STEFAN OSTER, VESCOVO DI PASSAU DICE: “GRAZIE BENEDETTO!”, in merito al saggio recentemente pubblicato sulla pedofilia nella Chiesa

Lo scorso Venerdì santo Stefan Oster, vescovo di Passau (diocesi della bassa Baviera), ha pubblicato sul suo sito Internet un commento al controverso saggio di Benedetto XVI sugli abusi nella Chiesa in cui esprime un’opinione diversa da quella negativa di tanti altri, tra cui moralisti e teologi, e la sua grande riconoscenza per quello scritto. Il papa emerito Benedetto XVI ha espresso un suo parere, e non perché – a mio modo di vedere – non intenda mantenere una presunta promessa di silenzio, che non ha mai fatto. E nemmeno interviene con presunzione su eventi da cui da lungo tempo … Continua a leggere STEFAN OSTER, VESCOVO DI PASSAU DICE: “GRAZIE BENEDETTO!”, in merito al saggio recentemente pubblicato sulla pedofilia nella Chiesa

SACRA SINDONE : PERCHE’ UN BRACCIO E ‘ PIU’ LUNGO DELL’ALTRO ?

Gli scienziati hanno usato le tecnologie più moderne per spiegare la questione Un dato evidenziato sulla Sacra Sindone è la differenza a livello di estensione delle braccia. L’anomalia ha sempre incuriosito gli esperti, soprattutto considerando la meravigliosa armonia del Corpo di Nostro Signore. La differenza fa sì che le mani non coincidano. Naturalmente dovrebbero incrociarsi e sovrapporsi allo stesso punto, mentre la mano destra supera la sinistra di qualche centimetro. Anche la posizione del braccio destro è diversa, perché è più separato dal corpo, come se l’intenzione fosse quella di forzare l’equidistanza con la posizione del braccio destro. In poche … Continua a leggere SACRA SINDONE : PERCHE’ UN BRACCIO E ‘ PIU’ LUNGO DELL’ALTRO ?

TERREMOTO IN VATICANO , BERGOGLIO SI RIVELA :”Mi piacciono molto i buoni luterani, i luterani che seguono la vera fede di Gesù Cristo . Tuttavia, non mi piacciono i tiepidi cattolici e non mi piacciono i tiepidi luterani “…

Bergoglio dice le cose più dure, la maggior parte incompatibili con il cattolicesimo. Dopo che il finto papa gesuita diede un discorso a un pubblico misto composto principalmente da giovani Novus Ordos e luterani il 13 ottobre 2016 in Vaticano, si impegnò … Continua a leggere TERREMOTO IN VATICANO , BERGOGLIO SI RIVELA :”Mi piacciono molto i buoni luterani, i luterani che seguono la vera fede di Gesù Cristo . Tuttavia, non mi piacciono i tiepidi cattolici e non mi piacciono i tiepidi luterani “…

REGOLA DI SAN BENEDETTO

La Regola dell’Ordine di san Benedetto, o Regola benedettina, in latino denominata Regula monachorum o Sancta Regula,[1] dettata da San Benedetto da Norcia nel 534, consta di un “Prologo” e di settantatré “capitoli”. I principi ispiratori Prologo della Regula Nella “Regola” San Benedetto fa tesoro anche di una breve esperienza personale di vita eremitica che gli fece capire quanto le debolezze umane allontanino di più dalla contemplazione di Dio. Per questa ragione propone di vincere l’accidia (una certa “noia” spirituale), con il cenobitismo, cioè una vita comunitaria che prevede un tempo per la preghiera ed uno per il lavoro e lo studio (Ora et labora), lontana dalle privazioni e mortificazioni estreme imposta … Continua a leggere REGOLA DI SAN BENEDETTO

DON NICOLA BUX: “Nella Chiesa serpeggia l’ateismo”

Nella Chiesa serpeggia l’ateismo: ecco il duro atto di accusa di don Nicola Bux, noto teologo, affermato liturgista ed ascoltato collaboratore del Papa Emerito Benedetto XVI ,in questa intervista che ci ha rilasciato Nel corso della omelia della Messa di San Giuseppe, Lei ha parlato di uomini di Chiesa che non credono più. A chi e che cosa si riferiva? “ Al fenomeno di pastori della Chiesa che si occupano dei vari ambiti di cui si occupa uno stato o una organizzazione di stati(lavoro, legalità, ambiente, migrazioni….) e trascurano la missione per cui la Chiesa è stata costituita e inviata … Continua a leggere DON NICOLA BUX: “Nella Chiesa serpeggia l’ateismo”

SAN MARCO EVANGELISTA

Marco (o Giovanni Marco, come è menzionato non di rado nel Nuovo Testamento) è l’autore del Vangelo più breve, fatto di sole 11.229 parole greche, considerato però dagli studiosi come il più antico e una delle fonti principali a cui hanno attinto soprattutto Matteo e Luca. Della sua vicenda personale abbiamo vari dati, a partire dalla sua famiglia. Era figlio di una cristiana di nome Maria residente a Gerusalemme ed era cugino di uno dei collaboratori più stretti di Paolo, Barnaba. Anche Marco si era unito all’Apostolo e si era avviato nella prima delle sue missioni evangelizzatrici, ma durante quel viaggio, mentre si trovavano nella città di … Continua a leggere SAN MARCO EVANGELISTA

PERCHE’ A GESU’ SULLA CROCE FU OFFERTO DA BERE DELL’ACETO

Nel racconto della Passione, in tutti i Vangeli (seppure con particolari diversi) si dice che a Gesù venne offerto aceto da bere. Non ho mai capito bene il motivo: era un gesto di derisione, oppure come ho sentito dire da alcuni commentatori, era l’usanza dell’epoca usare l’aceto per dissetare e lenire il dolore? Giuseppe Bruni Risponde don Stefano Tarocchi, docente di Sacra Scrittura alla Facoltà teologica dell’Italia Centrale. In tutti i quattro i Vangeli si fa riferimento all’episodio accennato dal lettore. Probabilmente si tratta di un soldato, fra quelli presenti ai piedi della croce, a dare l’aceto a Gesù. Accade così … Continua a leggere PERCHE’ A GESU’ SULLA CROCE FU OFFERTO DA BERE DELL’ACETO