BERGOGLIO CONTRADDICE I PAPI PRECEDENTI : IMMIGRAZIONE IMPORTANTE QUANTO ABORTO…

VATICANO, 9 aprile 2018 ( LifeSiteNews ) – Nella sua lunga esortazione rilasciata questa mattina, Papa Francesco ha castigato coloro che vedrebbero l’aborto come una questione più importante della migrazione. “Alcuni cattolici considerano (l’immigrazione) una questione secondaria rispetto alle” gravi “domande bioetiche”, ha affermato. “Che un politico in cerca di voti potrebbe dire che una cosa del genere è comprensibile, ma non un cristiano.”

Il Papa denuncia il “dannoso errore ideologico” di coloro che ignorano l’importanza dell ‘”impegno sociale degli altri”, come nell’immigrazione o nel servizio ai poveri.

Critica coloro che “relativizzano” questi problemi “, come se ci fossero altre questioni più importanti, o l’unica cosa che conta è un particolare problema etico o causa che loro stessi difendono”.

“La nostra difesa degli innocenti non nati, per esempio, deve essere chiara, ferma e appassionata”, ha detto, ma non dovrebbe sostituire la difesa dei poveri o dei migranti.

Il contrasto con Papa Benedetto XVI è evidente dalle osservazioni del 2006 di Benedetto ai membri del Partito popolare europeo. “Per quanto riguarda la Chiesa cattolica, l’obiettivo principale dei suoi interventi nell’arena pubblica è la protezione e la promozione della dignità della persona, e in tal modo essa attira in modo consapevole i principi che non sono negoziabili”, ha affermato. .

Ha aggiunto:

Tra questi emergono chiaramente oggi:

  • protezione della vita in tutte le sue fasi, dal primo momento del concepimento fino alla morte naturale;
  • riconoscimento e promozione della struttura naturale della famiglia – come unione tra un uomo e una donna basati sul matrimonio – e la sua difesa dai tentativi di renderlo giuridicamente equivalente a forme di unione radicalmente diverse che in realtà lo danneggiano e contribuiscono alla sua destabilizzazione oscurando il suo carattere particolare e il suo ruolo sociale insostituibile;
  • la tutela del diritto dei genitori di educare i loro figli.

Papa Giovanni Paolo II ha scritto in modo simile nella sua esortazione apostolica del 1988 , La vocazione e la missione dei fedeli laici nella Chiesa e nel mondo ( Christifideles Laici ). “L’inviolabilità della persona, che è un riflesso dell’assoluta inviolabilità di Dio, trova la sua espressione primaria e fondamentale nell’inviolabilità della vita umana. Soprattutto, la protesta comune, giustamente fatta a favore dei diritti umani – per Ad esempio, il diritto alla salute, alla casa, al lavoro, alla famiglia, alla cultura – è falso e illusorio se il diritto alla vita, il diritto più fondamentale e fondamentale e la condizione di tutti gli altri diritti personali, non è difeso con il massimo determinazione … ”

Le osservazioni di Papa Francesco sulla questione appaiono nei paragrafi 101-102 dell’esortazione Gaudete et Exsultate riprodotta integralmente qui sotto:

101. L’altro errore ideologico dannoso si trova in coloro che trovano sospetto l’impegno sociale degli altri, considerandolo superficiale, mondano, laico, materialista, comunista o populista. O lo relativizzano, come se ci fossero altre questioni più importanti, o l’unica cosa che conta è un particolare problema etico o causa che loro stessi difendono. La nostra difesa degli innocenti non nati, per esempio, deve essere chiara, ferma e appassionata, perché la posta in gioco è la dignità di una vita umana, che è sempre sacra e richiede amore per ogni persona, indipendentemente dal suo stadio di sviluppo. Altrettanto sacre sono le vite dei poveri, di quelli già nati, degli indigenti, degli abbandonati e dei diseredati, degli infermi vulnerabili e degli anziani esposti all’eutanasia nascosta, alle vittime della tratta di esseri umani, alle nuove forme di schiavitù, e ogni forma di rifiuto. Non possiamo sostenere un ideale di santità che ignorerebbe l’ingiustizia in un mondo in cui alcuni si divertono, passano con l’abbandono e vivono solo per gli ultimi beni di consumo, anche se altri lo guardano da lontano, vivendo la loro intera vita in estrema povertà.

102. Spesso sentiamo dire che, per quanto riguarda il relativismo e le debolezze del nostro mondo attuale, la situazione dei migranti, per esempio, è una questione minore. Alcuni cattolici lo considerano un problema secondario rispetto alle domande bioetiche “gravi”. Che un politico in cerca di voti possa dire che una cosa del genere è comprensibile, ma non un cristiano, per il quale l’unica attitudine giusta è di mettersi nei panni di quei nostri fratelli e sorelle che rischiano la vita per offrire un futuro ai propri figli. Non possiamo renderci conto che questo è esattamente ciò che Gesù ci richiede, quando ci dice che nell’accoglienza dello straniero lo accogliamo (cfr Mt 25, 35)? San Benedetto lo fece prontamente, e sebbene potesse “complicare” la vita dei suoi monaci, ordinò che tutti gli ospiti che bussarono alla porta del monastero fossero accolti “come Cristo”, con un gesto di venerazione;


—————————————————————————————————————————————–
E SUBITO MI APPRESTO A FARVI LEGGERE CIO’ CHE PAPA BENEDETTO XVI DISSE….

