CARDINALE BRANMULLER: “IL SILENZIO SULL’OMOSESSUALITA’ NELLA CHIESA VA COMBATTUTO.

Gli organizzatori del recente vertice sugli abusi sessuali svoltosi in Vaticano hanno deliberatamente messo sotto silenzio la questione dell’omosessualità per promuovere un “programma omosessuale” nella Chiesa e proteggere le reti omosessuali che prosperano in un “clima di complicità e cospirazione del silenzio”. Le affermazioni sono del cardinale Walter Brandmüller, che in un’intervista a Edward Pentin per il National Catholic Register ha detto che “discutere del problema dell’omosessualità sarebbe diventato pericoloso per loro, perché è evidente che esiste una rete di omosessuali all’interno del Vaticano”. “Il problema è questo, non c’è dubbio”, ha aggiunto il cardinale. “Questo silenzio deve essere rotto”, sostiene Brandmüller. Ecco perché … Continua a leggere CARDINALE BRANMULLER: “IL SILENZIO SULL’OMOSESSUALITA’ NELLA CHIESA VA COMBATTUTO.

SULLA SCIA DI SAN GIOVANNI PAOLO II, Mons. Athanasius Schneider contro l’idolo dell’ideologia dell’omosessualità, cioè il gender……

Un appello della Fondazione Lepanto Osi, Monsignore! Venticinque anni dopo… Venticinque anni fa, l’8 febbraio del 1994, il Parlamento Europeo votò una risoluzione che invitava gli Stati europei a promuovere e a tutelare giuridicamente l’omosessualità. Nell’Angelus del 22 febbraio 1994 il Santo Padre Giovanni Paolo II si rivolse all’opinione pubblica mondiale affermando che «l’approvazione giuridica dell’omosessualità non è ammissibile (…)Con la Risoluzione del Parlamento Europeo si è chiesto di legittimare un disordine morale. Il Parlamento ha conferito indebitamente un valore istituzionale a comportamenti devianti, non conformi al piano di Dio». Nel maggio di quello stesso anno, il Centro Culturale Lepanto, … Continua a leggere SULLA SCIA DI SAN GIOVANNI PAOLO II, Mons. Athanasius Schneider contro l’idolo dell’ideologia dell’omosessualità, cioè il gender……

TERZA TESTIMONIANZA DI VIGANO’ -VIGANÒ RISPONDE AL CARD. OUELLET. LA TERZA TESTIMONIANZA. ENGLISH TEXT TOO.

Nella Memoria dei Martiri dell’America Settentrionale Testimoniare la corruzione nella gerarchia della Chiesa cattolica è stata per me una decisione dolorosa, e lo è ancora. Ma sono un anziano, uno che sa che presto dovrà rendere conto al Giudice delle proprie azioni e omissioni, che teme Colui che può gettare corpo e anima nell’inferno. Giudice, che pur nella sua infinita misericordia “renderà a ciascuno secondo i meriti il premio o la pena eterna” (Atto di fede). Anticipando la terribile domanda di quel Giudice: “Come hai potuto, tu che eri a conoscenza della verità, rimanere in silenzio in mezzo a tanta … Continua a leggere TERZA TESTIMONIANZA DI VIGANO’ -VIGANÒ RISPONDE AL CARD. OUELLET. LA TERZA TESTIMONIANZA. ENGLISH TEXT TOO.

ABUSI SESSUALI, HERDER KORRESPONDENZ: IL PAPA HA BLOCCATO LA CREAZIONE DEL TRIBUNALE PER I VESCOVI RESPONSABILI E IL CARDINALE COCCOPALMERIO ALLA CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE HA PROMOSSO UN ATTEGGIAMENTO INDULGENTE VERSO I SACERDOTI RESPONSABILI DI ABUSI SESSUALI

