CARDINALE BURKE: I cattolici irlandesi “non hanno ricevuto sostegno da Roma” nella battaglia contro l’aborto.

VARSAVIA, 13 giugno 2018 ( LifeSiteNews ) – La recente spaccatura dell’Irlanda nell’agenda globalista dell’aborto e del “matrimonio” omosessuale è in parte dovuta al silenzio proveniente da Roma, ha detto il cardinale americano Raymond Burke in un’intervista la scorsa settimana al settimanale polacco ” Sieci “.

“In Irlanda, durante la campagna antecedente al referendum sulla protezione della vita dei non nati, proprio come prima del precedente referendum sul cosiddetto   “matrimonio omosessuale “, la gente che combatteva in queste battaglie non ha ricevuto il sostegno di Roma”, ha detto il cardinale “e [i suoi] vescovi stessi hanno difeso i principi morali troppo debolmente”.

LEGGI: ​​Il leader pro-life spiega come i vescovi cattolici hanno distrutto la coscienza irlandese

Burke ha definito quello che è successo in Irlanda a testimonianza di una situazione “allarmante” nella Chiesa. Un problema, ha detto, è che i leader all’interno della stessa Chiesa cattolica gettano dubbi sugli insegnamenti della Chiesa.

“Non c’è dubbio su questo”, ha detto il cardinale. “La situazione nella Chiesa è allarmante. Questo è soprattutto perché le verità fondamentali della fede vengono minate e messe in discussione “.

“L’insegnamento morale ci dice che certi comportamenti sono cattivi, sempre e ovunque, e che non possono essere definiti buoni in nessuna circostanza”, ha continuato Burke. “Questo vale per l’attività sessuale con una persona dello stesso sesso e anche per relazioni sessuali extraconiugali. Ora il consenso a questo tipo di pratica appare anche nella Chiesa “.

“Ripeto: è molto allarmante. Attualmente c’è anche un’assenza di una forte leadership da Roma, che potrebbe chiarire queste questioni e rimuovere l’incertezza “.

Il cardinale Burke ha messo in guardia dal permettere che la propria fede cattolica sia rimossa dalla sfera pubblica, tenuta in privato nelle case e negli edifici della chiesa.

“… Le persone dovrebbero capire che la loro vita in Cristo significa anche che agiscono in Cristo anche nella sfera pubblica, e quindi nella politica, nell’educazione, nella sanità e negli affari”, ha affermato. “Quando la nostra religiosità è solo privata, quando è collegata solo a ciò che facciamo a casa e in chiesa, non ha futuro. Tale religiosità non sopravviverà nel mondo moderno “.

Il cardinale ha indicato l’Irlanda come un esempio di ciò che può accadere a un paese cattolico se la fede è bandita dalla vita pubblica.

“Per quanto ne so, il tuo governo [in Polonia] ha un approccio intelligente alla tradizione e alla fede, ma la direzione generale della civiltà è molto pericolosa”, ha detto l’intervistatore. “Gli Stati stanno entrando sempre più in ulteriori aspetti della vita, in diverse aree della realtà. Interferiscono con la vita umana e la secolarizzano. E finisce con quello che è successo in Irlanda … ”

Questa secolarizzazione porta ad un abbandono di fondamenti morali che non sono solo cattolici ma anche, più fondamentalmente, legge naturale.

Lo stato spirituale dell’Europa occidentale, ha affermato il cardinale, è in una condizione pessimista.

“La situazione dell’Europa occidentale è difficile, molto seria”, ha affermato. “Basta guardare a ciò che sta accadendo attualmente nella Chiesa in Germania”.

Lì trova la più seria causa di allarme perché in Germania la stessa Chiesa, ha affermato Burke, ha smesso di difendere le verità sul matrimonio e sulla Santa Comunione.

“La Chiesa stessa sta iniziando a secolarizzarsi”, ha pianto. “La Chiesa sta entrando nel mondo esterno, nella cultura, senza portare un forte messaggio cristiano con lei”.

Ha osservato che, sebbene la Polonia abbia ancora una forte cultura cristiana cattolica, i polacchi hanno bisogno di proteggerla, altrimenti la loro nazione andrà per la via dell’Irlanda.

“L’Irlanda era uno dei paesi più cattolici del mondo”, ha detto, “e oggi è uno dei più secolarizzati”.

Nota dell’editore: le citazioni del Cardinale sono state tradotte dal polacco da LifeSiteNews ‘Dorothy Cummings McLeanCardinal_Burke__Rome_Life_Forum_2018_810_500_75_s_c1

2 pensieri su “CARDINALE BURKE: I cattolici irlandesi “non hanno ricevuto sostegno da Roma” nella battaglia contro l’aborto.

  1. Oggi molti nazione sono in pericolo riguarda la vera fede in Cristo….ma non dobbiamo soccombere ma restare in comunione con la Parola di Cristo Gesù, trasmesso dagli apostoli fino a noi.
    Gara dura, ma è l’unica strada per non perdersi.
    Grazie.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...