ANCHE A RECCO E’ CUSTODITA UNA SPINA DELLA CORONA DI GESU’

Ecco la mappa dei luoghi in Italia dove vengono conservate le Sacre Spine Nella chiesa di “Nostra Signora delle Grazie“, a Megli, sulle alture di Recco (Genova), è conservata una reliquia molto venerata. Si tratta di una presunta spina che apparteneva alla corona di Gesù. Creative CommonsChiesa di “Nostra Signora delle Grazie” 45 millimetri La spina sarebbe stata portata a Recco da Fabiano e Giulio Ageno, recchesi e Capitani di galea di ritorno dalle Crociate, ed è collocata in una teca su un altare della chiesa. La spina è alta circa 45 millimetri ed molto sottile. La festa della Santa Spina si celebra il lunedì … Continua a leggere ANCHE A RECCO E’ CUSTODITA UNA SPINA DELLA CORONA DI GESU’

CONOSCETE LE PAROLE PRONUNCIATE DA GESU’PER RINNOVARE LA DEVOZIONE AL SUO SACRO CUORE ?

Viviamo in un mondo affamato d’amore, e quindi non stupisce che Egli abbia rivelato questo messaggio Il 27 dicembre 1673, una suora del Monastero della Visitazione di Paray-le-Monial (Francia) ricevette la grazia di sperimentare il Divino in un modo che lasciò un segno indelebile nella sua spiritualità. Anni dopo, ricordando quella visione, scrisse: “Il Signore mi disse: ‘Il mio divin Cuore è tanto appassionato d’amore per gli uomini e per te in particolare, che, non potendo più contenere in sé stesso le fiamme del suo ardente Amore, sente il bisogno di diffonderle per mezzo tuo e di manifestarsi agli uomini … Continua a leggere CONOSCETE LE PAROLE PRONUNCIATE DA GESU’PER RINNOVARE LA DEVOZIONE AL SUO SACRO CUORE ?

QUANDO LE ORME DI GESU’ RIMASERO IMPRESSE NELLA PIETRA .

La chiesa romana di Santa Maria in Palmis (Domine Quo Vadis) Clicca qui per aprire la galleria fotografica “Signore, dove vai? (Domine, quo vadis?)” è quello che Pietro chiese a Gesù in un’apparizione, mentre fuggiva da Roma per paura delle persecuzioni di Nerone contro i cristiani. “Vado a Roma perché mi crocifiggano di nuovo (Eo Romam iterum crucifigi)”, rispose il Signore, e allora Pietro comprese che doveva tornare indietro per affrontare il martirio, che doveva essere crocifisso e glorificare con la sua morte Nostro Signore Gesù Cristo. Secondo gli Atti di Pietro, uno scritto apocrifo, tutto questo avvenne sulla Via … Continua a leggere QUANDO LE ORME DI GESU’ RIMASERO IMPRESSE NELLA PIETRA .

LA CROCIFISSIONE: IN QUALE MODO GESU’ E’ STATO APPESO ALLA CROCE ?

Gli storici dicono che i chiodi venivano piantati sui polsi; il Vangelo ci dice che Gesù mostra i segni sulle mani. Come andarono i fatti? Ho letto che durante la crocifissione Gesù sarebbe stato trafitto dai chiodi sui polsi, per attaccarlo alla croce, perché questa era l’usanza dei Romani. Eppure, sul Vangelo si legge che Gesù mostra a San Tommaso i fori sulle mani, e anche le stimmate dei santi, da San Francesco a padre Pio, avvengono sulle mani. Come stanno le cose? Grazie se vorrete rispondere a questo mio piccolo dubbio. Risponde don Stefano Tarocchi, docente di Sacra Scrittura … Continua a leggere LA CROCIFISSIONE: IN QUALE MODO GESU’ E’ STATO APPESO ALLA CROCE ?

LE INCREDIBILI RELIQUIE DA SANT’ELENA IN TERRA SANTA

All’inizio del IV secolo sant’Elena di Costantinopoli, madre dell’imperatore Costantino, ha intrapreso un viaggio per recuperare quante più reliquie della vita di Gesù fosse possibile rinvenire. Clicca qui per aprire la galleria fotografica Dopo l’editto di Milano (313), l’interesse per il cristianesimo si era considerevolmente sviluppato in seno all’impero romano. Sant’Elena, madre dell’imperatore Costantino, era di quelli che desideravano saperne di più. Decise allora di recarsi alle fonti della fede cristiana, con un pellegrinaggio in Terra Santa finanziato dal figlio. Giunta che fu sul posto, chiese aiuto ai cristiani autoctoni per ritrovare diverse reliquie associate a Gesù Cristo. Tre croci Secondo … Continua a leggere LE INCREDIBILI RELIQUIE DA SANT’ELENA IN TERRA SANTA

LA SCALA SANTA CHE GESU’ HA PERCORSO RIAPRIRA’ TRA UN ANNO

Si dice che Sant’Elena l’abbia portata a Roma dal palazzo di Pilato a Gerusalemme Per secoli, i pellegrini che visitavano Roma hanno considerato la visita al pontificio santuario della Scala Santa un must nella loro lista dei luoghi da vedere. Lì salgono i gradini marmorei in ginocchio, meditando e pregando sulla Passione di Gesù. La devozione popolare si basa su un’antica tradizione cristiana che ci dice che Sant’Elena, madre dell’imperatore Costantino, fece trasportare a Roma i 28 gradini che si dice Gesù abbia salito il giorno in cui venne condannato a morte da Ponzio Pilato nel 362. I pellegrini salgono i gradini, noti come … Continua a leggere LA SCALA SANTA CHE GESU’ HA PERCORSO RIAPRIRA’ TRA UN ANNO

BENEDETTO XVI : LA LEZIONE DELLA TRASFIGURAZIONE DI GESU’

l’evangelista Luca sottolinea che Gesù salì sul monte “a pregare” (9,28) insieme agli apostoli Pietro, Giacomo e Giovanni e, “mentre pregava” (9,29), si verificò il luminoso mistero della sua trasfigurazione. Salire sulla montagna per i tre Apostoli ha perciò voluto dire essere coinvolti nella preghiera di Gesù, che si ritirava spesso in orazione, specialmente all’alba e dopo il tramonto, e talvolta per tutta la notte. Solo però quella volta, sulla montagna, Egli volle manifestare ai suoi amici la luce interiore che lo ricolmava quando pregava: il suo volto – leggiamo nel Vangelo – s’illuminò e le sue vesti lasciarono trasparire … Continua a leggere BENEDETTO XVI : LA LEZIONE DELLA TRASFIGURAZIONE DI GESU’