INTERVISTA A PAPA BENEDETTO XVI : CATECHESI SUL SUO SANTO OMONIMO PER L’ ANNO DI SAN GIUSEPPE…

Santo Padre, Papa Francesco ha proclamato l’anno di Giuseppe e ricorda ai fedeli l’elevazione di Giuseppe a patrono della Chiesa nel 1870. Che speranza associ a questo? 

Certo, sono particolarmente lieto che Papa Francesco stia portando così tanto San Giuseppe nella coscienza dei fedeli e quindi ho letto la Lettera Apostolica “Patris Corde” con particolare gratitudine e profonda approvazione, che il Santo Padre in occasione di l’elevazione di San Giuseppe a patrono di tutta la chiesa 150 anni fa. È un testo molto semplice che viene dal cuore e arriva al cuore, ma contiene una tale profondità.  Penso che questo testo debba essere letto e considerato più e più volte dai credenti e dovrebbe quindi contribuire a una purificazione e approfondimento della nostra venerazione dei santi in generale e di San Giuseppe in particolare. 

La Scrittura non trasmette una parola di San Giuseppe, ma esiste un’affermazione del Nuovo Testamento che esprima il suo carattere in modo particolarmente appropriato?

Sì, non c’è una sola parola di San Giuseppe che ci è pervenuta nella sua storia nel Nuovo Testamento. Ma c’è una corrispondenza tra la commissione dell’angelo che appare nel sogno e l’ azione di San Giuseppe, che lo caratterizza chiaramente come persona. Nella storia dell’istruzione data in sogno di portare Maria da sua moglie, la sua risposta è data semplicemente con una sola parola: “Si alzò e fece come gli era stato comandato” (Matteo 1:24). La corrispondenza tra commissione e azione appare ancora più forte nel racconto della Fuga in Egitto, in cui si usano le stesse parole: “Si alzò e prese il bambino e sua madre” (Matteo 2:14). Una terza volta le due parole vengono usate nuovamente in risposta alla notizia della morte di Erode e della possibilità di tornare in Terra Santa. Le due parole caratteristiche di Giuseppe si susseguono: “Si alzò e prese il bambino e sua madre” (Matteo 2:21).

La risposta nell’opera di San Giuseppe è molto più semplice: “Dopo esserne stato informato in sogno, andò in Galilea” (Matteo 2:22). Infine, in modo completamente diverso, lo stesso atteggiamento appare nel racconto dell’Adorazione dei Magi: “Quando entrarono in casa, videro il bambino con Maria sua madre” (Matteo 2:11). San Giuseppe non compare nell’incontro tra i Magi e il bambino Gesù. Questa silenziosa non apparizione è anche caratteristica e mostra molto chiaramente che, fondando la Sacra Famiglia, egli intraprese un servizio che richiedeva la massima determinazione e capacità organizzative, ma allo stesso tempo richiedeva il massimo della rinuncia. Il suo silenzio è anche la sua parola. Esprime il sì a 

Quali impressioni hai portato con te dai tuoi pellegrinaggi in Terra Santa, che sono particolarmente legati alla vita del tuo omonimo? 

Prima di tutto, devo dire che nei tour in Terra Santa che ho vissuto, San Giuseppe non compare quasi mai. È normale che non sia menzionato nei grandi luoghi del ministero pubblico di Gesù in Galilea, specialmente sul lago di Gennesareth e dintorni, così come in Giudea. Sarebbe in contraddizione con il suo atteggiamento di base di obbedienza silenziosa e di indietreggiare. Ma si potrebbe ben immaginare una parola su San Giuseppe a Nazareth come a Betlemme. Nazareth in particolare fa riferimento alla sua figura. È un luogo che non è menzionato per iscritto da nessuna parte al di fuori del Nuovo Testamento.

La completa assenza di tradizioni nazaretane al di fuori del Nuovo Testamento è così impressionante che Pierre Benoit, uno dei più importanti esegeti e presidente di lunga data della cole Biblique domenicana in Terra Santa, mi disse personalmente che alla fine era certo che era Nazareth a tutti non ha dato. Appena in tempo, prima che potesse pubblicare questa presunta intuizione, arrivò la notizia degli scavi riusciti a Nazareth, che ci hanno restituito questo posto. Da parte sua, il capo del gruppo francescano di escavatori ha confessato che di fronte a lunghi e infruttuosi tentativi di trovare tracce dell’antica Nazaret, era sul punto di arrendersi. Più era felice 

Il Messia previsto dall’Antico Testamento

In effetti, per Matteo, che ha basato ogni evento della vita di Gesù su una parola dell’Antico Testamento e quindi ha cercato di dimostrare che Gesù era davvero il Messia previsto dall’Antico Testamento, era una difficoltà di cui non c’era alcuna previsione profetica di cui in qualche modo parlasse Nazareth l’avrebbe fatto. Questa era una difficoltà fondamentale nella legittimazione di Gesù come il Promesso: Nazareth non aveva alcuna promessa in essa (cfr Gv 1, 46). Tuttavia, Matteo trovò tre modi per legittimare il Nazareno Gesù come Messia. La trilogia messianica di Isaia nel capitolo 7 9 11 porta nel capitolo 9 la predizione che una luce risplenderà nella terra delle tenebre. Matteo trovò la terra delle tenebre nella quasi pagana Galilea, dove Gesù iniziò il suo viaggio. 

