FINE DELLA SANTA ROMANA CHIESA COL MOTU PROPRIO DI FRANCESCO: PROSSIMAMENTE ANCHE IL NUOVO MESSALE! 

LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI «MOTU PROPRIO» DEL SOMMO PONTEFICE  FRANCESCO “Magnum Principium” CON LA QUALE VIENE MODIFICATO IL CAN. 838 DEL CODICE DI DIRITTO CANONICO   L’importante principio, confermato dal Concilio Ecumenico Vaticano II, secondo cui la preghiera liturgica, adattata alla comprensione del popolo, possa essere capita, ha richiesto il grave compito, affidato ai Vescovi, di introdurre la lingua volgare nella liturgia e di preparare ed approvare le versioni dei libri liturgici. La Chiesa Latina era consapevole dell’incombente sacrificio della perdita parziale della propria lingua liturgica, adoperata in tutto il mondo nel corso dei secoli, tuttavia aprì volentieri la porta … Continua a leggere FINE DELLA SANTA ROMANA CHIESA COL MOTU PROPRIO DI FRANCESCO: PROSSIMAMENTE ANCHE IL NUOVO MESSALE! 

STORIA DELLA COMUNIONE SULLA MANO : UN ABUSO LITURGICO 

Cronistoria di un abuso liturgico filo-protestante: ecco come il nuovo modo della Comunione nelle mani si fece largo nella Chiesa Don Marcello Stanzione, Presidente dell’Associazione ‘Milizia di San Michele Arcangelo’ Città del Vaticano – Nel XVI secolo, i riformatori protestanti, nel loro nuovo culto cristiano, ristabilirono la Comunione sulla mano per affermare due loro eresie fondamentali: non esisteva affatto la cosiddetta ‘transustanziazione’ e il pane usato era pane comune. In altre parole, sostenevano che la reale presenza di Cristo nell’Eucarestia fosse solo una superstizione papista ed il pane fosse solo semplice pane e chiunque lo potesse maneggiare. Inoltre, affermarono che … Continua a leggere STORIA DELLA COMUNIONE SULLA MANO : UN ABUSO LITURGICO 

BENEDETTO XVI : OMOSESSUALITA’ MAI MORALMENTE GIUSTIFICABILE

L’affermazione nel libro-intervista «Luce del mondo» L’omosessualità è «una grande prova» di fronte alla quale una persona può trovarsi, «così come una persona può dovere sopportare altre prove». Ma «non per questo diviene moralmente giusta». Lo afferma Benedetto XVI nel libro-intervista Luce del mondo , scritto in forma di conversazione con il giornalista tedesco Peter Seewald e presentato martedì in Vaticano. Nel capitolo 14 si legge: «Se qualcuno presenta delle tendenze omosessuali profondamente radicate – ed oggi ancora non si sa se sono effettivamente congenite oppure se nascano invece con la prima fanciullezza – se, in ogni caso, queste tendenze hanno un … Continua a leggere BENEDETTO XVI : OMOSESSUALITA’ MAI MORALMENTE GIUSTIFICABILE

RATISBONA , GOTTI-TEDESCHI ” SCANDALI PER AVVERTIRE ,LI CONOSCO OCCORRE CAPIRE RINUNCIA RATZINGER

Un nuovo scandalo ha investito in queste ore la Chiesa. E’ infatti venuta alla luce la vicenda di 547 bambini che, tra il 1945 e l’inizio degli anni ’90, avrebbero subito violenze nel coro del Duomo di Ratisbona, il più antico coro di voci bianche del mondo e che fu anche diretto per trent’anni dal fratello del papa emerito Benedetto XVI, Georg Ratzinger. A fornire i numeri delle presunte violenze, l’avvocato Ulrich Weber, incaricato dalla Chiesa di far luce sul presunto scandalo. Secondo quanto rilevato dal legale in quel lungo periodo, bambini e ragazzi subirono violenze corporali e 67 violenze … Continua a leggere RATISBONA , GOTTI-TEDESCHI ” SCANDALI PER AVVERTIRE ,LI CONOSCO OCCORRE CAPIRE RINUNCIA RATZINGER

IL RAPPORTO ERA GIA’ PRONTO DA MARZO, scrive l’autorevole agenzia Acistampa, ma hanno preferito attendere….Una serie di coincidenze, visto il clamore delle parole per Meisner di Benedetto XVI e il ben servito dato a Muller…

Abusi sessuali  – Che coincidenze nell’inchiesta del coro Me, come direbbe Carlotta, la figlia Pasionaria di Guareschi, alle coincidenze ci credo. E tanto più se vengono da un Paese preciso e al di sopra di ogni sospetto come la Germania. Così, quando ho letto che “finalmente” è stato pubblicato il rapporto sulle violenze compiute sui passerotti del coro del Duomo di Ratisbona. E’ vero che parliamo di 547 episodi, spalmati nell’arco di circa mezzo secolo, e di cui per fortuna o grazie a Dio, come preferite, solamente 67 riguardano abusi sessuali. Gli altri rientrano in una pedagogia che adesso farebbe … Continua a leggere IL RAPPORTO ERA GIA’ PRONTO DA MARZO, scrive l’autorevole agenzia Acistampa, ma hanno preferito attendere….Una serie di coincidenze, visto il clamore delle parole per Meisner di Benedetto XVI e il ben servito dato a Muller…

PER BENEDETTO XVI UNA STRANA SORTA DI COINCIDENZA, UNO SCANDALO A OROLOGERIA….

Nonostante ciò che alcune persone potrebbero dire, non siamo nel campo del traffico di teorie di cospirazione. (Sebbene tu voglia una buona risata, controlla questa interpretazione di Bon Iver di alcune scelte preferite dal re di cospirazione Alex Jones. Non riesco a smettere di guardarlo.) Tuttavia, lasciatemi allineare alcuni punti per voi e vedremo se emerge un’immagine. Sabato, il Pontefice Benedetto XVI ha letto un messaggio a chi si è riunito al funerale del  cardinale Meisner. In esso, ha detto qualcosa che ha attirato molta attenzione: Ciò che mi ha colpito particolarmente dalle mie ultime conversazioni con il Cardinale ormai passato era la allegria allegra, la gioia interiore … Continua a leggere PER BENEDETTO XVI UNA STRANA SORTA DI COINCIDENZA, UNO SCANDALO A OROLOGERIA….

SCALO A SINGAPORE DEL CARDINALE PELL. Il cardinale che è la terza figura più potente del Vaticano fa scalo a Singapore prima del suo ritorno in Australia per affrontare le accuse storiche sugli abusi sessuali.

È stato visto fuori da un negozio di gelati con un amico a Singapore oggi, e poi nella hall del suo albergo Il cardinale Pell sta arrivando a Melbourne da Roma per comparire in tribunale il 26 luglio Il cardinale di 76 anni sta tornando in Australia per affrontare le accuse sugli abusi sessuali Egli nega tutte le accuse, dice che non vede l’ora di avere la sua giornata in tribunale   La terza figura più potente del Vaticano è stata vista fuori da un negozio di gelati a Singapore , dove ha fatto scalo, mentre stava tornando in Australia, … Continua a leggere SCALO A SINGAPORE DEL CARDINALE PELL. Il cardinale che è la terza figura più potente del Vaticano fa scalo a Singapore prima del suo ritorno in Australia per affrontare le accuse storiche sugli abusi sessuali.