BENEDIZIONE DELLE COPPIE OMOSESSUALI, ORDINAZIONE SACERDOTALE DELLE DONNE, COMUNIONE PER I CONIUGI PROTESTANTI DEI CATTOLICI, SIMBOLISMO MASSONICO IN VATICANO, PRETI SPOSATI, IL PRESTITO DI ABITI SACRI DA PARTE DEL VATICANO ALLA MOSTRA DI MODA DI NEW YORK, IL CASO DEL PICCOLO ALFIE EVANS…..Intervista al vescovo Schneider che stila un nuovo “Sillabo di errori” per la Chiesa moderna…

È con molta gratitudine che oggi presentiamo ai nostri lettori un’intervista lunga e originale con il vescovo Athanasius Schneider dell’Arcidiocesi di Santa Maria ad Astana, in Kazakistan. Era così premuroso nelle sue risposte alle seguenti domande, che gli abbiamo inviato prima del recente incontro del 3 maggio dei vescovi tedeschi in Vaticano riguardo all’attuale conflitto sulla Comunione per i coniugi protestanti, nonché prima dell’apertura scandalos adella mostra “Heavenly Bodies” a New York. Era nostra intenzione porgli delle domande che gli avrebbero dato l’occasione di pubblicare una nuova specie di “Sillabo di Errori” – il nostro termine, non suo – per la Chiesa moderna, fornendo così una correzione fraterna di alcune delle gravi distorsioni del Fede che circolano non corrette nei circoli ecclesiali e nel pubblico.

Il vescovo Schneider così commenta questioni come la benedizione delle coppie omosessuali, l’ordinazione sacerdotale, la comunione per i coniugi protestanti dei cattolici, il simbolismo massonico in Vaticano, i preti sposati, i prestiti sacri del Vaticano alla mostra di moda di New York, e , ultimo ma non meno importante, il caso del piccolo Alfie Evans.

Il buon vescovo non esita a prendere una posizione chiara e di principio in materia di fede e di morale, e gli siamo molto grati, ancora una volta, per la sua testimonianza cattolica. Che si irradi in lungo e in largo, confermando i cattolici di tutto il mondo nella loro fede.


Maike Hickson (MH): All’inizio dell’anno, i rappresentanti della Conferenza episcopale tedesca hanno proposto una benedizione alle coppie omosessuali. Quale sarebbe una risposta a questo alla luce della dottrina cattolica?

Vescovo Athanasius Schneider (BAS): Impartire una benedizione ad una coppia omosessuale significa benedire il peccato non solo degli atti sessuali extraconiugali, ma ciò che è peggio ancora, atti sessuali tra persone dello stesso sesso, cioè , per benedire il peccato di sodomia, che è considerato dalla quasi intera storia umana e dall’intera tradizione cristiana come un peccato che grida al cielo (cfr Catechismo della Chiesa Cattolica , 1867). Perché un tale peccato urla al cielo? Perché annulla, contamina e contraddice direttamente la natura e l’ordine della sessualità umana nella reciproca complementarità dei due sessi, come creato dalla infinita saggezza di Dio. Gli atti omosessuali o le relazioni omosessuali sono direttamente contro la ragione e tutta la logica, e contro la volontà esplicita di Dio.

Gli atti omosessuali sono intrinsecamente così privi di senso che si possono confrontare, ad esempio, con l’assurdità di ostacolare il meccanismo di una cintura di sicurezza, dove il connettore “maschio” (maschio) viene spinto nella “fibbia” (connettore femmina). Ogni persona con buon senso indicherà l’assurdità di utilizzare per la cintura solo due lingue o solo due fibbie. Non funzionerà e in molti casi causerà la morte perché la cintura non è stata fissata. Allo stesso modo, gli atti omosessuali stanno causando la morte spirituale e spesso la morte fisica a causa del rischio estremamente elevato di malattie veneree.

