Come una miracolosa immagine del volto di Gesù ha sconfitto la mafia di San Gallo al conclave del 2005

Il giornalista e autore di libri Paul Badde, che vive a Roma e lavora per EWTN, ha lavorato per anni alla storia e al significato di un’antica reliquia che è stata a lungo amata dal cristianesimo, ma era stata persa per alcuni secoli: il Volto Santo di Manoppello – che si crede essere un’immagine miracolosa di Nostro Signore al momento della Sua Risurrezione.

Badde ha scritto diversi libri su questa immagine sacra che ora è conservata in un monastero a Manoppello, in Italia, e che San Padre Pio stesso avrebbe visitato, in bilocazione, e non molto tempo prima che morisse. Padre Pio chiamò questa reliquia raffigurante il volto di Gesù, “il più grande miracolo che abbiamo”.

LifeSiteNews ha condotto un’intervista con Paul Badde perché ha appena pubblicato in inglese un nuovo opuscolo che riassume i recenti sviluppi e scoperte riguardanti questa reliquia, che include l’appoggio prominente e pubblico circa l’autenticità di questa reliquia da parte dell’arcivescovo Georg Gänswein, Segretario Particolare di papa Benedetto XVI.

LifeSiteNews ha già pubblicato una recensione di questo libretto quando è apparso quest’anno in tedesco. Tuttavia, la versione inglese, come ora pubblicata da Sophia Press, contiene alcune informazioni aggiuntive.

In questa nuova intervista, Paul Badde rivela quanto intensamente il Santo Volto di Manoppello – o il Volto Santo, come lo chiamano gli italiani – sia coinvolto nella recente storia della Chiesa. Paul Badde mostra, per esempio, come il cardinale Joachim Meisner abbia visitato il Santo Volto poco prima del Conclave del 2005. A quel Conclave, con l’aiuto di Paul Badde, il cardinale Meisner poté mostrare ai suoi colleghi cardinali che esisteva allora un tentativo – da parte di persone come il cardinale Achille Silvestrini, il cardinale Walter Kasper, il cardinale Karl Lehmann, il cardinale Godfried Danneels, il cardinale Murphy-O ‘ Connor, il cardinale Audrys Juozas Bačkis e il cardinale Carlo Martini – per impedire l’elezione di Joseph Ratzinger. Come l’aveva sentito Badde, avevano inteso l’elezione del cardinal Martini. Durante lo stesso Conclave, tuttavia,

Il cardinale Meisner riuscì nella sua lotta – con un’immagine del Volto Santo tenuto in tasca – e Joseph Ratzinger divenne Papa. Il resto è storia. 

Più tardi, Paul Badde scoprì che questo gruppo di cardinali che lavoravano contro Ratzinger era la cosiddetta “Mafia di San Gallo”.

***

Intervista completa a Paul Badde: 

LifeSiteNews: hai già scritto molto sul Volto Santo di Manoppello. Qual è la ragione per cui hai scritto ancora un altro libro su questo argomento? Sono venuti fuori nuove prove sulla sua veridicità?

Paul Badde: Hai ragione, è il quarto libro che ho scritto sul Volto Santo di Manoppello, insieme a innumerevoli articoli. Ho anche realizzato due film per EWTN sul volto di Dio. La ragione principale per scrivere questo nuovo libro, tuttavia, è che Papa Benedetto XVI ha provocato uno sviluppo completamente nuovo nella ricerca e il significato riscoperto del Sanctissimum Sudarium (come era stato precedentemente chiamato a Roma) dopo aver visitato il Santo Velo il 1 ° settembre , 2006 – è stato il primo papa a farlo dopo più di 400 anni. Nei miei precedenti libri, ho presentato un buon numero di argomenti per le prove sulla veridicità del Sacro Velo. Con questo libro, vorrei invitare nuovamente i lettori a diventare pellegrini al Volto di Dio a Manoppello, dove sperimenteranno che questa sacra arcata-icona del Signore è una forma di pura evidenza in sé.

LifeSiteNews: Cosa diresti a qualcuno che è nuovo su questo argomento: quali sono le ragioni principali per credere che il Volto Santo è veramente il volto di Gesù Cristo quando ha camminato su questa terra?

Paul Badde: Quello che continuo a dire a tutti è esattamente questo: “Vieni e vedi!”