AI MEMBRI DEL PARTITO POPOLARE EUROPEO
IN OCCASIONE DELLE GIORNATE DI STUDIO SULL’EUROPA

Hall of Blessing

GIOVEDI’ 30 MARZO 2006 

Parlamentari onorevoli,
Illustri Signori e Signore,

Sono lieto di accogliervi in ​​occasione degli Study Days on Europe, organizzati dal vostro gruppo parlamentare. I Romani Pontefici hanno sempre dedicato particolare attenzione a questo continente; il pubblico di oggi ne è un esempio, e prende il suo posto nella lunga serie di incontri tra i miei predecessori e i movimenti politici di ispirazione cristiana. Ringrazio l’onorevole Pöttering per le sue parole rivolte a me nel suo nome e rivolgo a lui ea tutti voi i miei cordiali saluti.

Al momento, l’Europa deve affrontare questioni complesse di grande importanza, come la crescita e lo sviluppo dell’integrazione europea, la definizione sempre più precisa della politica di vicinato all’interno dell’Unione e il dibattito sul suo modello sociale. Per raggiungere questi obiettivi, sarà importante trarre ispirazione, con fedeltà creativa, dall’eredità cristiana che ha dato un contributo così particolare a forgiare l’identità di questo continente. Valutando le sue radici cristiane, l’Europa sarà in grado di dare una direzione sicura alle scelte dei suoi cittadini e popoli, rafforzerà la loro consapevolezza di appartenere a una civiltà comune e alimenterà l’impegno di tutti per affrontare le sfide del presente per il bene di un futuro migliore. Pertanto apprezzo il riconoscimento da parte del vostro gruppo del patrimonio cristiano dell’Europa,

Il vostro sostegno all’eredità cristiana, inoltre, può contribuire in modo significativo alla sconfitta di una cultura che è ormai abbastanza diffusa in Europa, che relega alla sfera privata e soggettiva la manifestazione delle proprie convinzioni religiose. Le politiche fondate su questa fondazione non solo comportano il ripudio del ruolo pubblico del cristianesimo; più in generale, escludono l’impegno con la tradizione religiosa europea, che è così chiara, nonostante le sue variazioni denominazionali, minacciando così la democrazia stessa, la cui forza dipende dai valori che promuove (cfr Evangelium Vitae , 70). Dato che questa tradizione, proprio in quella che potrebbe essere definita la sua unità polifonica, trasmette valori fondamentali per il bene della società, l’Unione europea non può che essere arricchita dal suo coinvolgimento. Sarebbe un segno di immaturità, se non addirittura debolezza, scegliere di opporsi o ignorarlo, piuttosto che dialogare con esso. In questo contesto bisogna riconoscere che una certa intransigenza laica si mostra nemica della tolleranza e di una sana visione secolare dello stato e della società. Sono lieto, quindi, che il trattato costituzionale dell’Unione europea preveda una relazione strutturata e permanente con le comunità religiose, riconoscendo la loro identità e il loro specifico contributo. Soprattutto, confido che l’implementazione efficace e corretta di questa relazione inizi ora, con la cooperazione di tutti i movimenti politici indipendentemente dagli allineamenti del partito. Non si deve dimenticare che, quando le Chiese o le comunità ecclesiali intervengono nel dibattito pubblico, esprimendo riserve o richiamando vari principi, ciò non costituisce una forma di intolleranza o di interferenza, poiché tali interventi mirano esclusivamente a illuminare le coscienze, consentendo loro di agire liberamente e responsabilmente, secondo le vere richieste della giustizia, anche quando ciò dovrebbe essere in conflitto con situazioni di potere e interesse personale.

Per quanto riguarda la Chiesa cattolica, l’obiettivo principale dei suoi interventi nell’arena pubblica è la protezione e la promozione della dignità della persona, e in tal modo essa attira in modo consapevole i principi che non sono negoziabili. Tra questi emergono chiaramente oggi:

– protezione della vita in tutte le sue fasi, dal primo momento del concepimento fino alla morte naturale;

– riconoscimento e promozione della struttura naturale della famiglia – come unione tra un uomo e una donna basata sul matrimonio – e la sua difesa dai tentativi di renderlo giuridicamente equivalente a forme di unione radicalmente diverse che in realtà lo danneggiano e contribuiscono alla sua destabilizzazione, oscurando il suo carattere particolare e il suo ruolo sociale insostituibile;

– la tutela del diritto dei genitori di educare i propri figli.

Questi principi non sono verità di fede, anche se ricevono ulteriore luce e conferma dalla fede; sono inscritti nella stessa natura umana e quindi sono comuni a tutta l’umanità. L’azione della Chiesa nel promuoverli non ha quindi carattere confessionale, ma è rivolta a tutte le persone, prescindendo da qualsiasi affiliazione religiosa che possano avere. Al contrario, tale azione è tanto più necessaria quanto più questi principi vengono negati o fraintesi, perché ciò costituisce un’offesa contro la verità della persona umana, una grave ferita inflitta alla giustizia stessa.

Cari amici, nell’esortandovi ad essere testimoni credibili e coerenti di queste verità fondamentali attraverso la vostra attività politica, e più fondamentalmente attraverso il vostro impegno a vivere vite autentiche e coerenti, invoco su di voi e sul vostro lavoro l’assistenza continua di Dio, in pegno di che impartisco cordialmente la mia benedizione a voi e a quelli che vi accompagnano.

PAPA BENEDETTO XVI

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...