CONOSCETE LA TRADIZIONE RELIGIOSA DELLA CANDELORA ?

n questo modo la liturgia della Chiesa conclude, con quest’ultima festività, il ciclo dei Misteri di Cristo derivanti dal Natale. Il 2 febbraio di ogni anno si celebra quella festa che tradizionalmente è detta Candelora. Il significato di questa ricorrenza in realtà non è unitario, in quanto il suo tema principale, quello della luce, è comune a varie fedi e tradizioni religiose anche pre-cristiane. Per noi cristiani è significativa in quanto si celebra 40 giorni dopo il Natale del Signore. Secondo la legge di Mosè, contenuta nel libro del Levitico, ogni donna doveva presentarsi al Tempio dopo 40 giorni dal parto … Continua a leggere CONOSCETE LA TRADIZIONE RELIGIOSA DELLA CANDELORA ?

BENEDETTO XVI AI SALESIANI: ALLARGARE GLI AMBITI DELL’IMPEGNO EDUCATIVO

03/03/2008 di Archivio Notizie Un invito ad “allargare gli ambiti dell’impegno educativo con attenzione alle nuove povertà giovanili, all’educazione superiore, all’immigrazione”, ma anche “alla famiglia e al suo coinvolgimento”. A rivolgerlo oggi ai salesiani è il Papa, in un messaggio indirizzato a don Pascual Chavez Villanueva, rettore maggiore dei salesiani di don Bosco. Senza educazione – ha detto Benedetto XVI, rilanciando i contenuti della “Lettera” sul’educazione recentemente consegnata alla diocesi di Roma – non c’è evangelizzazione duratura e profonda, non c’è crescita e maturazione, non si dà cambio di mentalità e di cultura”: di qui la necessità di “valorizzare l’apporto all’educazione nel campo dell’evangelizzazione … Continua a leggere BENEDETTO XVI AI SALESIANI: ALLARGARE GLI AMBITI DELL’IMPEGNO EDUCATIVO

8 FATTI INEDITI SULLA VITA DI SAN GIUSEPPE SVELATI DA SANTI E PAPI

Renata Sedmakova | Shutterstock Gelsomino Del Guercio – pubblicato il 26/01/21 Santi e non solo. Anche beati, servi di Dio e papi a lui devoti ci fanno conoscere degli aspetti inediti di san Giuseppe: dai genitori evocati dalla mistica Emmerick alla profezia di santa Teresa d’Avila Otto pensieri su San Giuseppe, che ci aiutano a sentire più vicina la protezione del santo. Li riporta Don Marcello Stanzione, nel libro “Giuseppe di Nazareth” (Gribaudi), un insieme di storie e preghiere, mese per mese, dedicati a San Giuseppe, patrono della Chiesa universale. I pensieri di gennaio su San Giuseppe sono di santi, beati e papi a lui devoti. … Continua a leggere 8 FATTI INEDITI SULLA VITA DI SAN GIUSEPPE SVELATI DA SANTI E PAPI

COM’E’ AVVENUTA DAVVERO LA CONVERSIONE DI SAN PAOLO ?

Un lettore chiede spiegazioni sulla conversione di San Paolo. La risposta del biblista, che svela alcuni particolari: ad esempio è probabile che non fosse a cavallo, come spesso viene dipinto, ma a piedi Leggendo il brano della conversione di Paolo mi sono venute alcune curiosità. A parte il fatto che mai si dice nel racconto che fosse a cavallo quando cade, come invece viene generalmente dipinto, mi ha colpito anche il fatto che a seguito di questa caduta rimane cieco. Mi ha colpito anche che la voce che gli parla sia quella di Gesù, e non di Dio Padre. Questi … Continua a leggere COM’E’ AVVENUTA DAVVERO LA CONVERSIONE DI SAN PAOLO ?

IL BELLO DELLA LITURGIA

MADONNA SISTINA, LA PIU’ BELLA IMMAGINE CHE ABBIAMO DI MARIA La Madonna Sistina di Raffaello è, a detta di molti, l’immagine più bella che ci sia mai stata consegnata della Santissima Madre di Dio. E’ una vera e propria epifania quella che l’Urbinate ci offre. Nei secoli gli uomini hanno contemplato questo quadro che se per gli storici dell’arte rappresenta il vertice della produzione artistica di Raffaello, per tanti uomini, letterati, filosofi poeti, ha segnato l’incontro con una bellezza commovente. Raffaello Sanzio, Madonna Sistina, Dresda – Gemäldegalerie “Salve, Madre Santa: tu hai dato alla luce il Re che governa il cielo e la terra … Continua a leggere IL BELLO DELLA LITURGIA

