LA MADONNA CI HA LASCIATO UN’ALTRA IMMAGINE DI SE’ OLTRE A QUELLA DI GUADALPE?

Anche se la rappresentazione è molto piccola, i simboli sono idonei alla cultura del Venezuela del XVII secolo Un capo tribale venezuelano, scelto dalla Vergine per evangelizzare gli indiani Coromoto, ha finito per diventare un moderno Giona che ha cercato in tutti i modi di sfuggire alla sua missione ma alla fine l’ha realizzata. La Madonna gli apparve due volte, dicendogli di battezzarsi, e due volte egli oppose resistenza. Quando la Vergine gli apparve per la prima volta, nel 1651, il capo indiano iniziò a imparare la fede cristiana insieme ad altri membri della tribù, ma preoccupato del fatto che … Continua a leggere LA MADONNA CI HA LASCIATO UN’ALTRA IMMAGINE DI SE’ OLTRE A QUELLA DI GUADALPE?

QUAL’ E’ LA PRIMA APPARIZIONE NOTA DELLA MADONNA DOPO L’ASSUNZIONE?

L’amore della Francia per la Vergine risale a molti secoli prima di Lourdes e La Salette La prima apparizione registrata della Madonna è avvenuta nell’anno 40. All’epoca era ancora viva e abitava a Gerusalemme, il che vuol dire che l’apparizione è stata un atto di bilocazione. Aveva promesso a un apostolo, Giacomo il Maggiore, che gli avrebbe fatto visita una volta che questi avesse iniziato il suo viaggio per portare il messaggio evangelico fino ai confini del mondo. Giacomo si trovava nell’attuale Spagna, e la Vergine si bilocò per fargli la visita promessa. Apparendo su una colonna di marmo, diede … Continua a leggere QUAL’ E’ LA PRIMA APPARIZIONE NOTA DELLA MADONNA DOPO L’ASSUNZIONE?

DOVE E QUANDO E’ MORTA MARIA?

di FRANCISCANOS.ORG | Feb 05, 2017 Sia chi parla di morte naturale che chi parla di sonno profondo ha buone argomentazioni Di Fra’ Clarêncio Neotti, OFM Nel corso della storia, sia i teologi che la pietà popolare si sono divisi sull’idea che Maria sia di fatto morta o si sia solo addormentata e sia stata portata in cielo in corpo e anima dagli angeli. La basilica in suo onore a Gerusalemme si chiama proprio Dormitio Mariæ, e anche uno dei documenti più antichi che abbiamo sugli ultimi giorni di Maria riporta questo titolo. Il dogma dell’Assunzione di Maria, proclamato nel 1950, … Continua a leggere DOVE E QUANDO E’ MORTA MARIA?

A SANTA MARIA MAGGIORE RIVIVE IL “MIRACOLO DELLA NEVE”

Nella basilica papale di Roma si terrà domani sera, per il trentacinquesimo anno consecutivo, la manifestazione in ricordo del prodigio avvenuto nel 358 d.C. REDAZIONE ROMA In ricordo del “Miracolo della Neve” avvenuto nel 358 dopo Cristo sul Colle Esquilino, sulla piazza di Santa Maria Maggiore domani sera, per il trentacinquesimo anno consecutivo, sarà rievocato il prodigio con una manifestazione patrocinata dal Ministero per i beni e le attività culturali, da Regione Lazio eComune di Roma.   Luci, raggi laser, proiezioni e musica – spiega l’ideatore, l’architetto Cesare Esposito – rievocheranno l’evento atmosferico del tutto inusuale sulla città di Roma … Continua a leggere A SANTA MARIA MAGGIORE RIVIVE IL “MIRACOLO DELLA NEVE”

ECCO PERCHE’ SANT’ANNA E’ LA PROTETTRICE DELLE PARTORIENTI

Sapevate perché passare sotto alla “Porta Aurea” di Gerusalemme sia di buon auspicio per le donne che vogliono diventare mamme? Il 26 luglio la liturgia cattolica festeggia Sant’Anna che certamente è una delle sante più popolari d’Italia, come prova l’enorme diffusione del suo culto e del suo nome che deriva dall’ebraico Hannah (grazia). Noi non sappiamo molte cose su Anna, madre di Maria. Ma, quello che sappiamo, basta per ispirarci una reale devozione verso di lei e riflessioni salutari a suo riguardo. Un testo apocrifo, il Protoevangelo di Giacomo narra che Gioacchino ed Anna “erano due coniugi uniti, modesti e … Continua a leggere ECCO PERCHE’ SANT’ANNA E’ LA PROTETTRICE DELLE PARTORIENTI

LA PESTE , IL NASTRO DELLA MADONNA E IL MIRACOLO

Grazie ai progressi della Medicina, oggi non immaginiamo neanche la paura che suscitava anticamente la parola “peste”. Questa storia ce ne darà un’idea… Grazie ai progressi della Medicina moderna, oggi non abbiamo idea della paura che suscitava anticamente la parola “peste”. La conoscenza di quelli che sono i batteri che provocano la peste, di come si diffondono e come possono essere combattuti era praticamente nulla, e sapere che la peste era comparsa in una città terrorizzava tutti. Nel 1008 a Valenciennes, nel nord della Francia, c’era un buon motivo per aver paura, perché in pochi giorni morirono circa 8.000 persone. … Continua a leggere LA PESTE , IL NASTRO DELLA MADONNA E IL MIRACOLO

“LA DEVOZIONE MARIANA DEVE SEMPRE PORTARE A GESU’ ”, SOTTOLINEA UN TEOLOGO NEL MESE DEDICATO A MARIA

Per l’esperto, il mese di maggio dev’essere dedicato non solo alla devozione nei confronti della Madonna, ma anche alla sua conoscenza Il mese di maggio è dedicato alla devozione mariana. Fr. Afonso Murad, teologo e membro della Academia Marial, sottolinea che questa devozione deve però sempre portare a Gesù. “Maria forma il cuore dei cristiani perché siano seguaci di Gesù”, ha ricordato. Secondo padre Rivelino Nogueira, membro del movimento sacerdotale mariano, l’associazione della Madonna al mese di maggio è una tradizione europea che lega la figura di Maria all’inizio della primavera, caratterizzato dalle rose e dai fiori. La prima associazione del … Continua a leggere “LA DEVOZIONE MARIANA DEVE SEMPRE PORTARE A GESU’ ”, SOTTOLINEA UN TEOLOGO NEL MESE DEDICATO A MARIA