PERCHE’ A FATIMA LA MADONNA HA MOSTRATO L’INFERNO AI BAMBINI?

stairs-735995_1280

E’ una domanda molto importante.

Immaginate l’età dei piccoli veggenti di Fatima. All’improvviso, in una delle sue apparizioni la Madonna mostra loro l’inferno. Perché?

Di recente ho avuto il piacere di partecipare a un ritiro di padre Teófilo Rodríguez, un grande difensore dell’Immacolata che viaggia in molti Paesi predicando le verità della nostra fede, rivolgendo un appello urgente alla santità e alla riconciliazione e promuovendo la devozione ai cuori di Gesù e Maria.

Ci ha parlato dell’inferno, e ha risposto a questa domanda inquietante.

Perché la Vergine ha mostrato l’inferno a quei bambini?

“Ancora una volta aprì le Sue mani, come aveva fatto i due mesi precedenti. I raggi [di luce] apparvero per penetrare la terra e noi vedemmo come un vasto mare di fuoco e vedemmo i dèmoni e le anime [dei dannati] immersi in esso”.

“Vi erano poi come tizzoni ardenti trasparenti, tutti anneriti e bruciati, con forma umana. Essi fluttuavano in questo grande conflagrazione, ora lanciati in aria dalle fiamme e poi risucchiati di nuovo, insieme a grandi nuvole di fumo. Talvolta ricadevano su ogni lato come scintille su fuochi enormi, senza peso o equilibrio, fra grida e lamenti di dolore e disperazione, che ci terrorizzavano e ci facevano tremare di paura (deve essere stata questa visione a farmi piangere, come dice la gente che mi udì)”.

“I demoni si distinguevano [dalle anime dei dannati] per il loro aspetto terrificante e repellente simile a quello di animali orrendi e sconosciuti, neri e trasparenti come tizzoni ardenti. Questa visione è durata solamente un attimo, grazie alla nostra buona Madre Celeste, che nella sua prima apparizione aveva promesso di portarci in Paradiso. Senza questa promessa, credo che saremmo morti di terrore e spavento”.

La risposta è ancora più semplice, ma fa rabbrividire. Perché?

“Per ricordarci che l’inferno esiste. Che è eterno. La condanna è reale”.

Mentre ci parlava di queste verità che si trovano nel Catechismo della Chiesa Cattolica e di quanto poco se ne parli, mi sono reso conto della nostra fragilità:

“Morire in peccato mortale senza essersene pentiti e senza accogliere l’amore misericordioso di Dio, significa rimanere separati per sempre da lui per una nostra libera scelta. Ed è questo stato di definitiva auto-esclusione dalla comunione con Dio e con i beati che viene designato con la parola ‘inferno’” (Catechismo, n. 1033).

Il buon padre Teófilo ci ha ricordato questa bella preghiera:

“Signore, dammi lo zelo per le anime. Signore, le anime non si condannino”.

Mi fanno rabbrividire queste parole della Vergine:

“Non offendete più il Signore Dio nostro, perché Egli è già tanto offeso!”.

Per questo, recitando il santo rosario ripeto con grande fervore questa preghiera che la Madonna ha insegnato ai bambini nella sua terza apparizione:

“Gesù mio, perdona le nostre colpe, preservaci dal fuoco dell’inferno e porta in cielo tutte le anime, specialmente le più bisognose della tua misericordia”.

tratto da : https://it.aleteia.org/2017/01/21/perche-a-fatima-la-madonna-ha-mostrato-linferno-ai-bambini/   di  Claudio De Castro | Gen 21, 2017

Un pensiero su “PERCHE’ A FATIMA LA MADONNA HA MOSTRATO L’INFERNO AI BAMBINI?

  1. L’Inferno è l’idea più atroce che sia comparsa nella storia umana: che una persona per i suoi peccati (anche per un solo peccato, secondo i teologi), debba bruciare nel fuoco eternamente.
    Un’idea di una tale atrocità che la ragione, se la pensa seriamente, la rifiuta.
    Che, nella sua atrocità estrema, si nega da se stessa.
    Che contrasta col Dio amore, il quale ama di un amore infinito tutti i suoi piccoli figli gli uomini; amore infinito rispetto al quale ogni peccato, ogni delitto, anche il più crudele, nella sua finitudine, non ha consistenza, è meno che una pagliuzza nell’oceano di fuoco del sole. Poiché tra infinito e finito non c’è proporzione.

    Inferno la cui prima genesi sta nel mito della caduta degli angeli attratti dalla bellezza delle donne, e che ad esse si uniscono e generano dei giganti; ma così si pervertono e diventano principio di male per l’uomo, diventano demòni; e per essi Dio avrebbe creato l’inferno, una punizione materiale per degli esseri spirituali; che però, sempre nella visione mitica antica, avrebbero un corpo sottile fatto d’aria.

    Questo mito, che compare già nel cap6 della Genesi, è ripreso e sviluppato definitivamente nel Libro di Enoc, il capostipite dell’Apocalittica, la letteratura e mentalità che domina l’ebraismo dal secondo secolo avanti Cristo al secondo dopo Cristo, e penetra anche nel dettato evangelico e neotestamentale; e spiega il comparirvi di certe espressioni.

    L’inferno diventa poi il grande strumento della religione del timore, che domina la Chiesa e la sua storia. Forse papa Francesco può liberarcene? Lo speriamo.
    Lecce, il 30 Aprile 2018

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...