Quando i chierici promuovono la benedizione delle relazioni omosessuali, promuovono un peccato che grida al cielo e promuovono un’assurdità logica. Tali chierici stanno commettendo in tal modo un peccato grave e il loro peccato è ancora più grave di quello dei partner omosessuali che loro benedicono, perché stanno dando a queste persone incentivi per una vita di continui peccati, esponendoli di conseguenza al vero pericolo di una condanna eterna. . Tali chierici sentiranno sicuramente da Dio – al momento del loro giudizio personale – queste parole gravi: “Quando dico al malfattore, la morte sarà certamente il tuo destino; e tu non gli dai nessuna parola e non dice nulla per chiarire al malfattore il pericolo della sua via malvagia, così che possa essere al sicuro; quello stesso uomo malvagio verrà alla morte nel suo fare malvagio; ma ti renderò responsabile del suo sangue “(Ez 3, 18). I chierici che stanno benedicendo le pratiche omosessuali stanno reintroducendo una sorta di prostituzione nei templi pagani. Tale comportamento clericale è simile all’apostasia e ad essi sono pienamente applicabili queste parole della Sacra Scrittura: “Alcune persone si sono infiltrate tra voi, che sono stati da tempo segnati per condanna su questo racconto; senza alcuna riverenza essi pervertono il grazia  del nostro  Dio  alla lascivia e negare ogni religione, respingendo il nostro unico Maestro e Signore,  Gesù  Cristo “(Giuda 4).

MH: p. Anselm Grün, un autore di libri tedesco uno dei cui libri è stato recentemente elogiato da Papa Francesco, ora dice che potrebbe immaginare in futuro un papa femmina. Il cardinale Christoph Schönborn ha anche affermato direcente che un futuro consiglio potrebbe benissimo stabilire una nuova regola per le sacerdoti e anche i vescovi. Cosa è possibile e buono nella Chiesa e cosa no? Qual è il ruolo proprio delle donne nella Chiesa alla luce dei Vangeli?

BAS: Con l’istituzione divina, il sacramento dell’Ordine sacro ( sacramentum ordinis ) può essere somministrato solo a una persona di sesso maschile. La Chiesa non ha il potere di cambiare questa caratteristica essenziale di questo sacramento, perché non può cambiare un aspetto sostanziale dei sacramenti, come ha insegnato il Concilio di Trento (cfr. 21, cap.2). Papa Giovanni Paolo II ha dichiarato che l’impossibilità di ordinare le donne è un insegnamento infallibile del Magistero universale ordinario (cfr Lettera Apostolica Ordinatio sacerdotalis, 4), quindi è una verità divinamente rivelata, appartenente al deposito della fede (cf. Risposta della Congregazione per la Dottrina della Fede dal 28 ottobre 1995).

Chi ostinatamente dubita o nega questa verità rivelata sta commettendo il peccato di eresia, e facendolo pubblicamente e pertinacemente, il peccato diventa un crimine canonico, che comporta la scomunica automatica ( latae sententiae ). Ci sono un certo numero di chierici, e persino nelle file episcopali, che oggi commettono questo peccato, separandosi così in modo invisibile dalla comunità della Fede cattolica. Per loro si potrebbero tranquillamente applicare queste parole di Dio: “Sono stati tra noi, ma non sono mai realmente appartenuti a noi” (1 Giovanni 2:19).

Nessun Papa e nessun Concilio Ecumenico potrà mai permettere un’ordinazione sacramentale femminile (diaconale, presbiterata o episcopato). Se, in un caso ipotetico, lo facessero, la Chiesa sarebbe distrutta in una delle sue realtà essenziali. Eppure questo non può mai accadere, perché la Chiesa è indistruttibile e Cristo è il vero Capo della sua Chiesa, che non permetterà che le porte dell’inferno prevalgano contro di lei in questo aspetto concreto.

