8 FATTI INEDITI SULLA VITA DI SAN GIUSEPPE SVELATI DA SANTI E PAPI

ŚWIĘTY JÓZEF

Renata Sedmakova | Shutterstock

Gelsomino Del Guercio – pubblicato il 26/01/21

Santi e non solo. Anche beati, servi di Dio e papi a lui devoti ci fanno conoscere degli aspetti inediti di san Giuseppe: dai genitori evocati dalla mistica Emmerick alla profezia di santa Teresa d’Avila

Otto pensieri su San Giuseppe, che ci aiutano a sentire più vicina la protezione del santo. Li riporta Don Marcello Stanzione, nel libro “Giuseppe di Nazareth” (Gribaudi), un insieme di storie e preghiere, mese per mese, dedicati a San Giuseppe, patrono della Chiesa universale.

I pensieri di gennaio su San Giuseppe sono di santi, beati e papi a lui devoti.

1) Emmerick rivela le critiche dei genitori a Giuseppe

“C’era nel carattere di Giuseppe qualche cosa di profondo e un gusto molto marcato per la solitudine. Eppure i suoi genitori non approvavano il suo modo di pensare, di fare. Lui era, secondo loro, troppo semplice ed umile. Ma non esisteva pensiero che piacesse di più a Giuseppe. Lui amava solo la preghiera ed il lavoro manuale” (Anna Caterina Emmerick).

DUSZE CZYŚĆCOWE WEDŁUG MISTYCZEK

2) Giovanni Paolo II: cari giovani, imparate alla scuola di San Giuseppe

“Vi propongo a modello di vita l’esempio di questo Santo grandissimo, ed affidarvi alla sua potente intercessione. Guardate spesso a lui, cari giovani, e troverete in lui una guida, un maestro, un appoggio nel cammino della vostra vita. Alla scuola di san Giuseppe, meglio che ad ogni altra, si impara quella familiarità con Gesù e sua Madre, che a lui fu concessa per un dono speciale, ma che anche voi potrete conoscere, se lo amerete con devozione” (Beato Giovanni Paolo II).

JOHN PAUL II

3) Benedetto XVI: appartiene legalmente alla tribù di Davide

“La genealogia rimane importante: Giuseppe è giuridicamente il padre di Gesù. Mediante lui, Egli appartiene secondo la Legge, “legalmente” , alla tribù di Davide. E tuttavia viene da altrove, “dall’altro” – da Dio stesso. Il mistero

del “di dove”, della duplice origine, ci viene incontro in modo molto concreto: la sua origine è determinabile e, tuttavia, è un mistero. Solo Dio è nel senso proprio il “Padre” suo” (Benedetto XVI).

PAPIEŻ BENEDYKT XVI, GALERIA ZDJĘĆ

4) La profezia a Santa Teresa d’Avila

“Una volta, trovandomi in necessità e non sapendo a chi ricorrere per pagare i lavoratori, mi apparve S. Giuseppe, mio vero padre e protettore, e mi fece comprendere che il denaro non mi sarebbe mancato, per cui non dovevo temere di andare innanzi. Così feci, senza neppure un soldo, e il Signore mi provvide in tal modo che, quando lo seppero, molti si meravigliarono grandemente” (S. Teresa D’Avila, Autobiografia, Cap. XXXIII -12).

Sainte Thérèse d'Avila

5) San Josemaria de Balaguer: ecco il significato del nome Giuseppe

“In ebraico, il nome di Giuseppe significa “Dio aggiungerà”. Dio aggiunge alla vita santa di coloro che compiono la sua volontà una dimensione insospettata: quella veramente importante, quella che dà valore a tutte le cose, quella divina. Alla vita umile e santa di Giuseppe Dio aggiunge – mi permetta di parlare così – la vita della Vergine Maria e quella di Gesù, nostro Signore” (San Josemaria de Balaguer, Omelia del marzo 1963).

6) Venerabile Aurelio Bacciarini: è il padrone del cuore di Gesù e Maria

“Come la Madonna è la Madre delle grazie, san Giuseppe è il Padre delle grazie e dei favori di Dio. I Santi ci hanno insegnato con il loro esempio a ricorrere a S. Giuseppe con grande illimitata fiducia: Santa Teresa assicura che non è mai ricorsa invano a questo dolcissimo Santo. E i Sommi Pontefici ci hanno sempre detto: “Ite ad Joseph”; andate a Giuseppe, o popoli cristiani, andate a Giuseppe; in questa valle di lacrime a chi ricorrete voi se non a questo fortunato Santo, che è il padrone del Cuore di Gesù e del Cuore della Madonna?” (Venerabile Mons. Aurelio Bacciarini).

7) San Giuseppe de la Salle ci descrive il carattere di San Giuseppe

San Giuseppe era un uomo giusto. Ed è naturale che sia così perché la giustizia è la dote più importante di cui aveva bisogno per guidare Gesù che era Dio e quindi la santità stessa. Non era ammissibile che chi doveva fargli da guida non fosse anch’egli santo e giusto al cospetto di Dio. Era anzi sommamente opportuno che, dopo la Santissima Vergine, egli fosse la persona più santa che si potesse trovare, per potere avere rapporti con Gesù, a lui direttamente affidato” (S. Giovanni Battista de la Salle).

8) Origene: la concessione “speciale” data a San Giuseppe

“Nulla ha contribuito Giuseppe nella generazione di Gesù, eccettuati il ministeroe l’affetto. Per cui, proprio per il fedele ministero, la Scrittura gli concesse il nome di padre” (Origene).



tratto da

https://it.aleteia.org/2021/01/26/8-pensieri-di-santi-e-papi-che-ci-svelano-chi-era-san-giuseppe/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...