IL CARDINALE SARAH: LA CHIESA SI TROVA AD AFFRONTARE “UN GRAVE RISCHIO” DI SCISMA SUL TEMA DELLA MORALITA’…“Senza una fede comune, la Chiesa è minacciata dalla confusione e poi, progressivamente, si può scivolare nella dispersione e nello scisma” ha sostenuto il cardinale Sarah…..

Il Card Robert Sarah ha avvertito che l’unità della Chiesa è minacciata dai leader influenti all’interno della Chiesa che “insistono” affermando che le chiese nazionali hanno la “capacità di decidere autonomamente” su questioni dottrinali e morali .

“Senza una fede comune, la Chiesa è minacciata dalla confusione e poi, progressivamente, si può scivolare nella dispersione e nello scisma”, ha detto.

“Oggi v’è un grave rischio di frammentazione della Chiesa, di rompere il Corpo mistico di Cristo, insistendo sulle identità nazionali delle Chiese e quindi sulla loro capacità di decidere per se stessi, soprattutto nel dominio così cruciale della dottrina e della morale “, ha aggiunto.

I cattolici professano ogni Domenica nel Credo di Nicea che la Chiesa è “una, santa, cattolica e apostolica”. Questi sono spesso chiamati i quattro “segni” della vera Chiesa.

Sarah, che viene dalla Guinea, ha formulato queste osservazioni rispondendo alle domande in una intervista rilasciata il 18 aprile all’organizzazione  “Aiuto alla Chiesa che Soffre” circa il rapporto tra la “Chiesa africana” e la “Chiesa universale”.

Il cardinale, che è il Prefetto della Congregazione per il Culto Divino, ha detto che, a rigor di termini, non esiste una realtà come la “Chiesa africana.”

“La Chiesa universale non è una sorta di federazione di Chiese locali,” ha detto. “La Chiesa universale è simboleggiata e rappresentata dalla Chiesa di Roma, con il Papa a capo, il successore di San Pietro e il capo della sede apostolica e quindi è lei che ha dato vita a tutte le chiese locali ed è lei che li sostiene in unità di fede e di amore “.

Le osservazioni di Sarah saranno viste da alcuni come  una spinta oppositiva alla volontà di Papa Francesco di dare alle conferenze episcopali nei singoli paesi più potere, anche per risolvere le controversie dottrinali e morali.

Nella sua Esortazione Evangelii Gaudium ,del 2013, , Papa Francesco ha chiamato per una “conversione del papato” che lo avrebbe aiutato nell’“esercizio” del ministero petrino. Ha criticato nello stesso documento l’“accentramento eccessivo” del potere nell’ ufficio di Pietro, il che suggerisce che le conferenze episcopali dovrebbero avere il potere di ‘autentica autorità dottrinale.’

Francesco ha anche scritto su una Chiesa decentrata nella sua Esortazione  Amoris Laetitia nel 2016.  Ha scritto: “Vorrei mettere in chiaro che non tutte le discussioni di questioni dottrinali, morali o pastorali devono essere risolte dagli interventi del magistero … Ogni paese o regione, inoltre, possono cercare soluzioni più adatte alla sua cultura e sensibili alle sue tradizioni e alle esigenze locali.”

Secondo l’arcivescovo Stanislaw Gadecki, presidente della Conferenza episcopale polacca, il Papa ha detto ai vescovi polacchi lo scorso anno che una Chiesa decentrata sarebbe in grado di interpretare le encicliche papali e di risolvere questioni controverse, come dare la comunione a divorziati risposati civilmente e cattolici.

Nell’intervista con Aiuto alla Chiesa che Soffre, il cardinale Sarah ha detto che la Chiesa cresce in tutto il mondo solo se è unita da “la nostra fede comune e la nostra fedeltà a Cristo e al suo Vangelo, in unione con il Papa”.

“Come Papa Benedetto XVI ci dice: ‘E’ chiaro che una Chiesa non cresce diventando individualizzata, separandosi a livello nazionale, con la chiusura di se stessa fuori all’interno di uno specifico contesto culturale, dandosi un ambito del tutto culturale o nazionale; invece la Chiesa ha bisogno di avere unità di fede, unità di dottrina, unità di insegnamento morale. Ha bisogno del primato del Papa, e la sua missione per confermare la fede dei suoi fratelli, ‘”ha detto.

Più avanti nell’intervista, Sarah ha detto che, per la Chiesa ,sarebbe “gravemente sbagliato” pensare che le questioni di giustizia sociale come la lotta contro la povertà e aiutare i migranti siano la sua vera missione.

“E’ gravemente sbagliato, per la Chiesa, per quanto riguarda la natura della sua vera crisi, pensare che la sua missione essenziale è di offrire soluzioni a tutti i problemi politici in materia di giustizia,  pace,  povertà, laccoglienza dei migranti, ecc trascurando l’evangelizzazione” lui disse.

Il cardinale ha detto che mentre la Chiesa “non si può dissociare dai problemi umani”, ha alla fine “fallito nella sua missione” se si dimentica il suo vero scopo. Sarah ha poi citato Yahya Pallavicini, un ex-cattolico italiano che si è convertito all’Islam, di portare a casa il suo punto di vista: “Se la Chiesa, con l’ossessione che ha oggi con i valori della giustizia, i diritti sociali e la lotta contro la povertà, finisce per conseguenza dimenticando la sua anima contemplativa, lei non riuscirà nella sua missione e lei sarà abbandonata da un gran numero di suoi fedeli, per il fatto che essi non sapranno più riconoscere in lei ciò che costituisce la sua specifica missione“.

Pete Baklinski, New York, 24 aprile 2017sarah

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...