Il ruolo più bello, unico e insostituibile della donna nella Chiesa è la sua vocazione e la sua dignità di essere madre, sia fisicamente che spiritualmente, perché ogni donna è per sua natura materna. Inseparabilmente con la vocazione materna è la sua dignità e vocazione nuziale. In questa sua dignità nuziale la donna proclama la verità che ogni anima cristiana, e anche l’anima di un uomo, dovrebbe essere una sposa di Cristo. Nella sua vocazione materna e nuziale, la donna vive il sacerdozio interiore del cuore, che è unico per lei, e che è complementare al sacerdozio ministeriale maschile degli apostoli. Come Dio ha saggiamente stabilito l’ordine della natura, che si riflette ancora più splendidamente nell’ordine della grazia, nel sacramento dell’Ordine!

MH: I vescovi tedeschi hanno approvato a febbraio una dispensa che consente ai coniugi protestanti dei cattolici, in singoli casi e dopo un periodo di discernimento, di ricevere regolarmente la Santa Comunione. Alla luce dell’ordine sacramentale della Chiesa e anche alla luce della necessità che i cattolici si rechino regolarmente al sacramento della penitenza, una simile mossa dei vescovi tedeschi è del tutto lecita e possibile?

BAS: Fin dai tempi degli Apostoli (cfr At 2, 42), l’integrità della Fede ( doctrina Apostolorum ), la Comunione Gerarchica ( communicatio ) e la Comunione Eucaristica ( fractio panis ) sono inseparabilmente connesse l’una con l’altra. Ammettendo un battezzato alla Santa Comunione, la Chiesa non dovrebbe mai dispensarlo dal professare l’integrità della fede cattolica e apostolica. Non basta pretendere da lui solo la fede cattolica nel sacramento dell’Eucaristia (o nel sacramento della Penitenza e dell’Unzione degli ammalati).

Ammettere un battezzato alla Santa Comunione e non esigere da lui come un prerequisito indispensabile l’accettazione di tutte le altre verità cattoliche (ad esempio, i dogmi del carattere gerarchico e visibile della Chiesa, il primato giurisdizionale del Romano Pontefice, l’infallibilità di il Romano Pontefice, i Concili ecumenici, il Magistero universale e ordinario, i dogmi mariani, ecc.) significa una contraddizione all’unità necessariamente visibile della Chiesa e alla natura stessa del sacramento eucaristico. Il corretto effetto della Comunione Eucaristica è la manifestazione della perfetta unione dei membri della Chiesa nel segno sacramentale dell’Eucaristia. Quindi, la stessa ricezione della Santa Comunione nella Chiesa cattolica – anche in casi eccezionali – da parte di un protestante o di un cristiano ortodosso costituisce, in definitiva, una menzogna. Contrasta il segno sacramentale e la realtà sacramentale interiore, in quanto essi, i non cattolici ammessi alla Santa Comunione, continuano volentieri ad aderire visibilmente alle altre credenze delle loro comunità protestanti o rispettivamente ortodosse.

Possiamo scoprire in questo contesto anche il principio problematico e contraddittorio del canone 844del Codice della Legge Canonica (sull’amministrazione di alcuni sacramenti come la Santa Eucaristia ai cristiani non cattolici in situazioni di emergenza o pericolo di morte). Questo principio contraddice la tradizione apostolica e la pratica costante della Chiesa cattolica per duemila anni. Già nel tempo sub-apostolico del secondo secolo, la Chiesa romana osservò questa regola come la testimoniava san Giustino: “Questo cibo è chiamato tra noi Eucaristia, di cui a nessuno è permesso di partecipare eccetto l’uomo che crede che le cose che insegniamo sono vere “(Apol, I, 66). Il problema creato di recente dalla Conferenza episcopale tedesca è – per essere onesti – solo la conseguenza logica delle concessioni problematiche formulate dal canone 844 del Codice di Diritto Canonico.

MH: Alcuni osservatori si sentono qui a ricordare l’introduzione della comunione nella mano, che è stata inizialmente avviata a livello regionale, solo per essere successivamente implementata per la Chiesa universale. Vedete qui i paralleli?

