GIOVANNI PAOLO II , IL PAPA DEL PERDONO

San Giovanni Paolo II è ricordato per migliaia di gesti, azioni, parole, segni che hanno reso così intenso e luminoso il suo lungo pontificato. Ma sicuramente un appellativo può essere assegnato al predecessore di Benedetto XVI: quello di Papa del perdono. Come dimenticare, infatti, le richieste di perdono avanzate a nome della Chiesa con straordinario coraggio da Karol Wojtyla? Nel corso del Grande Giubileo del 2000, ad esempio, Giovanni Paolo II così parlava in occasione della Giornata del perdono: “Come Successore di Pietro, ho chiesto che “in questo anno di misericordia la Chiesa, forte della santità che riceve dal suo Signore, si inginocchi dinanzi … Continua a leggere GIOVANNI PAOLO II , IL PAPA DEL PERDONO

ESCE IN POLONIA UN LIBRO DI MEMORIE DELL’ARCIVESCOVO MIECZYSLAW MOKRZYCKY, SEGRETARIO DI DUE PAPI…..San Giovanni Paolo II ‘ aveva chiesto ai suoi collaboratori se doveva dimettersi, ma è sempre stato consigliato contro’…. Quanto a Benedetto, egli “passava ore in ginocchio, a pregare” per le persone che avevano chiesto le sue preghiere, soprattutto per la loro salute.

Amici e collaboratori avevano detto che, come Santo Padre avrebbe dovuto portare avanti la sua missione fino alla fine, ha ricordato recentemente uno dei suoi segretari, l’attuale arcivescovo Mieczyslaw Mokrzycki. San Giovanni Paolo II aveva discusso delle sue dimissioni da papa con i suoi aiutanti, ma fu sconsigliato nell’interesse della Chiesa cattolica, ha raccontato il suo ex segretario in un libro pubblicato di recente in Polonia. Un libro di interviste con l’arcivescovo Mieczyslaw Mokrzycki, “Segretario di due Papi”, pubblicato il mese scorso, ha offerto una certa comprensione della vita quotidiana in Vaticano con Giovanni Paolo e il suo successore di … Continua a leggere ESCE IN POLONIA UN LIBRO DI MEMORIE DELL’ARCIVESCOVO MIECZYSLAW MOKRZYCKY, SEGRETARIO DI DUE PAPI…..San Giovanni Paolo II ‘ aveva chiesto ai suoi collaboratori se doveva dimettersi, ma è sempre stato consigliato contro’…. Quanto a Benedetto, egli “passava ore in ginocchio, a pregare” per le persone che avevano chiesto le sue preghiere, soprattutto per la loro salute.