SE NON SI RICONOSCE LA PRESENZA TUTTO IL RESTO E’ INUTILE

tabernacolo-large-0

La Cristianità oggi sembra tutta assorbita dai problemi del mondo, come se questo fosse il compito fondamentale della Chiesa. E Cristo diventa la premessa per le nostre attività. C’è bisogno invece che si ricordi che la fede è anzitutto riconoscere, seguire e amare la Sua presenza.

La situazione attuale della Cristianità – preferisco usare la parola Cristianità rispetto a quella più oggettiva e istituzionale di Chiesa – solleva qualche preoccupazione. Sembra infatti che questa Cristianità si muova nel mondo cercando di accettare tutte le provocazioni che il contesto culturale, politico e sociale presenta, tentando di affrontare e risolvere questi problemi uno dopo l’altro. Come se questo fosse il compito precipuo e fondamentale della Chiesa.

In questo modo il grande interlocutore, o “il grande protagonista” come amava dire l’indimenticato cardinale Giacomo Biffi, non solo rimane sullo sfondo ma rischia di essere dimenticato.

Si tirano tutte le conseguenze come se Cristo fosse presente, ma appunto rischia di essere un “come se”. Perché il Signore Gesù Cristo non può essere la premessa per le nostre attività o per quelle che Benedetto XVI chiamava “le conseguenze spirituali ed etiche della fede”. La fede è la Sua presenza da riconoscere, da seguire e da amare nel mistero della Chiesa. Perciò la Chiesa si deve sempre di nuovo presentare ai suoi figli – e aldilà di essi – a tutto il mondo, come il luogo dove l’incontro con Cristo è oggettivo, il luogo nel quale la conversione a Lui è resa possibile e dove inizia quel cammino verso l’esperienza di vita nuova che costituirà la prova che il Signore mantiene tutte le sue promesse.

Penso che occorra che ogni tanto qualche voce nella Cristianità richiami questi valori o questa Presenza. Senza questa Presenza, senza la coscienza di questa Presenza, tutto il resto non è soltanto secondario ma rischia di essere inutile.

* Arcivescovo emerito di Ferrara-Comacchio

TRATTO DA  http://www.lanuovabq.it/it/se-non-si-riconosce-la-presenza-tutto-il-resto-e-inutile

DI LUIGI NEGRI 19 FEBBRAIO 2019

4 pensieri su “SE NON SI RICONOSCE LA PRESENZA TUTTO IL RESTO E’ INUTILE

  1. Tra l’altro inviterei a considerare anche i benefici “automatici” della presenza di Cristo nella forma della sua consacrazione eucaristica, il che è un mistero di Grazia e di effusione dello Spirito Santo proveniente da Lui.

    Piace a 1 persona

    1. Grazie per la sua risposta.
      non metto in dubbio che amare Cristo Eucaristico è metterlo al centro della nostra vita. Senza di Lui non facciamo nulla di buono, malgrado le nostre fragilità, ci cerca sempre, se chiaramente lasciamo lo spazio, con fiduccia.
      Cristo Gesù ci ha amato per primo, e a che prezzo,!!! non pensa come noi…..anzi… vuole essere riconosciuto nella nostra storia di vita peccatori bisognoso della Sua Grazia.
      Dove non arriva l’uomo….arriva DIO …. la Sua Potenza non ha limiti tanto è di un Amore Divino.
      Buona giornata pace e bene.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...