LifeSiteNews: Era il segretario privato di Papa Benedetto XVI, l’arcivescovo Georg Gänswein, che non molto tempo fa ha partecipato a una processione pubblica con una copia del Volto Santo a Roma, una processione che è stata fatta la prima volta nell’anno 1208. Che cosa era il suo messaggio  come è stato presentato nella sua omelia?

Paul Badde: Sì, è vero. Ma per cominciare, vorrei dire questo: alcune settimane fa l’arcivescovo Georg Gänswein ha presentato qui a Roma il libro di Rod Dreher, The Benedict-Option nel Parlamento italiano, dove ha definito la crisi attuale un’altro nove / undici nella Chiesa.

Ciò che ho trovato più sorprendente, tuttavia, è che ha usato il termine “eclissi di Dio” per identificare il carattere interiore della catastrofe che stiamo vivendo in questi giorni.

È un’espressione che è stata usata più volte da papa Benedetto e che deriva dal filosofo ebreo Martin Buber se ricordo bene. E qui non dovremmo dimenticare che l’eclissi del sole significa che la luna arriva tra il nostro pianeta e il sole, bloccando il sole dal nostro punto di vista. Ciò non significa che il sole cessi di esistere.

Quindi, in un’analogia con l’eclissi del sole, abbiamo l’eclissi di Dio. Questo non significa che Dio abbia cessato di esistere. Significa che il peccato è arrivato tra noi stessi e Dio, facendo sembrare che non ci sia più presente. E ai nostri tempi, è chiaro che è l’ombra satanica dei peccati della Chiesa che fa apparire a molti che Dio non è più presente.

Ma Dio esiste ancora, naturalmente. E questo è esattamente il momento in cui il Volto Santo ora riappare negli Stati Uniti, dove la Chiesa cattolica è ossessionata dalla notizia di tanti problemi, peccati e crimini commessi dai sacerdoti. 

E ora riappare dietro le nuvole di peccati, dicendoci, al di là di tutte le ombre: “Guarda, sono io, sono diventato uomo, come puoi vedere, sono stato torturato e ucciso come un agnello e morto (per togliere i peccati della Terra). Poi sono risorto dalla morte, vivo per sempre. Non aver paura, perché tutto è vero che hai sentito parlare di me: la verità prevarrà da sola, non la menzogna, né il peccato “.

Per quanto riguarda la tua domanda iniziale, però, devo dirti che proprio l’arcivescovo Gänswein, segretario di Benedetto XVI, ha iniziato, come ho detto, nella vigilia di domenica 16 gennaio 2016, nella chiesa parrocchiale di Santo Spirito in Sassia (vicino a San Pietro) una nuova tradizione di venerazione del Volto Santo (di nuovo), quando introdusse una nuova festa nel giorno ” Omnis Terra “, che è la seconda domenica dopo la Festa dell’Epifania, ricordando la giornata del 1208 quando papa Innocenzo III. aveva mostrato per la prima volta il Sacro Velo in pubblico nella Chiesa latina dell’Occidente. 

Prima della Messa solenne presieduta dall’Arcivescovo Gänswein, un grande gruppo di cittadini di Manoppello aveva portato a Roma una copia del Volto Santo dove l’avevano portata in una solenne processione prima a San Pietro e poi da lì a Santo Spirito in Sassia , guidato dall’ex nunzio, l’arcivescovo Edmond Farhat del Libano. Nella sua omelia, l’arcivescovo Gänswein ha dichiarato in quell’occasione unica, tra le altre cose:

Questa domenica si chiama Omnis Terra con le parole del Salmo 65. Omnis terra adoret te, Deus, et tibi psallat! Ciò significa: “Tutta la terra ti adora, o Dio, e canta i salmi per te!” Questo salmo è stato cantato qui anche ottocento anni fa; e anche allora, come oggi, il vangelo della festa nuziale di Cana è stato proclamato nelle chiese cattoliche di tutto il mondo. Gli imperi sono caduti da allora, spazzati via come foglie d’autunno; la Chiesa vide la successione continua di novantadue papi. Le rivoluzioni violente e le guerre hanno scosso l’Europa; divisioni fatali hanno lacerato il cristianesimo. Quindi la tranquillità sembra un miracolo con cui, nella liturgia di questa domenica, cantiamo oggi come allora: Lodate il Signore, tutti i popoli! 