BAS: Secondo la logica della fragilità umana, il dinamismo della pressione ideologica e l’effetto contaminante di cattivi esempi, casi eccezionali di Comunione dati ai protestanti avranno nel tempo anche una grande implementazione, che sarà quindi molto difficile da fermare.

MH: Se questa nuova iniziativa di intercomunione fosse approvata da Roma in una riunione imminente del 3 maggio [vedi qui l’esito di quell’incontro, MH], questo potrebbe trasformarsi in un secondo indebolimento dell’insegnamento sacramentale della Chiesa dopo Amoris Laetitia e le sue conseguenze?

BAS: Senza dubbio!

MH: Alla luce di questo recente progetto di intercomunione tedesco, vedi qui i limiti alle richieste di decentramento nella Chiesa?

BAS: Quando c’è un vero pericolo che in una Chiesa particolare l’integrità della Fede Cattolica e la corrispondente pratica sacramentale siano danneggiate, il Romano Pontefice deve esercitare il proprio dovere e correggere queste defezioni per proteggere il semplice fedele da una deviazione dall’integrità della fede cattolica e apostolica. Quando i vescovi agiscono in contrasto con il loro dovere, che afferma di avere “per promuovere e salvaguardare l’unità della fede e la disciplina comune a tutta la Chiesa” (Concilio Vaticano II, Lumen gentium , 23), il Romano Pontefice deve intervenire perché del suo compito di essere “l’insegnante di tutti i fedeli” e il “maestro supremo della Chiesa universale” ( Lumen gentium, 25). Quando durante una navigazione alcuni ufficiali della nave iniziano a perforare il lato della nave, il capitano della nave non può dire: “Non interferirò, perché voglio seguire il principio del decentramento”. Ogni persona con buon senso considererà tale comportamento irresponsabile e assurdo, poiché avrà conseguenze fatali. Quando questo è vero per la vita fisica, quanto più è vero per la vita soprannaturale delle anime! Quando, tuttavia, i vescovi locali fanno bene il loro lavoro nel promuovere e salvaguardare la fede, la disciplina e la liturgia della Chiesa, il Papa non dovrebbe in alcun modo limitare le loro iniziative. In questo caso, ci sarebbe un sano decentramento. In “tutto ciò che è vero, onorevole, retto, puro, buono, e lodevole “(Fil 4: 8), cosa fanno i vescovi locali, il Papa non dovrebbe interferire, e dovrebbe lasciarli essere in queste buone opere decentralizzate.

MH: Nel contesto del prossimo sinodo amazzonico del 2019, ci sono molte chiamate ora emesse per un’indennità del sacerdozio sposato nel rito latino. Qual è la tua risposta ad esso. Dovrebbe e può la Chiesa cattolica intraprendere questa strada?

BAS: La Chiesa cattolica romana non dovrebbe cadere nel trucco dei ” viri probati ” o essere sopraffatta dal fatto di una drastica scarsità di sacerdoti in alcune regioni. Una reazione del genere sarebbe fin troppo umana e ci sarebbe una mancanza di una visione soprannaturale della Divina Provvidenza, che guida sempre la Sua Chiesa. Ci sono prove sufficienti di periodi e regioni nella storia della Chiesa con una drastica scarsità di sacerdoti, in cui la fede cattolica dei laici era tuttavia fiorente a causa della trasmissione della fede nella famiglia e della testimonianza di singole persone virtuose. Io stesso ho trascorso la mia infanzia in queste condizioni, dove non c’era nessun prete per diversi anni.

