C’E’ CHI VUOLE GIOVANNI PAOLO II “DOTTORE DELLA CHIESA ”

L’episcopato polacco ha richiesto che san Giovanni Paolo II sia proclamato dottore della Chiesa e compatrono d’Europa. «In ventisei anni di pontificato ha dato un apporto enorme alla riflessione della Chiesa universale», dichiara ad Aleteia il suo biografo Bernard Lecomte. Clicca qui per aprire la galleria fotografica Presidente della Conferenza dei Vescovi di Polonia, mons. Stanisław Gądecki ha chiesto a Papa Francesco, a nome dell’episcopato del Paese, che san Giovanni Paolo II sia proclamato dottore della Chiesa e compatrono d’Europa – ne dà notizia Vatican News. L’autore dell’opera Le monde selon Jean Paul II [Il mondo secondo Giovanni Paolo II, N.d.T.] dichiara: Giovanni Paolo II … Continua a leggere C’E’ CHI VUOLE GIOVANNI PAOLO II “DOTTORE DELLA CHIESA ”

AUMENTARE IL VOSTRO AMORE PER LA BIBBIA CON QUESTA PREGHIERA DI SAN GIOVANNI PAOLO II

Chiede a Dio di far sì che nel nostro cuore aumenti l’amore per il testo sacro Se molti di noi si considerano cristiani, non sempre si nutrono lo stesso amore e la stessa passione per la Bibbia.Il testo sacro, la “lettera d’amore” di Dio, merita però una considerazione maggiore. Ecco una breve preghiera scritta da San Giovanni Paolo II che chiede a Dio di donarci un amore più profondo per la Sua Parola: Gesù, potere e saggezza di Dio, ispira in noi l’amore per la Sacra Scrittura in cui si sente la voce del Padre che illumina, infiamma, nutre e … Continua a leggere AUMENTARE IL VOSTRO AMORE PER LA BIBBIA CON QUESTA PREGHIERA DI SAN GIOVANNI PAOLO II

I GENITORI DI GIOVANNI PAOLO II VERSO GLI ALTARI : PRESTO LA CAUSA DI BEATIFICAZIONE

    «Non c’è il minimo dubbio che la spiritualità del futuro santo pontefice si sia formata in famiglia e grazie alla fede dei suoi genitori» Nel corso della 384ª plenaria dell’episcopato polacco (8-9 ottobre) i vescovi hanno discusso diversi aspetti delle celebrazioni del 100° anniversario della nascita di Karol Wojtyla che cadrà il 18 maggio 2020. L’arcidiocesi di Cracovia ha ottenuto così, da parte della Conferenza episcopale, l’assenso a rivolgersi alla Santa Sede per il nulla osta all’istruzione a livello diocesano del processo di beatificazione dei genitori di Giovanni Paolo II, Karol Wojtyla e Emilia Kaczorowska (Agensir, 11 ottobre). J. DAVID AKE / AFP … Continua a leggere I GENITORI DI GIOVANNI PAOLO II VERSO GLI ALTARI : PRESTO LA CAUSA DI BEATIFICAZIONE

PADRE PIO : GLI OMAGGI DI GIOVANNI PAOLO II E BENEDETTO XVI

Un aspetto essenziale del sacerdozio “ravvisabile nella vita di padre Pio, è l’offerta che il sacerdote fa di se stesso, in Cristo e con Cristo, come vittima di espiazione e di riparazione per i peccati degli uomini”. Così nel maggio 1987 Papa Giovanni Paolo II parlava di Padre Pio a San Giovanni Rotondo, primo Pontefice a rendere omaggio al futuro santo francescano che lui stesso avrebbe canonizzato nel 2002. “Questa offerta – sottolineava Giovanni Paolo II – deve raggiungere la sua massima espressione nella celebrazione del sacrificio eucaristico. E chi non ricorda il fervore col quale padre Pio riviveva, nella Messa, la passione di Cristo? Da … Continua a leggere PADRE PIO : GLI OMAGGI DI GIOVANNI PAOLO II E BENEDETTO XVI

IL GRANDE AMICO DI GIOVANNI PAOLO II, STANISLAW GRYGIEL, spiega qual è, a suo avviso, la natura dell’attuale crisi della Chiesa e pronuncia parole assai nette:”La Chiesa d’oggi ha bisogno di un Mosè che, portato dall’ira del Dio misericordioso, con cui egli parla sul monte, metterà a ferro e fuoco tutti i vitelli d’oro nella cui adorazione il popolo, con il permesso di tanti pastori, sta cercando la felicità”.