È con questo senso di giubilo che ora ricordiamo che papa Innocenzo III portò questo santo sudario trasportato da San Pietro a Santo Sasso ottocentotto anni fa. […]

[È l’immagine sacra che il Papa] ha mostrato ai pellegrini e che per oltre quattrocento anni è stata conservata in Abruzzo, vicino al Mare Adriatico, in una zona periferica dell’Italia, e che per la prima volta è stata riportata a dove iniziò la sua adorazione pubblica a Roma. Da qui, innumerevoli copie hanno diffuso la consapevolezza cristiana dell’esistenza di un vero volto e velo in tutto il mondo. In questo sta il significato più profondo di questo momento. Prima di venire a Roma, il Sacro Velo fu custodito a Costantinopoli, prima che fosse ad Edessa, e anche prima era stato a Gerusalemme. Questa faccia non può essere la proprietà o il tesoro geloso di un luogo, una chiesa o un proprietario, nemmeno dei papi. È il “marchio di fabbrica dei cristiani”. Solo noi sappiamo che Dio ha una faccia; solo noi sappiamo chi e come è. Per questo motivo, il volto di Cristo è il più nobile e prezioso tesoro di tutto il cristianesimo, anzi di tutta la terra, omnis terra! A questo volto dobbiamo ripartire sempre di nuovo, sempre come pellegrini; sempre alle aree della periferia della nostra concezione. E avendo sempre un solo obiettivo davanti a noi: il momento in cui lo affronteremo faccia a faccia. Amen.

LifeSiteNews: Potresti dirci alcuni dei nomi dei prelati di alto rango che finora hanno visitato Manoppello?

Paul Badde: Io ho personalmente accompagnato il cardinale Meisner, il cardinale Wetter, una metà della Conferenza episcopale tedesca (a cui era stato ordinato di recarvisi dal cardinale Meisner nel 2007 circa), 40 vescovi africani nell’inverno del 2010, il card. Erdö , un intero congresso di prelati ortodossi e occidentali, il cardinale Koch, il cardinale Pell, il cardinale Sarah e il cardinale Tagle. 

Tuttavia, un numero molto più grande di vescovi e prelati di alto rango è ora possibile trovare nel registro dei frati cappuccini a Manoppello. 

LifeSiteNews: Una volta hai descritto la visita del Cardinale Joachim Meisner al Santuario del Volto Santo. Cosa diresti fosse il significato del Volto Santo per questo cardinale tedesco?

Paul Badde: Ancora una volta, devo raccontarvi una piccola storia della sua visita: il mio primo articolo sul Volto Santo era apparso sul quotidiano tedesco DIE WELT a Berlino il 23 ottobre 2004. 

Nel gennaio del 2005 incontrai il cardinale Meisner, che era venuto da Colonia a Roma, e mi chiese se potevo portarlo a Manoppello, e ci accordammo per un pellegrinaggio lì il 4 aprile di quell’anno.

Ma il 2 aprile, papa Giovanni Paolo II è morto, e io e mia moglie ci siamo chiesti se il cardinale Meisner si sarebbe fatto vivo. E sii consapevole di ciò, quelli erano giorni in cui i giornalisti di tutto il mondo accorrevano a Roma. Quindi sembrava un po ‘strano lasciare la città in quei giorni come corrispondente per il mio giornale. Ma alle 7 di mattina, il Cardinale suonò alla nostra porta, quindi era chiaro che dovevamo andare. Aveva chiesto al cardinale Joseph Ratzinger un’ulteriore dispensa per farlo.

Abbiamo guidato molto velocemente – pregando un rosario. Nel mezzo dell’Italia, tuttavia, il cardinale Meisner ricevette una telefonata dal Vaticano, in cui fu invitato per l’ultimo addio a Giovanni Paolo II nella Sala Clementina nel Palazzo Apostolico, dove giaceva. Il che significava che avrei dovuto guidare ancora più velocemente. Siamo arrivati ​​a Manoppello, dove il Cardinale si è messo subito in ginocchio davanti al Volto Santo, e lì abbiamo pregato insieme un altro rosario. Allora padre Carmine Cucinelli, il Rettore del Santuario, portò il reliquiario con il Volto Santo nella corte del convento per il Cardinale, che subito disse: “In questo Volto Santo, il Cuore di Dio diventa visibile”. Ecco cosa lasciò anche come impressione e valutazione del velo nel libro degli ospiti dei frati a Manoppello.

