“VIENI E VEDI ”: SE SEI SENZA FALSITA’ RICONOSCERAI IL SIGNORE , COME S. BARTOLOMEO

L’umiltà di andare a vedere e di abbandonare i propri pregiudizi davanti alla presenza e allo sguardo di Cristo sono anche oggi, sempre, il mezzo per riconoscerlo e seguirlo, fino alla fine In quel tempo Filippo incontrò Natanaèle e gli disse: «Abbiamo trovato colui del quale hanno scritto Mosè nella Legge e i Profeti, Gesù, figlio di Giuseppe di Nazaret».  Natanaèle esclamò: «Da Nazaret può mai venire qualcosa di buono?». Filippo gli rispose: «Vieni e vedi».  Gesù intanto, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c’è falsità».  Natanaèle gli domandò: «Come … Continua a leggere “VIENI E VEDI ”: SE SEI SENZA FALSITA’ RICONOSCERAI IL SIGNORE , COME S. BARTOLOMEO

Le parole perdute di Newman (e di san Pio X) – Il dovere di opporsi al mondo, l’inscindibile legame tra dogma e verità, il primato dello zelo sulla benevolenza. Echi da insegnamenti lontani, ma sempre attuali.

L’11 agosto è stato l’anniversario della morte del beato John Henry Newman, il grande convertito dall’anglicanesimo. Avrei desiderato ricordarlo il giorno stesso, ma non ce l’ho fatta. Non è certamente questa la sede per ripercorrere la vicenda umana e spirituale di Newman, né di tornare sul primato della coscienza, e dunque della verità, pensiero così centrale, e così attuale, nella sua riflessione. Vorrei puntare invece l’attenzione, sia pure in breve, su due aspetti del suo insegnamento, che si riassumono in altrettante parole assai desuete: la prima parola è battaglia e la seconda è dogma. Opporsi al mondo Un’affermazione di Newman, … Continua a leggere Le parole perdute di Newman (e di san Pio X) – Il dovere di opporsi al mondo, l’inscindibile legame tra dogma e verità, il primato dello zelo sulla benevolenza. Echi da insegnamenti lontani, ma sempre attuali.