BENEDETTO XVI (ANGELUS 1/11/2005 ) L’ECARESTIA UNISCE SANTI E PELLEGRINI , VIVI E DEFUNTI

papa-benedetto-xvi-pope-benedict-xvi-60x100cm-120005

La Santità  è una vita nuova donata con il battesimo, che non è soggetta alla corruzione e al potere della morte . Nella sollennità di tutti i Santi, Benedetto XVI ricorda che la comunione dei Santi  è l’unità profonda  fra coloro che vedono Dio così come egli è  e coloro che sono pellegrini nel mondo . L’eucarestia , ha detto il Papa, è il momento in cui si è realmente uniti, vivi e defunti, santi e pellegrini .

Ecco le parole del Papa nell’introdurre la preghiera mariana:

Cari fratelli e sorelle!
Celebriamo oggi la solennità di Tutti i Santi, che ci fa gustare la gioia di far parte della grande famiglia degli amici di Dio, o, come scrive san Paolo, di “partecipare alla sorte dei santi nella luce” (Col 1,12). La Liturgia ripropone l’espressione colma di meraviglia dell’apostolo Giovanni: “Quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dio, e lo siamo realmente!” (1 Gv 3,1). Sì, diventare santi significa realizzare pienamente quello che già siamo in quanto elevati, in Cristo Gesù, alla dignità di figli adottivi di Dio (cfr Ef 1,5; Rm 8,14-17). Con l’incarnazione del Figlio, la sua morte e risurrezione, Dio ha voluto riconciliare a Sé l’umanità ed aprirla alla condivisione della stessa sua vita. Chi crede in Cristo Figlio di Dio rinasce “dall’alto”, è come rigenerato per opera dello Spirito Santo (cfr Gv 3,1-8). Questo mistero si attua nel sacramento del Battesimo, mediante il quale la madre Chiesa dà alla luce i “santi”.
La vita nuova, ricevuta nel Battesimo, non è soggetta alla corruzione e al potere della morte. Per chi vive in Cristo la morte è il passaggio dal pellegrinaggio terreno alla patria del Cielo, dove il Padre accoglie tutti i suoi figli, “di ogni nazione, razza, popolo e lingua”, come leggiamo oggi nel Libro dell’Apocalisse (7,9). Per questo è molto significativo e appropriato che dopo la festa di Tutti i Santi la Liturgia ci faccia celebrare domani la Commemorazione di tutti i fedeli defunti. 
La “comunione dei santi”, che professiamo nel Credo, è una realtà che si costruisce quaggiù, ma che si manifesterà pienamente quando noi vedremo Dio “così come egli è” (1 Gv 3,2). E’ la realtà di una famiglia legata da profondi vincoli di spirituale solidarietà, che unisce i fedeli defunti a quanti sono pellegrini nel mondo. Un legame misterioso ma reale, alimentato dalla preghiera e dalla partecipazione al sacramento dell’Eucaristia. Nel Corpo mistico di Cristo le anime dei fedeli si incontrano superando la barriera della morte, pregano le une per le altre, realizzano nella carità un intimo scambio di doni. In tale dimensione di fede si comprende anche la prassi di offrire per i defunti preghiere di suffragio, in modo speciale il Sacrificio eucaristico, memoriale della Pasqua di Cristo, che ha aperto ai credenti il passaggio alla vita eterna.
Unendomi spiritualmente a quanti si recano nei cimiteri per pregare per i loro defunti, anch’io domani pomeriggio mi raccoglierò in preghiera nelle Grotte Vaticane presso le tombe dei Papi, che fanno corona al sepolcro dell’apostolo Pietro, e avrò un ricordo speciale per l’amato Giovanni Paolo II. Cari amici, la tradizionale sosta di questi giorni presso le tombe dei nostri defunti sia un’occasione per pensare senza timore al mistero della morte e coltivare quell’incessante vigilanza che ci prepara ad affrontarlo con serenità. Ci aiuti in questo la Vergine Maria, Regina dei Santi, alla quale ora con fiducia filiale ci rivolgiamo.

tratto da  https://www.toscanaoggi.it/Vita-Chiesa/BENEDETTO-XVI-ALL-ANGELUS-L-EUCARESTIA-UNISCE-SANTI-E-PELLEGRINI-VIVI-E-DEFUNTI

archivio notizie 2005

Asianews

2 pensieri su “BENEDETTO XVI (ANGELUS 1/11/2005 ) L’ECARESTIA UNISCE SANTI E PELLEGRINI , VIVI E DEFUNTI

  1. Chi OGGI, nell’ anno del Signore 2018 d.C., ha la possibilità di poter essere a Lei vicino o di poterLa incontrare è debitore a Dio di una Grazia incommensurabile. Concludo confermando che il Suo viso e le Sue parole sempre mi arricchiscono al contrario di altri visi e ben altre parole che -sempre- mi disturbano. Tragga Lei, Santità, le deduzioni che riterrà più opportune. Con riverenza La saluto, ringraziandoLa per l’ attenzione che mi ha concesso !

    Piace a 1 persona

    1. Questo blog non è amministrato da Papa Benedetto e neppure da persone vicino a lui ma da persone liache che adorano e ammirano il Suo alto magistero. Il nostro compito è quello di ricordarlo pbblicando i suoi scritti vecchi e nuovi. Grazie

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...