“MICROSPIE IN CHIESA”. SPY STORY A NARDO’ : INDAGA LA PROCURA

chiesa-san-domenico-nardò-cimice-e1548455913910

Le confessioni sarebbero diventate subito di dominio pubblico. Da qui i sospetti. All’origine della storia, problemi tra due confraternite. Il vescovo; questione ingrandita dai media

«In chiesa ci sono le microspie». Il caso incredibile riguarda Nardò, cittadina del Salento, dove una delle due confraternite presenti nella parrocchia di San Domenico, avrebbe piazzato delle microspie per carpire le conversazioni degli “avversari”.

La notizia, una volta verificata da un investigatore privato che avrebbe scoperto l’inghippo (due microspie), ha costretto il vescovo a sospendere due responsabili di una delle confraternite e sulla vicenda ora indaga la Procura (Nuovo Quotidiano di Puglia, 24 gennaio).

Esorcista? No grazie!

Tutto è nato da alcune voci sempre più insistenti circolate nella cittadina: ciò che si diceva all’interno della chiesa di San Domenico dopo poco tempo era già di dominio pubblico. Da qui la volontà di vederci chiaro.

Qualcuno ha pensato a chiamare un esorcista. Ma, prima di scomodare il soprannaturale, è stato interpellato un investigatore esperto al quale è bastato poco per trovare non una ma due microspie. Una era nascosta dietro la cassetta per la raccolta delle offerte; l’altra in un vecchio mobile.

“Cimici”

«Cimici» in chiesa? Non s’era mai visto. E per ascoltare cosa? Quali segreti si possono nascondere alle spalle dell’altare?

A quel punto è cominciata una girandola di interrogativi, sospetti, ipotesi, culminate – non poteva essere diversamente – con una denuncia.

I carabinieri hanno acquisito tutto il materiale ritrovato e predisposto una corposa istruttoria, consegnata alla Procura della Repubblica. Ora toccherà agli inquirenti risalire allo «spione», e capire il movente del reato. Chi voleva carpire segreti? (La Gazzetta del Mezzogiorno, 25 gennaio).

Il vescovo

I sospetti maggiori sono finiti sulle confraternite, da tempo non in buoni rapporti, che animano la parrocchia: San Luigi e Rosariani. Le “cimici” sarebbero servite per “ascoltare” le dicerie di alcuni confratelli.

A poche ore dalla diffusione della notizia, tramite il suo portavoce don Roberto Tarantino, il vescovo della diocesi Nardò-Gallipoli, monsignor Fernando Filograna è intervenuto per chiarire i contorni della vicenda ritenuta «ingrandita rispetto alla reale consistenza dei fatti». La Diocesi, fermo restando che «ogni situazione vada affrontata nelle sedi appropriate, civili e canoniche», parla del ritrovamento di un’unica microspia, «tra l’altro “non rivelatasi tale”» (Piazza Salento, 24 gennaio).

TRATTO DA  https://it.aleteia.org/2019/01/26/microspie-chiesa-spy-story-nardo-indaga-procura/

Gelsomino Del Guercio | Gen 26, 2019

 

2 pensieri su ““MICROSPIE IN CHIESA”. SPY STORY A NARDO’ : INDAGA LA PROCURA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...