IL CAMMINO DI SANT’ANTONIO 430 KM A PIEDI PER RINGRAZIARE IL SANTO

p_5u71qy8tzjcsi0m1pqqw0ug9juqt6p56q2t6y1dwhk8k9l8spf9lcxuvy1ngcv710hp4jiycouvgr8szpy5fdhgt75qq

Un viaggio a ritroso sui luoghi percorsi dal santo: dalla gloria di Padova alle origini francescane. Se hai ricevuto una grazia o desideri chiederla, vai su queste strade

Da Camposampiero in provincia di Padova al santuario francescano di La Verna: 22 tappe e oltre 430 chilometri da percorrere a piedi.

Per il pellegrino, il Cammino di sant’Antonio (denominato anche Lungo Cammino) è un percorso interiore verso ciò che è davvero essenziale e, per certi aspetti, tappa dopo tappa questa “purificazione” coinvolge anche la figura stessa del Santo. Infatti, è un viaggio a ritroso sui luoghi attraversati dal santo, discepolo e fratello di quel Francesco d’Assisi che segnò la sua vocazione.

E’ un percorso che regala fortissime emozioni agli occhi e al cuore del pellegrino, perché, nel raccontare la vita del Santo, si snoda attraverso un territorio ricco di storia, arte e natura.

La Credenziale

SAINT ANTHONY OF PADUA

By Renata Sedmakova | Shutterstock

Per fare il Lungo Cammino si può leggere la “Guida al Cammino di Sant’Antonio” (Edizioni Messaggero Padova, Terre di Mezzo) poiché

è necessario ottenere una Credenziale, che può essere richiesta via posta o email, e può essere ricevuta via posta o ritirata presso l’ufficio informazioni della basilica del Santo di Padova, nel chiostro della Magnolia (orario di apertura 9-18, tel. 049- 82.25.652, infobasilica@santantonio.org). Una volta ottenuta, si può partire.

L’Ultimo Cammino

Camposampiero, la splendida Cella della visione e il Santuario del noce segnano l’inizio del Cammino. A Padova sono le aeree cupole del Santo cantate da Carducci a condurre il viandante alla tomba di Sant’Antonio, fra mirabili sculture rinascimentali, tra cui il Crocifisso bronzeo del Donatello, dallo sguardo di amore e perdono. Il tratto da Camposampiero a Padova è definito “Ultimo Cammino” poiché Sant’Antonio lo fece prima di morire, 13 giugno 1231.

Le città della Bassa Padana

Poi si attraverso Colli Euganei, che introducono all’immenso orizzonte di campi, acqua e cielo che accompagnerà il pellegrino fino a Bologna. Borghi dispersi e piccoli paesi si alternano a quiete città come Rovigo, con il suo antico santuario mariano, e perle d’arte come Ferrara, racchiusa nella cerchia delle mura estensi.

Da Bologna all’Appennino

Laruse Junior CC

In questo primo tratto del Cammino il vero protagonista è il fiume Po, che si costeggia a lungo sugli alti argini dai quali lo sguardo si distende all’infinito verso la vasta pianura polesana. Dopo Bologna il paesaggio cambia. Si sale verso il Parco dei Gessi Bolognesi e i Calanchi dell’Abbadessa.

Alte colline mediterranee, altipiani e rupi rocciose si alternano a campi pianeggianti e calanchi argillosi: siamo nel cuore dell’Appennino tosco-emiliano.

Montepaolo

Si attraversano l’antico borgo di Brisighella, il castello di Tossignano, in direzione del Parco del Carnè, nei cui boschi solitari non è raro imbattersi in volpi, istrici e cinghiali, lupi. L’eremo di Montepaolo, in cui sant’Antonio soggiorna per un anno appena giunto in Italia, è un luogo fondamentale per il pellegrinaggio.

Le Foreste Casentinesi

ForestWander – CC

L’ultimo tratto di Cammino attraversa in gran parte il Parco delle Foreste Casentinesi, nell’aretino, un territorio ricco di storia e di testimonianze artistiche che si offrono al pellegrino in una meravigliosa cornice naturale, fino a La Verna. Dove la pace e la spiritualità si possono quasi toccare con mano. Qui San Francesco ricevette le stimmate, il segno di Cristo, e il giovane Antonio vi soggiornò qualche mese, nel 1230, rinnovando alla fonte il senso della sua vocazione francescana.

La Verna

San Francesco di Assisi ricevette le stimmate da Cristo nel 1224. Si era ritirato a La Verna, in Toscana. Mentre era in raccoglimento, vide scendere dal cielo un angelo sotto forma di uomo crocifisso. Cinque raggi di luce partirono dall’angelo e colpirono il santo al livello del costato, delle mani e dei piedi. Alcuni testimoni affermano che san Francesco aveva dei veri chiodi incastrati nella carne – cosa che gli avrebbe provocato atroci dolori fino alla morte

Al rito della processione dei frati alla cappella delle Stimmate, dominata dalla splendida crocifissione di Andrea della Robbia, segue finalmente il rito dell’ultimo timbro da apporre sulla credenziale. I giorni di bellezza e libertà sperimentati, ma pure le fatiche e i tormenti vissuti, sono ormai avvolti nella gioia della meta raggiunta. Il Cammino di sant’Antonio è terminato, ma un altro, più interiore e ancora più affascinante può continuare: il Cammino con sant’Antonio.

tratto da  https://it.aleteia.org/2018/06/13/cammino-sant-antonio-430-chilometri-per-ringraziare-santo

 Gelsomino Del Guercio | Giu 13, 2018

Già che sei qui…

… ci piacerebbe dirti qualcos’altro. Leggi sempre più Aleteia, e siamo davvero felici di far parte della tua vita! La nostra équipe porterà avanti la sua missione tutti i giorni, lavorando per incoraggiare e ispirare la vita cristiana. Vogliamo che i nostri articoli siano accessibili a tutti, che non costino nulla – ma il giornalismo di qualità ha un costo… più di quello che la pubblicità riesce a coprire. Il tuo sostegno è di grande valore per portare avanti il nostro sforzo di nutrire e ispirare la nostra famiglia cattolica.

Diventa Sostenitore di Aleteia oggi stesso 

Newsletter

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...