È sufficientemente dimostrato dai documenti della Chiesa antica che il celibato sacerdotale o la legge della continenza sacerdotale è di origine apostolica. Nei tempi apostolici e nei tempi dei Padri della Chiesa era una norma trasmessa e inizialmente non scritta, che, dal momento dell’ordinazione sacra (diacono, presbitero e vescovo), il chierico ordinato doveva vivere in perpetuo la continenza sessuale, indipendentemente dal fatto che fosse sposato o single. Esistono solidi studi scientifici, che confermano questo fatto, ad esempio, gli studi di Christian Cocchini, il cardinale Alfons Stickler, Stefan Heid et al.. Il Sinodo di Cartagine (390) al tempo di Sant’Agostino aveva dichiarato la continenza perpetua come “ciò che insegnavano gli apostoli e ciò che l’antichità stessa ha osservato”. Papa Leone Magno (+ 450), scrupoloso osservatore delle tradizioni apostoliche, dichiarò : “La legge di continenza è la stessa per i ministri dell’altare, per i vescovi e per i sacerdoti; quando erano ancora laici o lettori, potevano liberamente prendere moglie e generare figli. Ma una volta raggiunti i ranghi sopra menzionati, ciò che era stato permesso non è più così “( Epist. Ad Rusticum). Il divieto categoriale di contrarre matrimonio dopo l’ordinazione era universalmente valido ed è valido anche nelle chiese ortodosse, dove il celibato per il sacerdote diocesano è abolito. Questa è una chiara dimostrazione del fatto che la legge di continenza per gli ordini superiori è di origine apostolica.

Il primo tentativo di spezzare la tradizione apostolica della legge della continenza, cioè del celibato della legge in senso lato, costituisce la legislazione della Chiesa bizantina nel cosiddetto secondo sinodo di Trullan (691), che, tuttavia, l’apostolica Sede non ha riconosciuto. Secondo la legislazione bizantina, il prete sposato deve osservare la continenza sessuale la notte prima di celebrare il Sacrificio eucaristico. Eppure un vero prete cattolico, che è giorno e notte “un altro Cristo” ( alter Christus), e che quindi dovrebbe celebrare ogni giorno il Santo Sacrificio, deve vivere sempre in perfetta continenza. Questa è una conseguenza logica della dignità ontologica del sacerdozio del Nuovo Testamento e della sua perpetua connessione con l’offerta del Sacrificio di Cristo sull’altare, a differenza del sacerdote dinastico carnale dell’Antico Testamento, che era obbligato alla continenza sessuale solo durante il loro servizio periodico. nel tempio. Fu proprio con riferimento ai sacerdoti dell’Antico Testamento, ai quali fu permesso di avere rapporti sessuali con le loro mogli, che il Sinodo di Trullan nel 691 dispensò i preti sposati dalla legge della continenza.

Se il previsto Sinodo dell’Amazzonia nel 2019 introdurrà il sacerdozio coniugale, anche in casi particolari e in specifiche aree geografiche, il dinamismo di una tale innovazione – il fenomeno del sacerdozio coniugale – senza dubbio inonderà gradualmente l’intera Chiesa latina. Speriamo che l’Amazzonia Synod 2019 non promuova l’introduzione dello stile di vita dei sacerdoti dell’Antico Testamento, uno stile di vita estraneo all’esempio di Cristo, l’Etero Sacerdote Eterno e della Tradizione Apostolica. Inoltre, esiste un eccellente romanzo dello scrittore argentino Hugo Wast (uno pseudonimo di Gustavo Adolfo Martínez Zuviría, + 1962) con il titolo “Loqu Dios ha unido“(” Ciò che Dio ha unito “), in cui l’autore dimostra, in modo convincente e brillante, l’incompatibilità tra il sacerdozio cattolico e una vita coniugale sessualmente attiva.

MH: In una recente conferenza in Vaticano, c’erano regali consegnati ai partecipanti che hanno una forte somiglianza con il simbolismo massonico. Si tratta di uno sviluppo problematico alla luce della conservazione dell’insegnamento cattolico intero e intero?

