DIE ZEIT – INTERVISTA ESCLUSIVA AL CARDINALE MULLER: “SONO UN PRETE, NON UN CORTIGIANO!” Gerhard Ludwig Müller era il secondo uomo più potente del Vaticano. Benedetto lo ha portato in carica, Francesco ha terminato il suo mandato. Una conversazione con il prefetto emerito sulla sua difficile relazione con il nuovo Papa, sul potere e la perdita di potere.

DIE ZEIT: Eminenza, posso chiederti come hai festeggiato la vigilia di Natale?

Gerhard Ludwig Müller: La vigilia di Natale, naturalmente, ero a San Pietro. Oltre a ciò, nella famiglia leggiamo il vangelo della nascita di Cristo, abbiamo pregato e cantato canti di Natale nella buona tradizione tedesca.

ZEIT: Hai predicato?

Müller: Per anni sono stato invitato alla celebrazione della messa nella chiesa tedesca nel Campo Santo Teutonico il giorno di Santo Stefano a Roma. Il tema del sermone in questo giorno è il martirio di Santo Stefano, il primo martire nella storia della Chiesa. Natale non è solo storia d’amore romantico, ma anche l’inizio della storia per la croce di Cristo, che ora è un neonato nella mangiatoia.

ZEIT: Poco prima di Natale, il Papa ha tenuto nuovamente un sermone per la Curia. Anche se ha elogiato i suoi leali colleghi e spiegato il significato più profondo della riforma della curia, ha anche flagellato i loro avversari, specialmente quelli “che si dichiarano martiri, se vengono gentilmente rimossi dal sistema”. – Questo ti è stato immediatamente riferito. Ti sentivi parte in causa?

Müller: Certamente no. Perché non mi sono dichiarato martire, né ero “gentile” – con chi o per chi? – “Sistema” rimosso. Il martire diventa cristiano per l’aiuto dello Spirito Santo e non perché si dichiari tale. A causa del battesimo e della conferma, appartengo alla chiesa di Gesù Cristo e non a nessun sistema creato dall’uomo.

 ZEIT: Avrebbero dovuto criticare lo stile della sua azione dopo l’annuncio del Papa che non avrebbe prolungato il tuo mandato . È vero?

Müller: Non si trattava di me. Ma avevo ospitato tre dei migliori membri dello staff della mia Congregazione, che erano stati licenziati senza preavviso. Se questo è interpretato come improprio o imprudente, così sia. Sono un prete e non un cortigiano. Basta!

ZEIT: Francesco ha anche messo in guardia contro gli intrighi nel suo discorso di Natale in Curia. Giusto modo?

Müller: Non so se si parla di fatti o astrazioni. In ogni caso, intrighi e complotti sono incompatibili con l’onore professionale di un ecclesiastico.

ZEIT: Alcuni dipendenti della Curia trovano senza pietà il discorso del Papa prima di Natale. Ti è piaciuto il discorso?

Müller: Chi sono io per commentare tutto? In nessun caso voglio essere stilizzato nella stampa tedesca ad una controparte del Papa! Ero presente e non ho dimenticato il desiderio del Papa di pregare per lui.

ZEIT: Sei rimasto sorpreso quando non sei stato riconfermato da Francesco, dopo il termine di cinque anni nello scorso mese di luglio ?

Müller: Sì, perché non sono stati menzionati né motivi oggettivi né soggettivi.

ZEIT: C’è comunque qualcosa che ti renderà più facile con questo ufficio?

Müller: Si viene in un tale ufficio non per sensibilità personale, ma per l’adempimento di doveri ufficiali. Piacevole o no, ho diretto la Congregazione nello spirito del Magistero del Papa.

ZEIT: Provieni da Mainz, sei stato per molto tempo vescovo di Ratisbona. Ti senti ora di stare in Germania più che a Roma?

Müller: Come cardinale a Roma, ho ancora una responsabilità ecclesiale globale. Sono un membro del Collegio cardinalizio, il senato del Papa, e sono un membro attivo di diverse congregazioni della curia. Inoltre, ricevo più inviti da tutto il mondo di quanti ne possa gestire. Tuttavia, la Germania rimane la mia casa con le connessioni più familiari e amichevoli.

ZEIT: Il tuo motto come vescovo è: Dominus Jesus – dopo un passaggio in Romani e secondo un testo di Papa Benedetto . Cosa significa, Gesù è il Signore?

 Müller: questa parola è la più antica confessione cristiana nella chiesa originale di Gerusalemme. Nell’Antico Testamento, Dio si rivela come il Signore. Libera il suo popolo dalla schiavitù dell’Egitto, conclude con lui l’alleanza di salvezza. Applicando il titolo esclusivo “Signore” a Gesù, si rivela la specificità della fede cristiana: in Gesù, il Messia, il regno e il dominio di Dio sono presenti. Libera le persone. Ci salva dalla disperazione di una vita senza speranza.

ZEIT: Tu eri il guardiano della dottrina della fede in un periodo di rapidi cambiamenti sociali. L’insegnamento può cambiare?

