C’E’UNO SCANDALO IN UNA COMUNITA’ ?SEGUITE L’ESAME DI SAN PAOLO

Le relazioni tra le persone non si devono mai compromettere. Anche nei momenti più delicati. Per evitare “brutte sorprese”… mettete da parte gli egocentrismi e guardate a Dio In una comunità si assumono atteggiamenti che procurano scandalo. Come bisogna comportarsi in queste situazioni? Si possono prevenire gli atteggiamenti scandalosi? Nella Lettera ai Corinzi, San Paolo indica una direzione da seguire. Di tutto questo ne parla Pasquale Basta in “Non fare come gli ipocriti” (Edizioni Città Nuove). Di fronte al rischio di infiammare gli animi, Paolo invita ad avere sensibilità nelle relazioni interne alla comunità, scongiurando posizioni oltranziste. Bisogna fare un vero e proprio discernimento anche in … Continua a leggere C’E’UNO SCANDALO IN UNA COMUNITA’ ?SEGUITE L’ESAME DI SAN PAOLO

PERCHE’ SAN PAOLO VIENE RAPPRESENTATO CON UNA SPADA IN MANO ?

Era un fiero guerriero o qualcosa del genere? San Paolo armato di spada è una delle rappresentazioni più comuni a livello di statue o dipinti nelle chiese cattoliche di tutto il mondo. È un’immagine interessante, perché a prima vista potrebbe sembrare che Paolo fosse una sorta di grande guerriero. Era un guerriero, sì, ma non in battaglie fisiche. San Paolo viene spesso rappresentato con una spada per due motivi principali. Il primo è il fatto che il santo è ben noto per la sua Lettera agli Efesini, in cui descrive l’“armatura di Dio”. Usa l’armatura in genere indossata da un … Continua a leggere PERCHE’ SAN PAOLO VIENE RAPPRESENTATO CON UNA SPADA IN MANO ?

SANTI AQUILIA E PRISCILLA SPOSI E MARTIRI, DISCEPOLI DI SAN PAOLO

Aquila e Priscilla erano due coniugi giudeo-cristiani, molto cari all’apostolo s. Paolo per la loro fervente e molteplice collaborazione alla causa del Vangelo. Aquila, giudeo originario del Pònto, trasferitosi in tempo imprecisato a Roma, sposò Priscilla o Prisca, come è due volte chiamata. Troviamo i due santi per la prima volta a Corinto, quando Paolo vi arrivò nel suo secondo viaggio apostolico l’anno 51: essi erano venuti da poco nella capitale dell’Acaia provenienti da Roma, loro abituale dimora, in seguito al decreto dell’imperatore Claudio, che ordinava l’espulsione da Roma di tutti i giudei, fossero essi cristiani, o meno. Aquila e … Continua a leggere SANTI AQUILIA E PRISCILLA SPOSI E MARTIRI, DISCEPOLI DI SAN PAOLO

«Verrà giorno in cui non si sopporterà più la sana dottrina»….IN UN MONDO IN CUI LA MENZOGNA E’ POTENTE, LA VERITA’ SI PAGA CON LA SOFFERENZA…..

Per varie ragioni in questi giorni ho ripreso in mano la seconda Lettera di Paolo a Timoteo e devo dire che mi ha sorpreso per l’attualità dei contenuti. Direi che è stata una folgorazione. A parte i problemi di attribuzione, nei quali non è il caso di entrare, la lettera colpisce per come riesce a delineare le sofferenze alle quali va incontro l’autentico seguace di Gesù e per la chiarezza con cui indica il dovere di lottare contro gli errori presenti e di prepararsi a combattere i futuri. In genere i passi più citati della Lettera sono due: quello in … Continua a leggere «Verrà giorno in cui non si sopporterà più la sana dottrina»….IN UN MONDO IN CUI LA MENZOGNA E’ POTENTE, LA VERITA’ SI PAGA CON LA SOFFERENZA…..