LA GERMANIA NON E’ SOLO MARX: Cardinali tedeschi, vescovi, sacerdoti respingono l’agenda del cardinale Marx per rivisitare il celibato e la morale sessuale

brandmuller

26 aprile 2019 ( LifeSiteNews ) – Numerosi cardinali tedeschi, vescovi e sacerdoti sono ora usciti in modo indipendente contro alcune delle cosiddette idee di riforma presentate dalla Conferenza episcopale tedesca sotto la guida del cardinale Reinhard Marx, in particolare per quanto riguarda allentamento del celibato sacerdotale e “bisogno di cambiare” della moralità sessuale. 

I cardinali Walter Brandmüller e Paul Josef Cordes, così come il vescovo svizzero di lingua tedesca Marian Eleganti, hanno difeso il celibato sacerdotale. Il Vescovo Rudolf Voderholzer ha dichiarato di considerare “uno spreco di tempo ed energia” per discutere di argomenti come “potere” e “partecipazione”. Il Vescovo Vitus Huonder, della zona di lingua tedesca della Svizzera, afferma che “nulla di buono” può provengono da un “cammino sinodale” tedesco che desidera “cambiare tutto”. Un gruppo sacerdotale ha affermato che ogni tradimento di Nostro Signore dovrebbe essere rifiutato.

Durante la Pasqua, ci sono stati molti ecclesiastici di lingua tedesca da parte di chierici di lingua tedesca, che rispondono più o meno direttamente all’agenda delle riforme, come proposto dal Cardinale Marx il 14 marzo 2019, alla fine dell’11-14 marzo dai vescovi tedeschi assemblaggio a molla. Quel programma di riforme era stato concordato dalla maggior parte dei vescovi tedeschi negli ultimi trenta minuti di quella riunione di quattro giorni. Ma nonostante le rassicurazioni di Marx sul fatto che l’ordine del giorno sia stato accettato all’unanimità, c’erano tuttavia alcuni vescovi che si sono astenuti dal voto. Ora, tuttavia, si sta svolgendo in Germania un “percorso sinodale” professato con discussioni sulla riforma del celibato sacerdotale e della moralità sessuale insieme a discussioni sulla questione del potere clericale.

Il cardinale Rainer Woelki, arcivescovo di Colonia, aveva già fatto una dichiarazionepoco dopo questa assemblea di primavera, in cui affermava che la Chiesa non può accettare “cambiamenti del suo insegnamento quando contraddicano lo spirito dei Vangeli”. Per la Germania, ha detto che vede solo un’alternativa: “la de-secolarizzazione della Chiesa o la scristianizzazione del mondo”.

Il 18 aprile, Cardinals Brandmüller , Cordes e il vescovo Eleganti hanno risposto sul giornale cattolico tedesco Die Tagespost all’idea diffusa di allentare il celibato obbligatorio per i sacerdoti. 

Cordes presenta per prima cosa una bella descrizione delle benedizioni che derivano dal celibato sacerdotale – specialmente una “unione personale, realizzazione illimitata, felicità eterna” come promesso da Dio a coloro che scelgono di servirLo come sacerdoti celibi. Questa promessa, scrive il prelato curiale tedesco, “sostiene il celibato. Gli permette di aspettare. E il suo stesso sacrificio dà anche ai suoi fratelli cristiani la speranza per il futuro. ”  

In un “enfatico commento finale” il Cardinale Cordes spiega poi che è stata la proposta del Cardinale Marx di discutere l’idea se il celibato debba o meno essere parte della vita sacerdotale che poi ha provocato le sue riflessioni come stabilito nel suo saggio. “Il presidente [Marx] ha usato la crisi degli abusi come occasione per la sua proposta”, aggiunge Cordes, evocando così “l’impressione che esista un legame tra pedofilia e celibato”. Ma questa è pura speculazione. “Per il Cardinale Cordes, la crisi degli abusi è” inadeguata “come un’occasione per un simile dibattito, poiché tale collegamento è” non dimostrato “alla luce degli studi disponibili.

Il Cardinale Cordes ha suggerito che il Cardinale Marx avrebbe dovuto rivolgersi a quei movimenti nella Chiesa che hanno dato alla Chiesa nel recente passato molti sacerdoti che preservano e vivono il celibato. “No”, aggiunge, “il cardinale sceglie lo ZdK [Comitato centrale dei cattolici tedeschi], il cui presidente, Thomas Sternberg, ha già chiesto – già da un po ‘di tempo – che [il celibato] debba” essere allentato “.

Il Cardinale Marx afferma che il celibato non dovrebbe essere abolito è definito “un’asserzione protettiva” da parte di Cordes. “Perché, non è stata avviata questa intera manovra per indebolirla [celibato]?” Chiede. “Mi rattrista come i loro protagonisti [delle diocesi tedesche] si servano di trucchi sofistici per lanciare, con l’aiuto di un’ermeneutica negativa, una discussione” aperta “.”