Müller: Dipende tutto da cosa intendi per “cambiamento”. C’è una crescita di fede e una comprensione più profonda dell’insegnamento nel corso della storia della chiesa. Cosa non può essere inteso con il cambiamento: una diluizione del credo o uno sconto sull’etica cristiana. Il cristianesimo non dovrebbe essere abbattuto sulle comodità di una religione civile.

ZEIT: Papa Francesco ama usare la formula “Ecclesia semper reformanda”,

Müller: In effetti, la formula deriva dal protestantesimo e significa la correzione delle dottrine e delle pratiche di culto che, nel giudizio dei riformatori, contraddicono la Parola di Dio nella Bibbia. Al contrario, secondo la comprensione cattolica, lo Spirito Santo protegge la Chiesa dalla contraddizione della sua dottrina con la Parola di Dio. Tuttavia, noi cristiani dobbiamo sempre essere corretti. La chiesa come gruppo di persone può fallire. Purtroppo, spesso impariamo dalla storia solo per condannare il fallimento dei nostri antenati, non per evitare i propri errori.

ZEIT: I conservatori sono considerati agli antipodi di Francesco. Ti vedi così?

Müller: In linea di principio, non sono un antipode al papa. E certamente non provengo da una direzione ideologica, che si tratti di conservatori o progressisti, di destra o di sinistra. Questa divisione dell’umanità in due campi, sia in base alle visioni del mondo, che alle religioni o ai partiti politici, è un insulto alla ragione. Abbiamo la mente capace di differenziare. Solo allora possiamo arrivare ad un giudizio equo. Papa Francesco non è né liberale né conservatore e non ha bisogno di un avversario, né conservatore né progressista.

ZEIT: cosa dici a coloro che insultano Francesco come un eretico ?

Müller: Eretico o eretico è un cattolico che nega ostinatamente una verità di fede e una dottrina vincolante. Ciò dovrebbe essere dimostrato in modo rigoroso. Per quanto riguarda i critici del Papa, non è richiesto a nessun cattolico di approvare senza riserve tutte le dichiarazioni dei suoi superiori ecclesiastici. Viceversa, i critici della critica affermano che chiunque venerasse un alto rappresentante ecclesiastico come una popstar non ha compreso la vera natura dell’autorità ecclesiastica. Qualsiasi tipo di culto della personalità sarebbe solo una caricatura della naturale simpatia che ogni cattolico dovrebbe avere per il Papa. Anche per vescovo e pastore.

ZEIT: tale simpatia può essere sfruttata. Quando i casi di abuso nella Chiesa cattolica sono diventati evidenti, sei stato accusato di promuovere l’insabbiamento . Cosa ti piacerebbe aver fatto diversamente in seguito?

Müller: La sua domanda è superflua perché l’accusa su cui è basata è falsa. La parola “cover-up” è molto negligente e talvolta persino demagogica per diffamare le persone che sono impopolari. La copertura di un crimine grave come l’abuso sessuale di bambini e adolescenti è una punizione criminale. Ciò vale sia per i procedimenti dinanzi al tribunale laico che, in aggiunta, non in luogo di un procedimento penale civile, per i procedimenti penali canonici contro un religioso accusato. Sotto la mia responsabilità a Ratisbona e a Roma, tutte le accuse contro i chierici, a meno che la legge non sia stata prescritta, sono state perseguite da tribunali laici. Erano sempre e, ignorando la prescrizione dei limiti,

ZEIT: Sei infastidito dalla tua immagine di intransigente e riformista avversario?

Müller: Sotto riforma, comprendo il rinnovamento spirituale e spirituale della chiesa in Cristo e non l’attuazione di un’agenda, che viene gestita con agitazione invece di argomenti.

ZEIT: La sua carriera accademica è iniziata con un lavoro su un eroe protestante, Dietrich Bonhoeffer . Che cosa hai imparato da lui?

Müller: Cito quello che Bonhoeffer stesso ha detto nel 1943 sul nazionalsocialismo: “che ogni forte sviluppo esterno del potere, sia esso politico o religioso, batte stupidamente gran parte dell’umanità”. Non si tratta di essere in linea con la maggioranza, ma di mantenere la verità in armonia.

ZEIT: all’interno della chiesa universale, sei considerato progressista, specialmente se hai trattato intensamente la teologia di Lutero . Sei mai stato attaccato come progressista?

Müller: Non mi preoccupavo della teologia di Lutero per essere lusingato almeno una volta come progressista – ma perché questo fa parte del programma standard della dogmatica e della teologia ecumenica. Oggi, il protestantesimo ama essere equiparato al modernismo e il cattolicesimo con il Medioevo. Ha poco a che fare con la realtà. In ogni caso, l’ecumenismo non deve essere una gara: il primo ad arrivare in età moderna ha vinto!

ZEIT: Sei soddisfatto dell’ecumenismo nel 2017?

Müller: Sono contento che per la prima volta dal 1517 ci fu un centenario delle tesi, che era una confessione comune a Gesù Cristo.