Marco Tosatti Dopo l’importante inchiesta di Der Spiegel sul Pontefice , intitolata “Non dire falsa testimonianza”, anche un altro giornale tedesco, che certamente neanche il più forsennato bergoglista potrebbe giudicare di area conservatrice, l’ “Herder Korrespondenz” si occupa del vertice della Chiesa, dei suoi personaggi discutibili e delle sue ambiguità- Benjamin Leven, un noto teologo ed editore tedesco racconta in un saggio come, in base alle sue fonti vaticane è stato il card. Francesco Coccopalmerio, uno degli uomini più fidati di papa Bergoglio, che alla Congregazione per la Dottrina della Fede ha promosso un atteggiamento di indulgenza nei confronti dei … Continua a leggere ABUSI SESSUALI, HERDER KORRESPONDENZ: IL PAPA HA BLOCCATO LA CREAZIONE DEL TRIBUNALE PER I VESCOVI RESPONSABILI E IL CARDINALE COCCOPALMERIO ALLA CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE HA PROMOSSO UN ATTEGGIAMENTO INDULGENTE VERSO I SACERDOTI RESPONSABILI DI ABUSI SESSUALI

OMOERESIA E OMOPRAXIA. PERCHÈ IL PAPA NON CHIAMA I PROBLEMI CON IL LORO NOME? POSSIBILI RISPOSTE.

Qualche giorno orsono, dopo che era stata resa pubblica la lettera del papa ai vescovi sugli abusi in Cile, Stilum Curiae commentava: il papa non vede l’elefante in sagrestia, o non ne parla. L’elefante – e ogni giorno che passa appare pù chiaro – è l’omosessualità nella Chiesa. Le cifre sono evidenti: almeno quattro quinti degli abusi sono di natura omosessuale, praticati da preti omosessuali. Allora perché invece il Pontefice, e con lui tutti i coricanti a scendere, salvo qualche vescovo coraggioso, e i laici, non lo dicono; anzi sembra che vogliano evitare a ogni costo di usare quel termine? … Continua a leggere OMOERESIA E OMOPRAXIA. PERCHÈ IL PAPA NON CHIAMA I PROBLEMI CON IL LORO NOME? POSSIBILI RISPOSTE.

A PROPOSITO DI ABUSI SESSUALI, OMOSESSUALITA’ , SUB-CULTURA GAY…. Quel che il papa dice. E quel che non dice…La “Lettera al popolo di Dio” sugli abusi sessuali ignora la questione omosessualità e non parla mai di vescovi. Mentre pastori ormai compromessi restano ai loro posti….

Non è piaciuta a tutti la Lettera al popolo di Dio scritta da Francesco in seguito al deflagrare della crisi dopo il rapporto del gran giurì della Pennsylvania su mille casi di abusi a danno di trecento vittime nell’arco di settant’anni, con ampie coperture e insabbiamenti da parte delle gerarchie. LifeSiteNews (https://www.lifesitenews.com/news/pope-francis-blames-u.s.-sex-abuse-crisis-on-clericalism-fails-to-mention-h) osserva che la lettera sta ricevendo critiche da parte dei fedeli perché non specifica le azioni concrete da adottare e ignora la questione di fondo dell’omosessualità dilagante nel clero. Il papa punta il dito contro il «clericalismo», inteso come «un modo anomalo» di considerare e vivere l’autorità della Chiesa, … Continua a leggere A PROPOSITO DI ABUSI SESSUALI, OMOSESSUALITA’ , SUB-CULTURA GAY…. Quel che il papa dice. E quel che non dice…La “Lettera al popolo di Dio” sugli abusi sessuali ignora la questione omosessualità e non parla mai di vescovi. Mentre pastori ormai compromessi restano ai loro posti….

LOBBY GAY IN VATICANO – Dalle buone intenzioni alla lobby. Fenomenologia della “Chiesa gay”

Il grande pensatore spagnolo Juan Donoso Cortés diceva che le ideologie politiche non sono altro che eresie secolarizzate. Anche il filosofo Augusto Del Noce parlò di nazismo e comunismo come di «gnosticismo di massa». Ora, le ideologie-eresie non potrebbero affermarsi su popoli di tradizione cristiana se, come tutte le eresie, non contenessero brandelli di verità cristiana. Lo straordinario successo, per esempio, del comunismo non ci sarebbe stato senza la particolare insistenza sull’eguaglianza e la giustizia sociale. Proprio per questo, ogni volta che una nuova ideologia si è affacciata all’orizzonte, ecco gruppetti di cristiani salutarla con giubilo e candidarsi al ruolo di … Continua a leggere LOBBY GAY IN VATICANO – Dalle buone intenzioni alla lobby. Fenomenologia della “Chiesa gay”