BAS: I “regali” citati, che si possono vedere descritti e visualizzati su Internet, sono apertamente pagani, esoterici e massonici. Queste azioni, che hanno avuto luogo in Vaticano, sono la sede della verità (” cathedra veritatis”“) Di San Pietro, sono in grado di ricordarci i frequenti episodi nell’Antico Testamento, dove il popolo di Dio e alcuni dei loro leader si erano allontanati dalla vera e unica adorazione di Dio. Perché, secondo l’opinione di alcuni leader religiosi nell’Antico Testamento, era lecito unire l’adorazione del vero Dio al culto degli idoli. Tuttavia, Dio attraverso la voce di tutti i suoi profeti lo ha flagellato come un abominio. Non vi può essere alcun dubbio che sulla menzionata esibizione cultuale pagana in Vaticano suoneranno le stesse voci di condanna di tutti i profeti biblici. Questo tragico episodio in Vaticano rivela alcune somiglianze con la seguente visione profetica della Beata Anna Catarina Emmerich: “Ho visto di nuovo l’attuale Papa e la chiesa oscura del suo tempo a Roma. […] E ecco, uno spettacolo molto singolare! Ogni membro della congregazione estrasse un idolo dal suo petto, lo mise davanti a lui e lo pregò. Era come se ogni uomo estraesse i suoi pensieri o passioni segreti sotto l’apparenza di una nuvola scura che, una volta fuori, prendeva una forma definita. La parte più singolare era che gli idoli riempivano il posto; la chiesa, sebbene gli adoratori fossero così pochi, era affollata di idoli. Quando il servizio era finito, il “dio” di ognuno rientrò nel suo seno. Tutta la chiesa era drappeggiata di nero, e tutto ciò che vi avveniva era avvolto nell’oscurità “(Visione del 13 maggio 1820). la chiesa, sebbene gli adoratori fossero così pochi, era affollata di idoli. Quando il servizio era finito, il “dio” di ognuno rientrò nel suo seno. Tutta la chiesa era drappeggiata di nero, e tutto ciò che vi avveniva era avvolto nell’oscurità “(Visione del 13 maggio 1820). la chiesa, sebbene gli adoratori fossero così pochi, era affollata di idoli. Quando il servizio era finito, il “dio” di ognuno rientrò nel suo seno. Tutta la chiesa era drappeggiata di nero, e tutto ciò che vi avveniva era avvolto nell’oscurità “(Visione del 13 maggio 1820).

MH: Recentemente il Vaticano ha deciso di prestare molti paramenti sacri e altri oggetti sacri ad una mostra di moda laica a New York che mostrerà anche abiti per un sacerdote femmina, un vescovo femmina, un cardinale femmina e anche un papa femmina. È una tale decisione dalla parte del Vaticano non confondere il sacro con il profano e anche la causa della confusione morale e spirituale dei fedeli?

BAS: Una tale azione è chiaramente una profanazione di cose sacre, che furono benedette per l’adorazione esclusiva del vero Dio, la Santissima Trinità: Padre, Figlio e Spirito Santo. Non si può fare a meno di ricordare la profanazione degli oggetti sacri nell’Antico Testamento del re Nabucodonosor (cfr Dn 5: 2). Tuttavia, “Dio non viene deriso” (Gal 6: 7). Le seguenti parole di Dio attraverso la bocca del profeta Daniele sono perfettamente applicabili al menzionato episodio di profanazione delle vesti sacre, acconsentito da un’autorità vaticana: “Hai lodato gli dei di argento e oro, di bronzo, ferro, legno e la pietra, che non vede, non sente o non conosce, ma il Dio nella cui mano è il tuo alito, e di chi sono tutte le tue vie, non hai onorato. Poi dalla sua presenza, la mano fu spedita, e questa scrittura fu inscritta. E questo è lo scritto che è stato inciso: Mene, Tekel, Parsin “(Dan 5: 23-25). Se il profeta Daniele dovesse vivere oggi e venisse a conoscenza del menzionato uso profano di paramenti sacri, indubbiamente dirigerebbe le stesse parole a quelle persone, che acconsentirono a tale profanazione o collaborarono con essa.