ZEIT: Fin dall’inizio hai costantemente parlato contro le tendenze radicali di destra nella Pius Brotherhood. È vero che il Papa in carica è più tollerante?

Müller: Non ero interessato alla politica, ma all’enormità morale che l’Olocausto è stato negato da un rappresentante di questa comunità. Grazie a Dio ora è escluso. Ciò che è importante per me è che la Chiesa cattolica, nei suoi rapporti con l’ebraismo, non può più tornare indietro rispetto a quanto deciso dal Concilio Vaticano II. Dobbiamo sviluppare il positivo, contro l’antisemitismo. Anche il Papa lo vede.

ZEIT: La chiesa dovrebbe fare ancora di più contro i populisti di destra, per esempio in Polonia?

Müller: Noi tedeschi di tutte le persone non dovremmo salire ai nostri vicini polacchi come insegnanti di democrazia. I polacchi ora si preoccupano di preservare l’identità di una grande nazione di cultura in Europa. Ricorda che gli stati europei hanno diviso la Polonia per 123 anni. E quello che fu fatto ai polacchi dai tedeschi dal 1939 al 1945, deve farci vergognare profondamente. Invece di pensare a misure coercitive politiche contro la Polonia, si dovrebbe cercare il dialogo.

TEMPO: i cristiani perseguitati in Oriente lamentano che l’Europa non è interessata a loro. Stiamo facendo abbastanza?

Müller: No! È un peccato come falliamo di nuovo.

ZEIT: Una volta hai detto che la presunta tolleranza di “religiosi e pluralisti di chiesa” è, in verità, intolleranza verso Dio. Che cosa ti preoccupa del pluralismo?

Müller: Ho detto che coloro che spesso richiedono tanta veemenza e tolleranza categorica spesso non sono così schizzinosi quando si tratta della libertà di espressione degli altri. Quale cristiano si fa beffe di cabaret di altri credenti o atei? Sono i cristiani la cui fede è ridicolizzata in nome della libertà di espressione.

TEMPO: Al momento, vediamo la libertà religiosa nei paesi secolari e le lotte in paesi fortemente religiosi. Quindi, piuttosto meno pio, ma pacifico?

Müller: No. Ci sono troppi controesempi, pensate alla rivoluzione francese e alle lotte della cultura anticlericale del XIX secolo; pensa alle dittature atee in Germania, Unione Sovietica, Corea del Nord. Non è l’atteggiamento laicista dei potenti, ma il riconoscimento dei diritti fondamentali in una democrazia liberale che garantisce la libertà di religione.

ZEIT: E i militanti islamici?

Müller: Il sanguinoso terrore in nome di Dio è un calpestamento della dignità umana.

TEMPO: Piazza San Pietro è fortemente protetta dal terrore. Cosa ne dici di fondamentalisti religiosi?

Müller: Che non sono religiosi. La religione è adorazione di Dio e quindi rispetto per l’uomo, per la sua libertà e la sua vita. Ecco perché il quinto comandamento è: non uccidere. In termini cristiani, l’adorazione di Dio significa che devi amare il Signore, il tuo Dio con tutto il tuo cuore e il tuo prossimo come te stesso.

TIME: Quanto spesso vedi Benedetto XVI? ancora?

Müller: Ancora e ancora, tutte le volte che la sua salute lo consente. Pubblico i suoi scritti collezionati in 16 volumi di Herder-Verlag. C’è molto da discutere.

TEMPO: Sotto Benedetto, è stato più facile per te essere un prefetto di fede che sotto Francesco?

Müller: Uno mi ha chiamato in questa posizione e l’altro ha concluso il mio mandato.

ZEIT: Cosa c’è di bello nel non occupare più la posizione di potere del prefetto di fede?

Müller: il termine “potere” è ambiguo. Il potere è la capacità di promuovere gli altri e di guidare bene una comunità. Ma sappiamo anche che i potenti abusano del loro potere sulle persone. Gesù disse ai suoi discepoli: “Non dovrebbe essere così con te”. Adempiere ai suoi doveri verso la chiesa è diverso dal seguire la logica del potere nel senso cattivo.

ZEIT: Qual è il compito futuro più importante della Chiesa cattolica oggi?

Müller: La missione della chiesa è sempre la stessa: conquistare persone per Cristo, che ci dà orientamento – nella questione del significato della vita come nell’angoscia del morire.

ZEIT: E cosa può fare chiunque, Cristiano o non, nel 2018?

Müller: Igz-mueller-interview-img-0l neonato nella culla di Betlemme con la pace che emana da lui.

 

DIE ZEIT –

nostra traduzione

2 pensieri su “DIE ZEIT – INTERVISTA ESCLUSIVA AL CARDINALE MULLER: “SONO UN PRETE, NON UN CORTIGIANO!” Gerhard Ludwig Müller era il secondo uomo più potente del Vaticano. Benedetto lo ha portato in carica, Francesco ha terminato il suo mandato. Una conversazione con il prefetto emerito sulla sua difficile relazione con il nuovo Papa, sul potere e la perdita di potere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...