Intervista / Stanisław Grygiel: “Non si rinnova la casa distruggendola”. Stanisław Grygiel, filosofo polacco, grande amico di san Giovanni Paolo II e fino a poco tempo, prima del suo allontanamento, docente al Pontificio istituto teologico fondato proprio da papa Wojtyła. Un’intervista a tutto campo, nella quale il professor Griygiel accenna alla vicenda che lo ha visto coinvolto ma soprattutto spiega qual è, a suo avviso, la natura dell’attuale crisi della Chiesa e pronuncia parole assai nette:”La Chiesa d’oggi ha bisogno di un Mosè che, portato dall’ira del Dio misericordioso, con cui egli parla sul monte, metterà a ferro e fuoco … Continua a leggere IL GRANDE AMICO DI GIOVANNI PAOLO II, STANISLAW GRYGIEL, spiega qual è, a suo avviso, la natura dell’attuale crisi della Chiesa e pronuncia parole assai nette:”La Chiesa d’oggi ha bisogno di un Mosè che, portato dall’ira del Dio misericordioso, con cui egli parla sul monte, metterà a ferro e fuoco tutti i vitelli d’oro nella cui adorazione il popolo, con il permesso di tanti pastori, sta cercando la felicità”.

QUEL PATTO CONTRO LA VIOLENZA E REGIMI SIGLATO TRA GIOVANNI PAOLO II E RATZINGER

Due Istruzioni hanno saldato il pensiero dell’allora pontefice e del Prefetto. Ma in Argentina gli intelllettuali e Bergoglio avevano una visione diversa Nel 1975, Paolo VI pubblicò l’esortazione apostolica Evangelii Nuntiandi nella quale si dice chiaramente che «la violenza non è né cristiana, né evangelica», e che «i cambi bruschi e violenti delle strutture saranno ingannevoli, inefficaci in loro stessi e sicuramente non conformi alla dignità del popolo». In seguito, Giovanni Paolo II ben supportato dal prefetto della Dottrina della Fede, Joseph Ratzinger (il futuro papa Benedetto XVI), si pronuncerà ancora in forma più diretta sulle virtù e gli errori dottrinali di quell’epoca. Un vero e proprio “patto” tra … Continua a leggere QUEL PATTO CONTRO LA VIOLENZA E REGIMI SIGLATO TRA GIOVANNI PAOLO II E RATZINGER

SULLA SCIA DI SAN GIOVANNI PAOLO II, Mons. Athanasius Schneider contro l’idolo dell’ideologia dell’omosessualità, cioè il gender……

Un appello della Fondazione Lepanto Osi, Monsignore! Venticinque anni dopo… Venticinque anni fa, l’8 febbraio del 1994, il Parlamento Europeo votò una risoluzione che invitava gli Stati europei a promuovere e a tutelare giuridicamente l’omosessualità. Nell’Angelus del 22 febbraio 1994 il Santo Padre Giovanni Paolo II si rivolse all’opinione pubblica mondiale affermando che «l’approvazione giuridica dell’omosessualità non è ammissibile (…)Con la Risoluzione del Parlamento Europeo si è chiesto di legittimare un disordine morale. Il Parlamento ha conferito indebitamente un valore istituzionale a comportamenti devianti, non conformi al piano di Dio». Nel maggio di quello stesso anno, il Centro Culturale Lepanto, … Continua a leggere SULLA SCIA DI SAN GIOVANNI PAOLO II, Mons. Athanasius Schneider contro l’idolo dell’ideologia dell’omosessualità, cioè il gender……