MH: Recentemente, il mondo ha assistito al caso Alfie Evans in cui lo stato ha deciso di porre fine al supporto vitale di un bambino malato. L’Arcivescovo Paglia e alcuni vescovi britannici hanno elogiato lo stato per questa decisione, facendo riferimento al fatto che non si dovrebbero usare trattamenti eccessivi. Qual è la tua risposta a questo caso Alfie? Lo stato ha preso la decisione giusta e il mondo secolare sta andando nella giusta direzione? Quali dovrebbero essere i principi per trattare con gravi malati – bambini o adulti?

BAS: Il caso Alfie si è rivelato come la punta dell’iceberg. L’iceberg è la moderna anti-cultura di uccidere i bambini non ancora nati, una pratica nata come azione legale per la prima volta nella storia umana dalla dittatura comunista e marxista di Lenin nel 1920. Dagli anni ’60 del secolo scorso, l’uccisione legale di i bambini non ancora nati si sono diffusi gradualmente come un’azione orchestrata in quasi tutti i paesi occidentali. L’ideologia mondiale di uccidere i bambini non nati è essenzialmente un’ideologia di disprezzo dell’umanità sotto la maschera cinica dei presunti diritti della donna o della nebulosa “salute riproduttiva”.

L’industria dell’aborto e la sua ideologia politica avevano sempre categoricamente rifiutato il confronto dell’aborto con l’infanticidio. Eppure, il caso Alfie ha mostrato, in piena vista, al mondo intero che il potere politico, giuridico e mediatico mondiale di annientare i non nati – la vulnerabile e debole vita umana non ancora nata – vuole fare il prossimo passo di qualità introducendo la legalità dell’infanticidio iniziando inizialmente con un omicidio legale di un bambino gravemente malato. Con la causa di Alfie, volevano dare un esempio in questa direzione. In effetti, questa è solo una conseguenza logica dell’aborto, combinata ora con l’ideologia dell’eutanasia. Il caso Alfie ha dimostrato veramente, chi è chi nella questione della difesa intransigente dell’inviolabilità della vita umana. Ha unito spontaneamente da tutti gli angoli della terra i difensori della vita in una linea di battaglia comune. Era una piccola, ma nobile unità dell’esercito spirituale contro la potente cospirazione di un’agenda politica concordata, del sistema giudiziario e – con nostro grande stupore – anche della medicina. L’esercito della vita sembrava essere un nuovo David di fronte al moderno Golia dell’infanticidio. Sembrava che questa volta Goliath abbia vinto. Eppure, in effetti, questo Golia ha perso. Perché nel caso di Alfie le parti politiche, giudiziarie e mediche coinvolte hanno perso la credibilità morale dell’imparzialità, della trasparenza e del senso di giustizia. Il vincitore fu tuttavia il piccolo esercito di Alfie. Perché agli occhi di Dio e perfino agli occhi della Storia, quelli che difendono gli esseri umani più deboli e vulnerabili, che sono in primo luogo i bambini non nati e malati, saranno sempre i vincitori. Un complotto politico, giuridico e medico contro la vita umana un giorno sicuramente collasserà, perché è disumano.

Al caso Alfie e al piccolo esercito di vita intorno a lui, si possono applicare queste parole della Sacra Scrittura: “Chi semina in lacrime mieterà con grida di gioia!” (Sal 126,5).

+ Athanasius Schneider, vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Santa Maria ad Astana

da One Peter Five, Maike Hickson, 17 maggio 2018is (22)

Annunci

Un pensiero su “BENEDIZIONE DELLE COPPIE OMOSESSUALI, ORDINAZIONE SACERDOTALE DELLE DONNE, COMUNIONE PER I CONIUGI PROTESTANTI DEI CATTOLICI, SIMBOLISMO MASSONICO IN VATICANO, PRETI SPOSATI, IL PRESTITO DI ABITI SACRI DA PARTE DEL VATICANO ALLA MOSTRA DI MODA DI NEW YORK, IL CASO DEL PICCOLO ALFIE EVANS…..Intervista al vescovo Schneider che stila un nuovo “Sillabo di errori” per la Chiesa moderna…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...