Il cardinale Walter Brandmüller (uno dei firmatari di dubia), da parte sua, presentò per la prima volta una panoramica delle lotte per mantenere e stabilire il celibato tra i sacerdoti nel corso dei secoli. Mise in chiaro che una pratica indebolita del celibato sacerdotale era collegata a un’immagine più povera che la società aveva della missione e del ruolo del sacerdote in generale. (Come pezzo di informazione laterale, afferma che San Bonifacio, di fronte a un clero negligente in Germania nell’VIII secolo, impose il carcere e le frustate per coloro che violavano il celibato sacerdotale.) Il cardinale tedesco riassunse la sua opinione, affermando: ” più una società considerava il sacerdote come un uomo che, in virtù della sua santa ordinazione, si trova nella persona di Cristo e proclama i Vangeli e guida la comunità dei credenti come il buon pastore con autorità,in persona Christi ‘e amministra i Sacramenti, più diventa comprensibile e logico che anche lui segua Gesù Cristo e imiti così lo stile di vita del suo Maestro. “

Passando alla storia recente, il Cardinale Brandmüller ha detto che ora vede una comprensione indebolita del sacerdozio, a partire dagli anni ’70. Ha detto che ora il sacerdote viene considerato “principalmente come manager di una parrocchia, come assistente sociale con una certa competenza psicologica e spirituale” che sovrintende “istituzioni sociali e forse culturali”. Per questo, il presule tedesco ha spiegato, “uno non ha bisogno del celibato “, una cosa che viene ora considerata come” un peso “.

Così, ha spiegato, questa discussione sul celibato è una “conseguenza del fatto che la comprensione del sacerdozio cattolico è di nuovo entrata in crisi.” Vede come alcuni hanno proposto nuove intuizioni da “sociologia, psicoanalisi, dinamiche di gruppo e sé – gruppi di solidarietà, e simili sciocchezze “sono ora entrati nei seminari invece di attuare i decreti del Concilio Vaticano II sui preti, il Presbyterorum ordinis e sulla formazione sacerdotale, Optatam totius . 

Guardando lo stato attuale dei dipartimenti e seminari teologici alla luce di questi decreti di 50 anni, Brandmüller ha scritto, “si può solo attestare un fallimento del Consiglio su un fronte ampio”. “Non c’è dubbio”, ha aggiunto, ” che questo sviluppo ha avuto un effetto negativo sull’atteggiamento verso il celibato “.

Più il sacerdozio viene considerato come il mezzo con cui Cristo stesso “nella sua Chiesa continua la sua opera di redenzione fino alla fine dei tempi”, ha affermato il Cardinale Brandmüller, “più naturalmente un sacerdote assumerà anche per sé stesso il modo di vivere il suo Maestro, Gesù Cristo. “

A sostegno delle dichiarazioni di questi due cardinali tedeschi, il vescovo ausiliare svizzero di lingua tedesca Marian Eleganti di Coira ha affermato nel suo stesso commento che “nell’attuale dibattito sul celibato domina una logica secolare che, come tale, non può penetrare nell’essenza di “Oggi, i problemi vengono discussi principalmente in” termini socio-psicologici e politici “, anche se” in realtà le persone, non i sistemi stanno fallendo “. E le persone sono, in quanto tali, moralmente” responsabili “, ha spiegato Eleganti , perché “avrebbero potuto agire diversamente – moralmente”. Proprio come nessuno è costretto a rubare, ha aggiunto, nessuno è costretto ad abusare di qualcuno sessualmente. Se ci sono gruppi che sono più inclini a certe forme di condotta, non è il sacerdozio, dal momento che la maggior parte degli abusi sessuali avviene nella società civile, al di fuori del sacerdozio. “Questo fatto,

Sottolineando gli aspetti soprannaturali del celibato – vale a dire, che un sacerdote è sposato a Cristo stesso e alla sua Chiesa – Eleganti ha detto che il celibato non è solo una legge ma la “parte interiore del sacerdozio”. In modo molto commovente, ha descritto come , da giovane, ha dovuto sacrificare il suo amore per una donna per il suo più grande amore per Cristo. “Dopo questa sfida, non ero più lo stesso”, ha spiegato il presule, e in quel momento si rese conto che non si dovrebbe considerare il celibato solo come una legge, ma come una scelta profonda e libera per amore di Gesù Cristo, mettendo Lui per primo nella vita. “Questo sacrificio”, ha spiegato, “pone il celibato in una relazione e un legame molto diversi e interiori con Gesù e la sua Chiesa, in un modo che non è noto agli sposi”. Ma “entrambi sono chiamati a diventare santi”, Eleganti aggiunto.

