale austriaco aveva anche questo da dire sulle coppie dello stesso sesso:

“Favorire la famiglia non significa sfidare altre forme di vita – anche coloro che vivono in un partenariato dello stesso sesso hanno bisogno delle loro famiglie”.

Questa non è la prima volta che ha parlato favorevolmente di unione che coinvolge uno dei peccati che “grida al cielo per vendetta”. Nel 2015 l’arcivescovo cardinale di Vienna fece delle dichiarazioni scioccanti su tali unioni:

Sul tema di come la chiesa parla di gay e lesbiche, Schönborn è anche stato un campione di approccio più inclusivo.

“La Chiesa non dovrebbe guardare prima nella camera da letto, ma nella sala da pranzo!” Ha detto in un’intervista di settembre del 2015 con Civiltà Cattolica, una rivista gesuitica a Roma.

“Possiamo e dobbiamo rispettare la decisione di formare unione con una persona dello stesso sesso [e] cercare mezzi sotto la legge civile per proteggere il loro vivere insieme alle leggi per garantire tale protezione”, ha detto in quell’intervista.

Schönborn ha parlato di un amico gay che, dopo molte relazioni temporanee, ha ora un partner stabile.

“Condividono una vita, condividono le loro gioie e le sofferenze, si aiutano a vicenda”, ha detto. “Bisogna riconoscere che questa persona ha fatto un passo importante per il proprio bene e per il bene degli altri, anche se certamente non è una situazione che la Chiesa può considerare” regolare “”.

Durante il sinodo del 2014, Schönborn ha anche sostenuto che la Chiesa può trovare elementi morali positivi in ​​altre relazioni non tradizionali, come la convivenza al di fuori del matrimonio.

Nel 2016, il bollettino della Cattedrale di Vienna di Schönborn ha dipinto positivamente  una coppia omosessuale con un figlio adottato . Schönborn ha anche dichiarato pubblicamente che se sua madre divorziata si fosse risposata, lui e i suoi fratelli avrebbero capito .

Durante il suo discorso Schönbornn ha anche risposto ai dubia  dei Cardinali:

Interrogato circa la ricezione di Amoris Laetitia all’interno della Chiesa e ai “dubia” – una serie di domande sollevate da quattro cardinali per chiarire la confusione – il cardinale Schönborn ha affermato che “il processo di accoglienza è un lungo processo” e necessita di negoziati e discussioni.

Ma ha anche criticato i cardinali per il modo in cui hanno sollevato le loro preoccupazioni. “I cardinali, che dovrebbe essere i più vicini collaboratori del papa, cercano di costringerlo e fanno pressione su di lui per fargli dare una risposta pubblica alla loro lettera pubblicizzata , e ciò è un comportamento assolutamente sconveniente”, ha detto.

Ha detto ai giornalisti: “Temo chi ha risposte rapide e chiare in politica e economia e anche nella religione. I rigoristi e i lassisti hanno risposte chiare e rapide, ma non riescono a guardare la vita. Il rigorista evita lo sforzo del discernimento, di guardare attentamente la realtà. Il lassista lascia andare tutto il possibile e non c’è discernimento. E’ lo stesso metodo,  ma opposto. ”

“San Gregorio Magno ha detto che l’arte dell’accompagnamento pastorale è l’arte del discernimento. È un’arte e ha bisogno di formazione “, ha aggiunto.

Non è stato fatto riferimento a dove nel suo corpo di insegnamenti cattolici  si possa trovare l’ammonizione di San Gregorio “sull’arte dell’accompagnamento pastorale”.

da One Peter Five, 14 luglio 2017, nostra traduzione

Annunci

2 pensieri su “E’ ARRIVATA LA RISPOSTA AI DUBIA PER BOCCA DEL CARDINALE SCHONBORN: A TUTTE LE DOMANDE SI RISPONDE ” SI'”

  1. Pertanto: i divorziati risposati che vivono more uxorio – e non intendono vivere come fratelli/sorella – NON possono accedere a Confessione e Comunione . Questo è già stato stabilito dal 6 comandamento. Tutto chiaro. Occorre non creare confusione e il vostro parlare sia : si-si / no-no -; il resto viene dal maligno.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...