NATALE, UNA STORIA VERA BETLEMME, LE PROFEZIE E LA STRAGE DEGLI INNOCENTI Gesù, concepito dalla Vergine e nato a Betlemme, ha realizzato ciò che di Lui fu detto dai profeti molti secoli prima della sua vita sulla terra. E quanto descritto dai Vangeli si inserisce perfettamente nella storia. Tra la nascita di Gesù (fine del 2 a.C.) e la morte di Erode (inizio dell’1 d.C.) rimangono circa 14 mesi, un tempo coerente con ciò che descrive san Matteo. Nel mezzo ci fu la Strage degli Innocenti, ordinata dal sovrano. Il luogo di nascita di Gesù è Betlemme di Giudea, a … Continua a leggere

PERCHE’ DIO HA VOLUTO FARSI PICCOLO ? LA RISPOSTA DI SAN PAOLOVI

Antoine Mekary/ALETEIA Kathleen Hattrup – pubblicato il 24/12/20 Dio avrebbe potuto venire pieno di potere per riempirci di stupore, ma ha scelto tutto il contrario In occasione del Natale 1971, Papa San Paolo VI ha affermato: “Dio avrebbe potuto venire vestito di gloria, di splendore, di luce, di potenza, a farci paura, a farci sbarrare gli occhi dalla meraviglia. No, no! È venuto come il più piccolo degli esseri, il più fragile, il più debole. Perché questo? Ma perché nessuno avesse vergogna ad avvicinarlo, perché nessuno avesse timore, perché tutti lo potessero proprio avere vicino, andargli vicino, non avere più nessuna distanza fra noi … Continua a leggere PERCHE’ DIO HA VOLUTO FARSI PICCOLO ? LA RISPOSTA DI SAN PAOLOVI

BENEDETTO XVI SPIEGA LA CENTRALITA’ DI SANTO STEFANO PER LA CHIESA

BENEDETTO XVI UDIENZA GENERALE Aula Paolo VIMercoledì, 10 gennaio 2007 Stefano il Protomartire Cari fratelli e sorelle, dopo il tempo delle feste ritorniamo alle nostre catechesi. Avevo meditato con voi le figure dei dodici Apostoli e di san Paolo. Poi abbiamo cominciato a riflettere sulle altre figure della Chiesa nascente e così oggi vogliamo soffermarci sulla persona di santo Stefano, festeggiato dalla Chiesa il giorno dopo Natale. Santo Stefano è il più rappresentativo di un gruppo di sette compagni. La tradizione vede in questo gruppo il germe del futuro ministero dei ‘diaconi’, anche se bisogna rilevare che questa denominazione è … Continua a leggere BENEDETTO XVI SPIEGA LA CENTRALITA’ DI SANTO STEFANO PER LA CHIESA

LA FESTA DELLE LUCI , IL 25 DICEMBRE E LA LUCE DEL MONDO

La Sacra Scrittura ci dice che il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce. La festa ebraica delle luci inizia in una data, il 25 kislev – mese che si colloca a cavallo tra novembre e dicembre – che fa drizzare le antenne. Non c’è la certezza della data esatta del Natale, bensì un intorno di giorni, ma la lettura dei due Testamenti e i fatti storici rendono plausibile il 25 dicembre. La mole di informazioni accumulate (vedi qui, qui, qui, qui, qui e qui) fornisce l’anno (2 a.C.) e il periodo (fine anno) in cui nacque Gesù: adesso possiamo cercare di comprendere il perché … Continua a leggere LA FESTA DELLE LUCI , IL 25 DICEMBRE E LA LUCE DEL MONDO

LA PREGHIERA DI NATALE SCRITTA DA SAN GIOVANNI PAOLOII

Shutterstock | Renata Sedmakova Gelsomino Del Guercio – pubblicato il 22/12/20 “Asciuga, Bambino Gesù, le lacrime dei fanciulli! Accarezza il malato e l’anziano!” Secondo Giovanni Paolo II, il Natale è l’occasione privilegiata per sottolineare uno dei valori cristiani più sentiti. Cioè il dono che ci ha offerto Dio con la nascita di Gesù Bambino. «Con la nascita di Gesù – afferma Wojtyla – nella semplicità e nella povertà di Betlemme, Dio ha ridato dignità all’esistenza d’ogni essere umano. Ha offerto a tutti la possibilità di partecipare alla sua stessa vita divina. Possa questo dono incommensurabile trovare sempre cuori pronti a riceverlo!» (11 dicembre 2003). “Adoriamo il Bambino Gesù” Nella … Continua a leggere LA PREGHIERA DI NATALE SCRITTA DA SAN GIOVANNI PAOLOII