Giallo in Vaticano, licenziato il “numero due” dello Ior Giulio Mattietti, aggiunto del direttore generale, da vent’anni in Vaticano, è stato licenziato in tronco: ha già persino dovuto lasciare il suo ufficio. Mistero fitto…

Giallo in Vaticano, licenziato il “numero due” dello Ior

Un vero e proprio giallo allo Ior, la cosiddetta “Banca vaticana”: è stato licenziato in tronco Giulio Mattietti, aggiunto del direttore generale, da vent’anni in Vaticano. Dala Santa Sede non si sbottonano e fanno semplicemente sapere : “Finita la fiducia”.

Mistero fitto in Vaticano

Non ci sono notizie certe sui motivi all’origine della decisione. Certo è che il vicedirettore dell’Istituto per le Opere di Religione Giulio Mattietti, “aggiunto” al direttore generale Gianfranco Mammì e nominato insieme a lui dal board nel 2015 con il placet papale, è stato licenziato in tronco. Ha già dovuto lasciare il suo ufficio.

Papa Francesco è in viaggio apostolico

Tutto accade mentre Papa Francesco è impegnato nel delicato viaggio apostolico in Myanmar e Bangladesh. L’allontamento di Mattietti secondo alcune indiscrezioni di stampa,  “allontanamento”, è dovuto a motivi sconosciuti persino ai più stretti collaboratori. Bocche cucite in Vaticano.

Giallo in Vaticano, licenziato il “numero due” dello Ior

Poche settimane fa cacciato un altro dipendente

Secondo il quotidiano ” Il Giornale” nelle scorse settimane era stato cacciato anche un altro dipendente, per “cattiva condotta”: l’uomo, la cui identità rimane riservata, avrebbe tenuto all’interno dell’Istituto per le Opere di Religione e nei confronti dei colleghi, degli atteggiamenti e dei comportamenti poco consoni a quell’ambiente di lavoro. Impossibile sapere se ci sia qualche collegamento con il licenziamento di Mattietti.

Che cos’è lo IOR

L’Istituto per le opere di religione (IOR), comunemente conosciuto come “Banca vaticana”, è un istituto pontificio di diritto privato, creato nel 1942 da papa Pio XII e con sede nella Città del Vaticano:  è stato più volte coinvolto in scandali, finanziari e non, fra i quali spiccano “l’affare Sindona” e il crac del Banco Ambrosiano. Negli ultimi anni l’Istituto ha avviato una serie di riforme con l’obiettivo di rendere le strutture e i regolamenti più trasparenti.

 fonte : Todayvaticano-2

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...