BENEDETTO XVI: LA LITURGIA NON È UNO SHOW…

…Uno spettacolo che abbisogni di registi geniali e di attori di talento. La liturgia non vive di sorprese ” simpatiche “, di trovate ” accattivanti “, ma di ripetizioni solenni. Non deve esprimere l’attualità e il suo effimero ma il mistero del Sacro. Molti hanno pensato e detto che la liturgia debba essere “fatta” da tutta la comunità, per essere davvero sua. È una visione che ha condotto a misurarne il ” successo ” in termini di efficacia spettacolare, di intrattenimento. In questo modo è andato però disperso il proprium liturgico che non deriva da ciò che noi facciamo, ma dal fatto che qui accade Qualcosa che noi tutti insieme non possiamo proprio fare. Nella liturgia opera una forza, un potere che nemmeno la Chiesa tutta intera può conferirsi: ciò che vi si manifesta è lo assolutamente Altro che, attraverso la comunità (che non ne è dunque padrona ma serva, mero strumento) giunge sino a noi….Per il cattolico, la liturgia è la Patria comune, è la fonte stessa della sua identità: anche per questo deve essere ” predeterminata “, ” imperturbabile “, perché attraverso il rito si manifesta la Santità di Dio. Invece, la rivolta contro quella che è stata chiamata ” la vecchia rigidità rubricistica “, accusata di togliere ” creatività “, ha coinvolto anche la liturgia nel vortice del ” fai-da-te “, banalizzandola perché l’ha resa conforme alla nostra mediocre misura….
Il Concilio ci ha giustamente ricordato che liturgia significa anche actio, azione, e ha chiesto che ai fedeli sia assicurata una actuosa participatio, una partecipazione attiva… Certo, è un concetto sacrosanto che però, nelle interpretazioni postconciliari, ha subìto una restrizione fatale. Sorse cioè l’impressione che si avesse una ” partecipazione attiva ” solo dove ci fosse un’attività esteriore, verificabile: discorsi, parole, canti, omelie, letture, stringer di mani… Ma si è dimenticato che il Concilio mette nella actuosa participatio anche il silenzio, che permette una partecipazione davvero profonda, personale, concedendoci l’ascolto interiore della Parola del Signore. Ora, di questo silenzio non è restata traccia in certi riti.

da “Rapporto sulla fede”, Joseph Ratzinger, 1985

3 pensieri su “BENEDETTO XVI: LA LITURGIA NON È UNO SHOW…

    1. Nella Chiesa ciò che non è liturgico risulta superfluo, per cui non viene discusso. Questo concetto cardine della Chiesa Cattolica, credo che sia ignorato dai più…ma ciò che più preoccupa… è che viene dimenticato “stranamente” da chi dovrebbe tenerlo presente, specie per la corretta divulgazione dell’ordinamento della Chiesa stessa.
      Un piccolo esempio… molti vangeli apocrifi non è che siano vietati dalla Chiesa… semplicemente non vengono commentati perché non rivestono interesse liturgico.
      E si parla di Vangeli….oggi come oggi siamo a discutere cose che con la Chiesa, poco o addirittura nulla hanno a che fare. A chi spetta il compito di chiarire quali siano le prerogative della Chiesa e l’atteggiamento che questa deve tenere rispetto ai propri fedeli? Tutti lo sanno ma nessuno lo dice, preferendo e confondendo il ruolo della chiesa a show competitivo con programmi demenziali dalla dubbia identità….

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...