UNA NUOVA INQUIETANTE INTERPRETAZIONE DELLA VISIONE DELLA BEATA Anne Catherine Emmerich, dei due papi, i pagani e il Pantheon.

Sulla scia della crescente crisi nella Chiesa che è entrata in un più rapido movimento dopo le sorprendenti dimissioni di Papa Benedetto e il papato altrettanto sconvolgente e sconfortante di Papa Francesco, un numero di profezie cattoliche è stato oggetto di una discussione diffusa. Tra le più importanti la visione della beata Anne Catherine Emmerich (parzialmente citata) sulla “relazione tra due papi” e le “conseguenze funeste” della “falsa chiesa” che presumibilmente seguirà.

Sembrava a molti che la visione fosse uno squarcio offerto alla beata Anne Catherine Emmerich dei nostri tempi difficili e della nostra Chiesa in difficoltà, in particolare con il suo preciso riferimento a “due Papi”.

Tuttavia, l’intero contesto di questa visione, come dimostrano abilmente Steve Skojec su OnePeterFive nel 2016 , non supportava questa interpretazione. La visione, nel suo intero contesto, sembrava non riferirsi a due Papi allo stesso tempo, ma a due Papi messi da parte per parecchio tempo. Per alcuni, questa è sembrata un’interpretazione deludente, poiché cerchiamo disperatamente di dare un senso alla situazione della Chiesa nella qualePantheon-1400x864 attualmente ci troviamo.

Tuttavia, la visione, intesa nel suo pieno contesto, potrebbe anche essere più sorprendente nella sua precisione sugli eventi attuali e su cosa ci dice sulle cause profonde del nostro attuale problema. Vi raccomando di leggere il pezzo completo di Steve Skojec sulla visione, ma per brevità, cercherò di riassumere abbastanza il suo contenuto.

La visione si riferisce ai Papi e alla Chiesa in tempi diversi, uno antico e uno moderno, e il Pantheon. La prima parte della visione si riferisce chiaramente a Papa Bonifacio IV e ai suoi rapporti con l’imperatore (Focas) su come il Pantheon, un tempio romano dedicato a tutti gli dei pagani di epoca romana, sarebbe stato trasformato in una chiesa cattolica e che tutta la sporcizia pagana e l’adorazione di cose diverse da Dio sarebbe stata colpita dal tempio.

Il 13 maggio ° nell’anno 609, il tempio pulito è stata dedicato a S. Maria e ai Martiri e Beati.  Emmerich, nella sua visione “… ha visto la consacrazione del tempio, in cui cerimonia di santi martiri assistiti con Maria alla loro testa. L’altare non era nel centro dell’edificio, ma contro il muro. ”

In una descrizione fornita in “Il Settimanale di Padre Pio” (Rivista settimanale di Padre Pio), 10 dicembre 2017, n. 48., come citato qui *, ci viene data una comprensione di quanto drammatico fosse l’evento quando papa Bonifacio IV consacrò l’antico tempio pagano per Cristo:

Un tempo, quando la città era ancora pagana, tutti gli dei del politeismo romano erano venerati lì in un unico posto. Nel 608 dC l’imperatore bizantino Foca lo diede a papa Bonifacio IV e fu organizzata una cerimonia evocativa per consacrarlo al Dio cristiano. Il 13 maggio 609 una grande folla si radunò nei dintorni del Pantheon per assistere all’evento. Le cronache storiche descrivono la confusione e le grida agghiaccianti che uscivano dal Pantheon: i demoni pagani erano consapevoli di ciò che stava per accadere. Le grandi porte furono aperte e il Papa, in piedi davanti alla soglia, cominciò a recitare le formule dell’esorcismo. Le grida degli idoli aumentarono di intensità e la commozione stordì le orecchie di coloro che stavano fuori. La paura ha catturato la folla, e nessuno è stato in grado di rimanere in piedi guardando e ascoltando l’orribile spettacolo. Solo il papa Bonifacio IV resistette e, imperterrito, continuò a pregare e consacrare il Pantheon a Cristo. Si dice che i demoni fuggirono dall’antico tempio in disordine, causando un gran frastuono, fuggendo dall’occhio aperto nella cupola o fuori dalla grande porta.

Quando la cerimonia fu completata, il Papa dedicò l’edificio alla Madonna dei Martiri, in onore, forse, dei molti cristiani che erano stati uccisi in onore di tutti quegli idoli impuri. La cristianizzazione di Roma fu un processo graduale che coinvolse la sistematica riconversione degli antichi luoghi di culto che un tempo erano stati dedicati agli dei pagani. La renovatio Urbis (ristrutturazione della città) in chiave cristiana, iniziata da San Gregorio Magno (590-604), fu portata a compimento dai suoi successori e durò fino al Papa Sisto V nel XVI secolo.

