IL CARDINALE ROBERT SARAH SUL NOSTRO “GRANDE DISORDINE ECCLESIASTICO”

Recentemente il cardinale Robert Sarah – il Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti – a metà agosto, ha visitato la regione francese della Vandea storicamente famosa per una coraggiosa resistenza contro i tentativi della rivoluzione francese di annullare la fede cattolica. Abbiamo tradotto le parti di un’omelia del 12 agosto consegnata dal cardinale africano a Puy du Fou , sito storico della Vandea. Oggi vogliamo riassumere alcuni dei pensieri importanti che il Cardinale Sarah ha espresso nella sua omelia il giorno seguente – il 13 agosto – nella Cattedrale di Notre Dame de L’Assomption di Luçon . (Ancora una volta con gratitudine, lo dobbiamo al sito cattolico francese,Riposte Catholique , per aver riportato questo testo alla nostra attenzione.)

Nel suo omelia del 13 agosto , il Cardinale Sarah discute le letture del giorno che parlano della scena con Gesù e i Suoi discepoli in barca con un grande vento. Così è accaduto che anche il cardinale Sarah ha commentato qui un’immagine appena usata dall’ex papa Benedetto XVI quando parlava della Chiesa come una barca a volte apparentemente “sul punto di capovolgersi”. E, in effetti, le parole del cardinale Sarah sembrano risonare o rafforzare le riflessioni di Papa Benedetto. Il cardinale Sarah ha detto:

Le letture di questa Messa domenicale ci danno occasione di meditare sulla nostra fede, e quindi sulla presenza di Dio nella nostra vita. La prima lettura ci dice francamente che Dio non è in un uragano la cui forza e la cui violenza crepa montagne e schiaccerà le rocce, né nei terremoti né nei crash del tuono. Non era né nel fuoco né nei rumori – quelli con i quali le nostre orecchie sono saturate nel nostro mondo della frenesia dei media e [il nostro mondo] di  violenti e troppo-spesso-demagogici discorsi.

Dopo aver descritto il nostro mondo secolare, il cardinale Sarah applica notevolmente questa immagine del disordine alla nostra Chiesa,e continua, dicendo:

Ma non è solo il mondo che vive nella frenesia e nel discorso nervoso e demagogico. La stessa Chiesa, nei suoi insegnamenti dottrinali e morali, vive oggi in una cacofonia, nella confusione delle tesi, nella duplicità, nella doppia o tripla verità, in una valanga di interpretazioni e in una demagogia pastorale che si potrebbe considerare un Grande disturbo ecclesiastico. [mia enfasi]

Il cardinale Sarah paragona questa situazione nella Chiesa con “un’oscurità, un’eclissi del contributo decisivo della Rivelazione alla morale”. Egli aggiunge dicendo che abbiamo la “tendenza a dimenticare” con il ritorno ai piani pastorali casuistici e multipli o Accompagnamenti – che Dio è presente nell’intimità della nostra anima, nel mormorio di una brezza leggera, nelle profondità del nostro cuore “. Dio, secondo il cardinale Sarah, è un” Dio silenzioso “, è un” tenero e misericordioso Dio, lento alla rabbia e pieno d’amore e di verità. “Il Dio triunale, dice il prelato,” viene da noi marciando attraverso il mare dei nostri dubbi, delle nostre incertezze, e anche delle nostre tristezze, delle nostre rassegnazioni e del nostro rifiuto di credere e amare.”

Più tardi nella sua omelia, il cardinale Sarah torna all’immagine di una “barca battuta dai venti” che

È sempre stata percepita dai Padri della Chiesa come immagine della Chiesa che avanza, qui sotto, nei flutti, contro le correnti contrarie, al centro delle difficoltà e di ogni tipo di prova – in particolare delle persecuzioni. Il giorno del nostro battesimo, siamo entrati in quella barca che ha un nome: la Chiesa.

Il cardinale Sarah ancora una volta lamenta la situazione attuale nella Chiesa quando dice:

Purtroppo, ci sono questi frammenti che arrivano. Ci sono sacerdoti e religiosi che sono anche umanamente e spiritualmente più poveri di certi laici che sono di grande nobiltà umana e di grande umiltà cristiana e completamente dedicati a Dio.

Come gli apostoli della barca, anche noi possiamo temere a volte, dice Sarah, ma Cristo ci dice “Non abbiate paura”. Oggi, aggiunge il cardinale, Cristo dice ancora a tutti: “Vieni! “Ma per arrivare a Lui, spiega il Cardinale Sarah, a volte abbiamo” attraversato le acque delle prove e delle sofferenze “. Se ci sentiamo deboli in questa situazione, il prelato raccomanda di imitare Cristo che è andato in montagna per pregare. Oggi ci troviamo in mezzo a persecuzioni – terribili in Medio Oriente, ma anche quelle che i cristiani devono attualmente sopportare in Occidente per preservare l’insegnamento integrale di Cristo. È in questo contesto delle persecuzioni che il prelato ritorna alla situazione nella Chiesa quando dice:

Anche nella Chiesa – per mancanza di comprensione, per ignoranza e anche per paura di apparire troppo “rigidi” o “obsoleti” nel tribunale dei media o dell’opinione pubblica – certe persone preferiscono scegliere solo una parte del I vangeli e dell’insegnamento della Chiesa, omettendo ciò che preoccupa la “buona coscienza” dell’uomo contemporaneo che è stato liberato da quello che ora chiama i “pregiudizi” della religione. Sotto il terrore della rivoluzione francese, si parlava ancora di “superstizioni”.

Ma il Cardinale Sarah ricorda a noi cattolici il nostro dovere spirituale dicendo:

Non sopportare più il peso della croce della persecuzione significherebbe non essere più un discepolo di Gesù Nostro Signore che è la Verità e la Vita eterna e che chiede a noi il dono totale di noi stessi, fino al perdono delle offese e fino all’amore dei nostri nemici.

Il cardinale Sarah ci ricorda che “la nostra fede viene fortificata attraverso tali prove quando la nostra barca viene battuta dalle ondate di contestazione e di opposizione dai nuovi profeti dell’idolatria di un falso umanesimo”. È qui che il Prefetto per il Divino Culto chiede con entusiasmo alla Madre Benedetta di aiutarci a mantenere la nostra fede in mezzo a tutte queste sfide e prove.

Riletteremo ancora sulle parole del cardinale Sarah – in particolare sulla sofferenza come fonte di forza – e continuiamo a rivolgerci sempre con fiducia al Cuore Immacolato di Maria. Può aiutarci a sopportare le croci che Dio ci permette di avere, e anche il suo Cuore presto trionferà come ci ha promesso.

da One Peter Five, Maike Hikson, 31 agosto  2017, nostra traduzioneimg_4494

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...