In una recente intervista del 17 aprile  a Die Tagespost , Vitus Huonder – il principale vescovo di Coira – ha anche commentato i vescovi tedeschi e il loro “percorso sinodale” appena eletto su questioni come il celibato e la moralità sessuale. Per lui, conservare “l’unità” è l’obiettivo principale di ogni discussione sulla “sostanza della fede”. “Non può essere diverso in Polonia da quello in Germania”, ha spiegato, e per quanto riguarda le discussioni sul post di Papa Francesco -esortazione sinodale Amoris Laetitia. Più specificamente toccando il “cammino sinodale” della Germania, Huonder ha commentato: “Un” percorso sinodale “può essere buono se riguarda le consultazioni, ma quando si pensa che, nell’ambito di tale processo, si debba cambiare tutto ciò che la Chiesa ha Finora, nulla di buono può venire da esso. Trovo che questo sia davvero molto sconcertante. “Concluse con queste parole:” Spero che i vescovi tedeschi siano consapevoli della loro responsabilità per la Fede “. Come vescovo in pensione, il suo consiglio al suo successore è” assolutamente di aggrapparsi alla verità. ”

Il vescovo tedesco Rudolf Voderholzer di Ratisbona ha citato nella sua omelia delGiovedì Santo il 18 aprile, più indirettamente, l’attuale dibattito in Germania. “La fecondità e la credibilità della Chiesa dipendono dall’unione dei diversi uffici e vocazioni”, ha spiegato, aggiungendo che “i dibattiti all’interno della Chiesa, che ora si concentrano sulle questioni del” potere “e della” partecipazione “, sono infruttuosi e sono uno spreco di tempo ed energia “. Proprio in quel momento ed energia, ha aggiunto,” abbiamo tanto bisogno dei veri compiti di missione ed evangelizzazione “. 

Voderholzer in particolare lamentava la riduzione della Chiesa cattolica ad una “entità politica mondana”, come se “nella Chiesa, fosse come in un partito politico o in un parlamento” dove le persone cercano di dominare una discussione.

Per il vescovo bavarese, tuttavia, molto più importante è la fedele “testimonianza cristiana”. Qui, l’apprezzamento sia del matrimonio, sia del celibato “per il Regno” sono importanti. Il rifiuto odierna di entrambi “deriva dalla stessa relazione distorta a Dio creatore e da una concezione della vita che dichiara una massimizzazione egoistica del piacere e una presunta auto-realizzazione come gli obiettivi più alti nella vita”.

Infine, ma certamente non meno importante, il gruppo sacerdotale tedesco di Paderborn, Communio veritatis , che non molto tempo prima aveva invitato il cardinale Marx a dimettersi per aver abusato del suo ufficio spirituale, ha pubblicato il suo santo giovedì la sua penosa affermazione sulla profonda devozione per il Santissimo Sacramento e rifiuto del tradimento di Giuda. “Il Santo Sacrificio della Messa”, scrivono i sacerdoti, “è il nucleo indispensabile della Chiesa e la fonte della sua vita. Quanto ha bisogno di veri testimoni che adorano il mistero eucaristico in amore e in lealtà verso l’insegnamento apostolico, e proclamarlo con zelo e coraggio! “I sacerdoti hanno raccontato come Papa Giovanni Paolo II, sempre nella sua malattia, ha sempre insistito in ginocchio davanti al Santissimo Sacramento.

Hanno anche descritto il tradimento di Gesù da parte di Giuda, commentando: “Non vogliamo quindi mai seguire i passi di Colui che [il Giovedì Santo] esce nella notte della periferia (vedere Giovanni 13:30). Colui che in modo infido si presentò come amico dei poveri (vedere Giovanni 12: 5-6) mostra il Giovedì Santo ciò che è veramente nel suo cuore: il veleno del tradimento. Come ideologo disonesto di un falso messianismo con una “liberazione” terrena, si è chiuso dalla Divina Verità, e così diventa lo scagnozzo di Satana (vedere Giovanni 13: 2). “

Per questi sacerdoti, la Chiesa in questo momento “sperimenta il mistero di Pasch di Cristo”, il confronto tra “fede e incredulità, Vangeli e anti-Vangeli”, come disse una volta Papa Giovanni Paolo II. 

Di fronte a tali pericoli, i sacerdoti tedeschi hanno detto che “vogliamo consacrarci al Cuore Immacolato della Madre dei Sacerdoti”, anche per “fedelmente compiere la Volontà del Padre”, nelle parole di Papa Benedetto XVI. In passato, Communio Veritatis ha apertamente criticato la propria Arcidiocesi di Paderborn per aver permesso ad alcuni sposi protestanti di ricevere la Santa Comunione senza la necessità di convertirsi alla Fede Cattolica.

3 pensieri su “LA GERMANIA NON E’ SOLO MARX: Cardinali tedeschi, vescovi, sacerdoti respingono l’agenda del cardinale Marx per rivisitare il celibato e la morale sessuale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...