Poi tornammo da costa a costa a Roma, dove arrivammo poco prima di mezzogiorno quello stesso giorno, verso le dodici e mezza, e dove il cardinale mi invitò a unirsi a lui per un ultimo addio a Giovanni Paolo II nella Sala Clementina. Lì, abbiamo pregato un quarto rosario, proprio accanto a lui, sulle nostre ginocchia. Così proprio quel giorno, dopo che avevo lasciato la città, sono diventato l’unico giornalista a Roma ad aver visitato Giovanni Paolo II per l’ultima volta.

Ma più tardi quel giorno, il cardinale Meisner andò dal cardinale Ratzinger e gli disse: “Oggi ho visto il Risorto” e lo ripetè in un’intervista a Radio Vaticana. Quattordici giorni dopo, è entrato nel Conclave con una foto del Volto di Dio, come mi ha detto. Non so se fosse stato a Colonia nel frattempo, non ricordo.

Il 17 aprile 2005, tuttavia, un Prelato dall’interno del Vaticano mi ha chiamato e mi ha informato che aveva prove su una cospirazione di Cardinali che aveva cercato di impedire l’elezione di Joseph Ratzinger come prossimo papa. Era il cosiddetto gruppo di San Gallo, come so ora, e il Prelato mi diede anche una lista con i loro nomi, tra cui il cardinale Achille Silvestrini, il cardinale Walter Kasper, il cardinale Karl Lehmann, il cardinale Godfried Danneels, il cardinale Murphy-O ‘ Connor, il cardinale Audrys Juozas Bačkis e il cardinale Carlo Martini.

Ho chiamato il cardinale Meisner nel pomeriggio e gli ho chiesto cosa fare in modo responsabile, dal momento che non volevo creare uno scandalo.

Si è infuriato, ma mi ha detto con calma: “Segui la tua coscienza”.

Così scrissi un articolo che menzionava i suggerimenti che avevo ottenuto, il tutto apparso il giorno seguente, il 18 aprile, sul quotidiano DIE WELT . 

Quel giorno, il cardinale Meisner non solo ha portato una foto del Volto di Dio nel Conclave, ma anche quell’articolo e ha combattuto come un leone contro questa cospirazione, non importa quanto fosse solo lui, e nonostante il suo italiano limitato.

“È stato il giorno più difficile della mia vita!” Mi disse in seguito, senza menzionare, tuttavia, altri dettagli. 

Ma quando il conclave fu finito, divenne chiaro che Meisner era diventato il re-maker, o più precisamente, il creatore del papa. 
Quindi questo era il ruolo essenziale che il Santo Volto aveva giocato nell’elezione di Papa Benedetto, il che rende anche più facile capire perché Ratzinger stesso si recò a Manoppello il prima possibile dopo la sua elezione.

Il Santo Velo ha avuto un ruolo per molti papi, e certamente giocherà un ruolo anche per Papa Francesco e per i futuri papi, anche se non ne conosco la natura.

Ma alcune settimane fa, Papa Francesco ha parlato di un vuoto spirituale all’interno della Chiesa, che ha causato – secondo lui – l’intera catastrofe degli abusi sessuali del clero. Il cardinale Gerhard Müller ha più o meno detto a LifeSiteNews lo stesso l’altro giorno , quando ha parlato della diffusione dell’ateismo nel cuore della chiesa, come la ragione numero uno della crisi. [È come se] non crediamo più a quello che ci dicono i quattro Vangeli. 

E qui abbiamo il Volto di Dio, che riempie ogni vuoto e vuoto – e che dichiara, con il potere del silenzio – come ha detto il cardinale Sarah – che tutto ciò che stiamo dichiarando nel nostro Credo Cristiano per così tanti secoli, è vero.

LifeSiteNews: Ho sentito che stai preparando una serie di film per l’EWTN a Roma e in Germania sui 20 misteri dei quattro rosari in Terra Santa. C’è qualche legame tra il Santo Volto e quell’impresa – e potresti dirci qualcosa di più a riguardo?

