COME SI PREPARAVANO AL NATALE I MONACI MEDIOEVALI ?

rievaulxabbey-wyrdlight-24588.jpg

Sebbene non fosse esattamente un giorno festivo in base agli standard odierni, nel Medioevo il Natale era sicuramente un momento denso di impegni per chi viveva all’interno un monastero.

Clicca qui per aprire la galleria fotografica
ggi restano solo le rovine dell’abbazia di Rievaulx, in passato grande abbazia cistercense nel nord dell’Inghilterra. Prima che Enrico VIII dissolvesse i monasteri nel 1538, Rievaulx era uno di quelli più estesi e ricchi, in cui risiedevano 140 monaci e 500 fratelli laici.Fino alla metà del XIV secolo, i monaci seguivano la Regola di San Benedetto, indicazioni per la vita comunitaria composte da Benedetto da Norcia nel 516. Gli esperti di English Heritage, organizzazione incaricata di mantenere 400 siti storici, hanno messo insieme un quadro di come doveva essere la vita dei monaci a Rievaulx in Avvento e a Natale.

Preghiera e lavoro

Nel corso dell’anno, la giornata di un monaco medievale trascorreva soprattutto tra lavoro e preghiera. Il Natale non faceva eccezione, anche se le giornate più brevi facevano sì che ci fosse meno tempo per entrambe le occupazioni.

Secondo English Heritage, la giornata dei monaci era divisa in tre parti. La maggior parte veniva trascorsa nell’Opus Dei, l’Ufficio Divino, composto da otto servizi o “uffici” ecclesiali che si tenevano durante la giornata.

Il resto della giornata era impiegato nella lectio divina o nelle letture spirituali del mattino e nell’opus manuum, il lavoro manuale del pomeriggio. Per i monaci di Rievaulx, ciò poteva significare giardinaggio, falegnameria o copiare manoscritti.

Digiuno d’Avvento

La Regola di San Benedetto era volta a incoraggiare la moderazione in ogni cosa, inclusa la dieta:
“Gli eccessi vanno evitati al di sopra di tutte le cose, nessun monaco sia mai colpevole di [consumare troppo], perché nulla è più indegno di un cristiano della gola”.

Anche se leggiamo che il vino non era considerata una bevanda per i monaci, e visto che tuttavia i monaci oggi non riescono a convincersene, concordiamo almeno sul fatto di non bere troppo, ma con moderazione.

In Avvento i monaci seguivano un regime più ristretto. Uova, grasso animale, latte e derivati del latte erano proibiti.

Secondo English Heritage, le regole sono state allentate nel XV secolo, e la carne veniva mangiata due volte a settimana, e molto probabilmente il giorno di Natale.

Natale

Oltre agli otto uffici quotidiani, che iniziavano alle 3.30, il giorno di Natale c’erano tre Messe – la Messa di mezzanotte, la Messa dell’alba e quella del giorno, nota anche come Messa Solenne. Al mattino i monaci ascoltavano anche un sermone nella loro sala capitolare.

L’abbazia di Rievaulx oggi

Le rovine dell’abbazia di Rievaulx sono una destinazione turistica popolare, e sono aperte ai visitatori dalle 10.00 alle 16.00 il sabato e la domenica. Sono disponibili degli audiotour per accompagnare nella visita. Un museo mostra gli artefatti che raccontano la storia di quella che era una volta una grande abbazia.

TRATTO DA https://it.aleteia.org/2019/12/17/come-si-preparavano-al-natale-i-monaci-medievali/

Zelda Caldwell | Dic 17, 2019

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...