Era difficile allontanare le vecchie credenze da Roma, e ancora oggi c’è folclore su questi idoli che, si dice, fanno continuamente uno sforzo per rientrare nella città.

Prima di passare alla seconda parte della visione di Emmerich, voglio notare due elementi chiave della visione in quanto riguarda la fine della falsa adorazione al Pantheon. In primo luogo, la data del 13 maggio ° dovrebbe essere nota a tutti i cattolici poiché è lo stesso giorno in cui sono iniziate le apparizioni della Madonna a Fatima. Va inoltre notato che la visione della Beata Emmerich ha avuto luogo il 13 maggio 1820. Così la data è una cosa da notare. L’altro fatto da notare è l’altare. La visione della Beata Emmerich fa particolare attenzione all’altare nel Pantheon, poiché questo si rifletterà nell’altra parte della visione.

Quindi, nella sua visione, la Beata Emmerich è portata in un tempo diverso da quello che abbiamo visto spesso nelle sue visioni. Un tempo di oscurità nel mondo e nella Chiesa. Di nuovo, vede un tempio, forse (probabilmente) lo stesso tempio, ma in questo tempo futuro (dal suo punto di vista). Ma ora in questo tempio, un tempio senza altare, è ritornata l’adorazione degli idoli.

“Quando ho assistito a questa visione anche nei più piccoli dettagli, ho visto di nuovo l’attuale Papa e la chiesa oscura del suo tempo a Roma. Sembrava una grande casa vecchia come un municipio con colonne di fronte. Non vidi nessun altare, ma solo panchine e nel mezzo qualcosa come un pulpito. Avevano predicato e cantato, ma nient’altro, e solo pochi lo frequentavano. E ecco, uno spettacolo singolare! Ogni membro della congregazione estrasse un idolo dal suo petto, lo mise davanti a lui e lo pregò. Era come se ogni uomo estraesse i suoi pensieri o passioni segreti sotto l’apparenza di una nuvola scura che, una volta fuori, prendeva una forma definita. “

In questo tempio della sua visione, l’altare (in precedenza contro il muro nella sua visione) è scomparso e i pochi partecipanti ora adorano idoli che nascono da loro stessi, un’idolatria di sé.

È proprio questa sorta di auto-adorazione dei nostri idoli, il focus sull’uomo nel culto invece che su Dio, che è stato un elemento dell’abbandono post-Vaticano II del culto ad orientem universalmente a favore del versus populum. Molte persone hanno notato questo fondamentale cambiamento nell’orientamento della nostra adorazione e il saccheggio degli altari in favore delle “tavole” e della natura autoreferenziale della nostra liturgia e adorazione. Molti hanno giustamente notato la crisi e la Chiesa oscura che sono emerse da questo cambiamento, portandoci direttamente a questo terribile momento nella vita della Chiesa.

La beata Emmerich dice di più su ciò che ha visto:

“La parte più singolare era che gli idoli riempivano il posto; la chiesa, sebbene gli adoratori fossero così pochi, era affollata di idoli. Quando il servizio è finito, il dio di tutti è rientrato nel suo seno. L’intera chiesa era drappeggiata di nero, e tutto ciò che vi avveniva era avvolto nell’oscurità.

Poi ho visto la connessione tra i due Papi e i due templi.

Quindi ora la parte davvero interessante. Alla Basilica di Santa Maria ad Martyres, il Pantheon, è rimasto il bellissimo vecchio altare contro il muro come nella visione della Beata Emmerich, un fatto che non è mai stato d’accordo con le persone che ci hanno portato questa crisi attuale e questa Chiesa delle Tenebre. Questo è qualcosa che il Vicario Generale di Roma ha voluto cambiare. E ora lo hanno fatto.

La sezione “News” del sito web per la Basilica annuncia che un “Delegato del Santo Padre, Sua Eccellenza Mons. Angelo De Donatis, Vicario Generale della Diocesi di Roma “eseguirà la Dedicazione del nuovo permanente altare di bronzo” fisso “per la facilitazione del culto versus populum.

Quando? 13 maggio 2018, naturalmente.

Patrick Archbold

da One Peter Five

 

Un pensiero su “UNA NUOVA INQUIETANTE INTERPRETAZIONE DELLA VISIONE DELLA BEATA Anne Catherine Emmerich, dei due papi, i pagani e il Pantheon.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...