Una seconda legittimazione di Nazareth risulta per Matteo dall’iscrizione sulla croce posta dal pagano Pilato, in cui Pilato dà consapevolmente il “titolo” (base giuridica) alla crocifissione di Gesù: “Gesù il Nazareno, il Re dei Giudei “(Giovanni 19, 19). La parola del Nazareno e del Nazareno, che è stata tramandata in due forme diverse, indica da un lato che Gesù era completamente consacrato a Dio, ma dall’altra registra la sua origine geografica. Così, come parte del mistero di Gesù, Nazareth è inseparabilmente collegata attraverso il pagano Pilato con la figura di Gesù stesso. 

“Il mistero di San Giuseppe
ha a che fare con il luogo di Nazaret dall’interno.”

Finalmente potrei immaginare che una catechesi su San Giuseppe in Terra Santa metta in gioco un terzo punto di vista che mette insieme i due precedenti e dà loro una nuova profondità. In uno dei canti natalizi tedeschi più famosi e belli, vediamo Gesù come la piccola rosa che ci è stata donata dalla Vergine Maria la notte di Natale. Se nel testo abituale di oggi all’inizio di una “rosa” e poi nella seconda strofa Maria è spiegata come la “rosa”, di cui dice Isaia e segna Maria come la vergine e la madre che ci ha portato il fiorellino, ci sono dei cambiamenti nel testo che richiedono chiarimenti. Secondo la mia personale ipotesi, all’inizio non c’era il “Ros”, ma il “Reis”, 

Il segreto del rampollo

Il moncone di Iesse, l’antenato della dinastia davidica, che aveva ricevuto la promessa di esistenza eterna, indica l’intollerabile contraddizione tra promessa e realtà per gli israeliti credenti: la dinastia davidica è perita e rimane solo un ceppo di albero morto. Ma ora il ceppo di albero morto sta diventando un segno di speranza: inaspettatamente, il riso ricresce da esso. Questo paradosso è interpretato nell’albero genealogico di Gesù in Matteo 1, 1–17 e Luca 3, 23–38 come una presenza vivente e, per gli evangelisti, porta un silenzioso riferimento alla nascita di Gesù dalla Vergine Maria. Giuseppe non è il vero padre biologico di Gesù, ma è lui davanti alla legge, davanti alla legge che è costitutiva di Israele. Il segreto del germoglio (il riso) diventa ancora più profondo qui: Non esce più vita da ciò che è proprio della tribù di Iesse; il moncone è morto davvero. Tuttavia, porta nuova vita nel figlio della Vergine Maria, il cui padre legale è Giuseppe. 

Tutto questo ha a che fare con il soggetto di Nazareth in quanto la parola Nazareth sembra contenere la parola “nezer”, “naser” (riso, germoglio). Il nome Nazareth potrebbe quindi essere tradotto come Sproßdorf. Un ricercatore tedesco, che rimase in Israele per tutta la vita, ha avanzato positivamente la teoria che Nazareth probabilmente emerse come un insediamento di Davidids dopo l’esilio babilonese, e che questo fosse accennato nel nome velato. Comunque sia: il mistero di San Giuseppe ha a che fare con il luogo di Nazareth dall’interno. È lui che, come riso dalle radici di Iesse, esprime la speranza di Israele. 

“In fondo c’era sempre una primula
come segno di primavera,
che San Giuseppe porta con sé”.

San Giuseppe è tradizionalmente invocato come aiuto per una buona ora della morte. Come ti senti riguardo a questa usanza?

Che San Giuseppe sia morto durante il tempo del ministero nascosto di Gesù può essere considerato certo. Viene menzionato per l’ultima volta in Luca 4:22 dopo la prima apparizione pubblica di Gesù nella sinagoga di Nazareth. Lo stupore della folla per ciò che Gesù ha detto e come lo ha detto si trasforma in dubbio quando chiedono: “Ma non è questo il figlio di Giuseppe?” (Luca 4:22). Se non viene più menzionato in seguito mentre sua madre ei suoi “fratelli” parlano, è un segno sicuro che non era più in vita. Quindi l’idea è fondata che ha concluso la sua vita terrena nelle mani di Maria. Chiedergli di fornirci un accompagnamento benevolo nell’ultima ora è una forma di pietà così fondata. 

Come è stato celebrato il tuo onomastico nella tua famiglia?

Il giorno di Giuseppe era l’onomastico di me e mio padre, che, quando possibile, veniva debitamente celebrato. Il più delle volte, la madre in qualche modo si era salvata un libro importante (per esempio il piccolo Herder). Inoltre, c’era una tovaglia speciale per l’onomastico, che assicurava che la colazione fosse celebrata. Hanno anche bevuto chicchi di caffè, che mio padre amava molto, ma che normalmente non potevamo permetterci. Del resto c’era sempre una primula come segno di primavera che San Giuseppe porta con sé. Infine la mamma ha sfornato una torta con glassa, che esprimeva in pieno lo straordinario della festa. Dalla mattina in poi, la cosa speciale del giorno di Giuseppe era presente in modo convincente. 

Hai sperimentato personalmente la difesa del tuo omonimo nella tua vita? 

 Quando sento una risposta alla mia preghiera, non ne divido l’origine tra i vari intercessori, ma mi sento obbligato a tutti insieme. 

FONTE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...