COSTRUIRE LA PACE SOTTO IL SORRISO DI ROMERO E PAOLO VI

La Comunità di Sant’Egidio a Bologna inaugura la sua tre giorni con la benedizione di tre santi: Wojtyla, Montini, Romero Proprio oggi mentre a Piazza San Pietro verranno canonizzati papa Paolo VI e monsignor Oscar Romero, a Bologna la Comunità di Sant’Egidio sull’onda di quelle esperienze profetiche prova a continuare la strada della costruzione di “ponti di Pace”. La Comunità con Romero ha un legame strettissimo, monsignor Vincenzo Paglia ne è il postulatore, e la Comunità per anni ha pregato per questo riconoscimento, così per far conoscere in Italia la figura di questo santo vescovo del popolo, a sua volta legato a Paolo VI. … Continua a leggere COSTRUIRE LA PACE SOTTO IL SORRISO DI ROMERO E PAOLO VI

QUANTE DIFFICOLTA’ HA AVUTO PAPA MONTINI PER DIVENTARE SACERDOTE !

Il futuro Paolo VI era tormentato da gravi problemi di salute sin da ragazzino, ma ebbe la forza e l’ostinazione di finire gli studi Da sacerdote a Papa, poi beato e infine santo. Ne ha fatto di strada Papa Paolo VI, al secolo Giovanni Battista Montini, che domenica 14 ottobre, sarà canonizzato in piazza San Pietro. Un percorso, il suo, lungo, articolato, complicato da tanti ostacoli. Eppure quelli più insidiosi non li ha incrociati nel pieno della carriera o nel processo di canonizzazione. Le maggiori difficoltà Montini le ha incontrate… per diventare prete! In “Paolo VI” (edizioni Ares) Anna Maria Sicari spiega come il futuro Papa … Continua a leggere QUANTE DIFFICOLTA’ HA AVUTO PAPA MONTINI PER DIVENTARE SACERDOTE !

NON DIMENTICATE IL VOSTRO ANGELO CUSTODE PRIMA DI ANDARE A DORMIRE

Il Santo Curato d’Ars non ha mai dimenticato gli angeli custodi, “i nostri amici più fedeli”, e ha pensato anche a una breve preghiera da recitare la sera Clicca qui per aprire la galleria fotografica Le preghiere mattutine e serali possono diventare una routine, ma sono importanti perché danno un senso religioso alla vita quotidiana. Queste preghiere testimoniano che Dio è al centro della nostra esistenza. Anche gli angeli custodi, vincolo vivo tra Lui e gli esseri umani, meritano le loro, perché sono lì giorno e notte per realizzare la missione che Egli ha affidato loro. Gli angeli custodi “sono … Continua a leggere NON DIMENTICATE IL VOSTRO ANGELO CUSTODE PRIMA DI ANDARE A DORMIRE

QUANDO MONTSERRAT CABALLE’ AFFASCINO’ BENEDETTO XVI CANTANDO IL PADRE NOSTRO.

La più emblematica cantante d’opera spagnola è morta il 6 ottobre Sabato 6 ottobre è morta Montserrat Caballé, icona del bel canto spagnolo e donna che non esitava a esprimere pubblicamente la sua fede e la devozione che nutriva per la Vergine Maria. Nel corso della sua lunga carriera operistica ha interpretato molte opere di musica sacra. Vale la pena di riascoltare lo straordinario Padre Nostro che ha affascinato Papa Benedetto XVI in occasione dell’Incontro Mondiale delle Famiglie 2006 a Valencia, composto da José María Cano, uno dei membri del gruppo pop Mecano. Il famoso soprano spagnolo ha interpretato come nessun altro l’Ave Maria. … Continua a leggere QUANDO MONTSERRAT CABALLE’ AFFASCINO’ BENEDETTO XVI CANTANDO IL PADRE NOSTRO.

GIOVANNI XXIII , L’EREDITA’ DI UNA CAREZZA

L’11 ottobre è il giorno della memoria liturgica di San Giovanni XXIII. Una data che in realtà è un intreccio di celebrazioni, dal primo passo del Concilio Vaticano II alla celebre sera del “Discorso alla Luna” Alessandro De Carolis – Città del Vaticano Da Sotto il Monte alla vetta della santità. Nato tra poche anime per servirle tutte. L’alfa e l’omega di Angelo Roncalli, bimbo nato in una cascina e destinato, col nome di Giovanni XXIII, a rivoluzionare la Chiesa. Che dal 2014, anno della Canonizzazione, lo celebra l’11 ottobre, una data emblematica per il Pontificato di Papa Roncalli, la … Continua a leggere GIOVANNI XXIII , L’EREDITA’ DI UNA CAREZZA

10 OTTOBRE : SAN CERBONE

La cattedrale di San Cerbone è il luogo di culto cattolico più importante di Massa Marittima, cattedrale della diocesi di Massa Marittima-Piombino. Nel luglio del 1975 papa Paolo VI l’ha elevata alla dignità di basilica minore.[1]   Il Santo che trattiamo oggi, S. Cerbone(che dà nome anche ad alcune località e conventi lucchesi, come quello spettacoloso, di ritiro e preghiera delle Suore Figlie di S. Francesco di Sales a Massapisana) scappò invece dalla sua diocesi proprio al discendere in Italia, nel 568 dei Longobardi. Prima l’aveva difesa dalle incursioni dei Goti. Il re Totila per aver protetto e nascosto soldati romani e cristiani, lo mise a morte, nel cosiddetto Campo del Merlo, ma l’orso che … Continua a leggere 10 OTTOBRE : SAN CERBONE

SAN CERBONE , IL SANTO PATRONO DI MASSA MARITTIMA

FESTA 10 OTTOBRE In San Cerbone si scopre un vescovo che ammansiva gli orsi, mungeva le cerve, si faceva scortare fino alla soglia di San Pietro da oche selvatiche e celebrava la messa all’alba, accompagnato da un miracoloso coro angelico. Figura emblematica, le cui vicende biografiche sono spesso accumunate a quelle dell’arcivescovo africano Regolo, Cerbone è spesso raffigurato con l’attributo delle oche. È San Gregorio Magno (590-604) a fornirci gran parte della letteratura agiografica su San Cerbone, nel capitolo XI dei suoi Dialogi e mediante le biografie medievali relative alla vita di San Regolo (sec. VII o VIII). “Vescovo di Massa Marittima … Continua a leggere SAN CERBONE , IL SANTO PATRONO DI MASSA MARITTIMA