Paul Badde: The Holy Face contiene in qualche modo l’essenza del Rosario. Questo è il volto del Dio vivente incarnato in Gesù di Nazareth, nato dalla Vergine Maria. 

Giovanni Paolo II ha detto che il Rosario guarda Gesù con gli occhi di sua madre, ed è quello che stiamo cercando di fare con i nostri film sui 20 misteri del rosario che vengono trasmessi nei paesi di lingua tedesca dal 4 novembre 2018 e in altri paesi il prima possibile. In tutti i misteri dei quattro rosari, non contempliamo altro che il Volto di Dio che viene pienamente ricompensato in ogni Ave Maria secondo la scoperta che san Ireneo fece nel II secolo, quando disse: “La Gloria di Dio è l’uomo vivo ; ma la vita dell’uomo è la visione di Dio “.

LifeSiteNews: Ci sono due chiavi per la città di Manoppello, una nelle mani di Papa Benedetto e una nella tua. C’è qualche significato a questo?

Paul Badde: Lo capisco più simbolicamente, perché non c’è più una porta nella città di Manoppello, dove queste chiavi sarebbero davvero adatte.

Ovviamente è vero che ho fatto conoscere Manoppello in alcune parti del mondo, come ad esempio in Polonia o nelle Filippine. Papa Benedetto, tuttavia, lo ha reso noto al mondo intero. 

E spero, naturalmente, che questo nuovo libro possa aprire le porte a Manoppello un po ‘più ampio anche per i pellegrini americani che cercano conforto nella crisi che affrontiamo e soffriamo tutti.

LifeSiteNews: Che cosa speri che il frutto delle ulteriori conoscenze tra i cattolici su questo Santo Volto sarebbe?

Paul Badde: cosa spero che il frutto sarebbe? Che saremo più preparati a vederLo di nuovo. Qui devo raccontarti un’ultima piccola storia. Sono stato amico per molti anni – fino alla sua morte nel 2002 – con Zvi Kolitz, un vecchio ebreo lituano di New York, che ha molto apprezzato la saggezza del rabbino Loew, che visse a Praga nel XVI secolo.

Ed era affascinato dal fatto che questo famoso rabbino dicesse, di volta in volta, che il Messia sarebbe finalmente apparso in quell’ora della storia in cui gli uomini avrebbero cercato di allungare le loro mani verso il “albero della vita” biblico.

E oggi, ho letto nella notizia che in Cina sono stati creati i primi “designer baby”. In questo contesto, non direi che la miracolosa ricomparsa del Santo Velo è già parte della Seconda Venuta del Signore.

A Manoppello, tuttavia, puoi già guardarlo negli occhi, gli occhi del Dio di Giacobbe.

Maike Hicksonvolto santo

4 pensieri su “Come una miracolosa immagine del volto di Gesù ha sconfitto la mafia di San Gallo al conclave del 2005

  1. Ma in Vaticano non c’è la Veronica, in uno dei balconi dell’altare centrale? Non è accessibile? Si potrebbe confrontare la forma di quel volto con quella del Volto Santo. Sembra però non sia accessibile.

    "Mi piace"

    1. Molte cose sono inaccessibili oggi in vaticano da quando un apostata occupa il Soglio di Pietro….
      Mi sembra di aver letto da fonti diverse che il confronto tra la Veronica ed il Santo Volto di Manoppello sia avvenuto forse più di una volta. Consiglio ricerche personali.

      "Mi piace"

  2. Le quattro reliquie delle quattro colonne attorno al baldacchino del Bernini sono in sé inaccessibili, nel senso che non possono essere viste stando soltanto al pian terreno, per cui evidentemente o vi si accede tramite qualche scala interna alle colonne oppure bisogna andarci tramite qualche gru.
    Su Wikipedia – che non è certo un testo ufficiale ma che riprende forse qualche notizia più o meno vera – si accenna al fatto che la Veronica sarebbe stata trafugata nel 1608, e l’ipotesi che il Sacro Volto di Manoppello – che però secondo la tradizione risalirebbe ad un secolo prima – sia proprio la Veronica troverebbe conferma nel fatto che essa fu misteriosamente “donata” – cioè sarebbe stata di fatto riconsegnata o raccolta e consegnata – in quella piccola località.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...