DOPO IL RECENTE ARTICOLO DI MATTHIAS MATUSSEK (nella foto con papa Benedetto), UN’ALTRA PROFEZIA SUL FUTURO DELLA CHIESA DA PARTE DI UN GIORNALISTA TEDESCO, SU “DER SPIEGEL”, USCITA IN QUESTI GIORNI….

Sulla scia di un recente panoramica critica dei quattro anni di pontificato Papa Francesco come presentato dal giornalista cattolico tedesco Matthias Matussek, un altro giornalista tedesco (che non è un cattolico) ha alzato la voce di una rispettosa resistenza verso Papa Francesco. Parliamo qui di Jan Fleischhauer, che è un redattore della influente rivista settimanale Der Spiegel , e che, nel 2009, ha scritto un libro  su suo cambiamento di convinzione  da un uomo di sinistra verso un punto di vista più conservatore.

Il 17 aprile, Fleischhauer pubblicato una colonna in Der Spiegel che ha per titolo “Self-secolarizzazione: Lo Sponti-Papa [ vale a dire, il Papa spontaneo] (“Selbstsäkularisierung: Der Sponti-Papst ”). Con il sottotitolo, l’autore indica già ciò che critica dell’attuale pontificato:

Tra i critici della Chiesa, Papa Francesco è molto apprezzato per la sua adesione allo spirito del tempo (zeitgeist). Purtroppo, ripete così gli errori che la chiesa evangelica ha già commesso.

Lo stesso Fleischhauer sa ciò di cui parla, perché egli stesso è stato per molti anni membro della Chiesa Evangelica in Germania – soprattutto per motivi politici. Tuttavia, ha poi lasciato la chiesa protestante e ora si descrive solo come conservatore. Ma ora mostra anche qualche ammirazione per la Chiesa non modernizzata quando scrive:

L’unica chiesa che si può prendere sul serio è la Chiesa cattolica. So che questa frase è per molti lettori un’imposizione e  mi dispiace anche che devo scrivere questa frase nell’anno Lutero [il 2017].

Soprattutto perché ha visto alcuni degli adattamenti gravemente difettosi della chiesa protestante allo zeitgeist del suo tempo, Fleischhauer ora si rammarica del fatto che Papa Francesco è ora leader della Chiesa cattolica con un ethos e una direzione simile. Innanzitutto descrive la propria ammirazione per la Chiesa cattolica quando dice:

Tutto ciò di cui i critici si preoccupano per la Chiesa cattolica – la devozione mariana, il culto dei santi, il sacerdozio, la liturgia – è ciò che ai miei occhi parla per il cattolicesimo. Inoltre, naturalmente, per la durata del tempo: un’istituzione di 2.000 anni deve essere presa più seriamente di una, diciamo, che ha solo 500 anni. Chiunque fosse lì prima come Chiesa, ha chiaramente, quando si tratta delle ultime domande, la prima posizione. Tutto ciò che [innovativamente] viene dopo è, fino a un certo punto, l’eresia.

Quando parla della propria uscita definitiva della Chiesa Evangelica in Germania – al momento del suo stesso cambio di opinioni politiche – Fleischhauer spiega quanto deboli siano le radici spirituali del protestantesimo:

Dal momento che le radici spirituali del protestantesimo sono sottili, c’è poco che trattiene una persona indietro, se si cambia la propria visione del mondo. Una chiesa in cui nemmeno l’esistenza stessa del Cielo e dell’Inferno è vincolante diventa – per tutti coloro che potevano essere tenuti solo [nella chiesa] con l’aiuto della fede – una causa persa.

È qui che Fleischhauer vede che Papa Francesco sta commettendo un errore comparativamente grave:

Se non sbaglio, allora la Chiesa cattolica sta ora ripetendo l’errore dei protestanti. Al suo apice sta un uomo che mostra uno strano disprezzo per tutto ciò che è gradualmente cresciuto e radicato nella  tradizione, e che ama sorprendere la gente della Chiesa con le follie e gli scherzi buttati lì.

Il giornalista tedesco fa poi il riferimento esplicito al proprio recente “testo fulminante” di Matthias Matussek e dice che la Matussek cattolica “capisce molto circa l’importanza di Dogma, come una diga contro le relativizzazioni del zeitgeist. “Fleischhauer mette Matussek accanto all’autore tedesco Martin Mosebach,” un altro grande reazionario cattolico “.

Sembra che Fleischhauer capisca di più su quello che è successo alla Chiesa cattolica fin dal Concilio Vaticano II di molti cattolici di oggi, mentre tenta di spiegare:

Si potrebbe, se si desidera, vedere in [Papa] Francesco il perfezionatore di uno sviluppo che è iniziato con il Concilio Vaticano II. Il primo colpo è stato dato contro la liturgia tra il 1962 e il 1965 – non accidentalmente in un decennio  in cui dappertutto nel mondo gli iconoclasti saltavano molto in avanti.

Qui noi cattolici veniamo giustamente istruiti da un giornalista tedesco di come la Chiesa cattolica abbia rimosso “importanti elementi del rito presenti da secoli”, perché “voleva adattarsi alla zeitgeist ”: “ I sacerdoti non si posero davanti all’altare, ma dietro esso, come dietro il tavolo di un moderatore del “ Tagesthemen ” [TV telegiornale tedesco] “. Egli cita anche qui la rimozione completa della lingua latina e il dubbio permesso di ricevere la Comunione nella mano. Infine, aggiunge Fleischhauer:

Dove lo hanno anche preso sul serio con il cambiamento dei tempi, i sacerdoti stessi hanno trascinato gli altari nei campi e tagliato le statue dei Santi in pezzi. Per coloro senza fede, queste cose potrebbero sembrare cose minori, ma, naturalmente, non lo sono. Chiunque abbia assistito da una Messa nell’antico Rito Tridentino sa cosa ha perso la Chiesa quando ha ceduto alla corsa del 68! [la rivoluzione culturale degli anni ’60].

Fleischhauer fa una previsione per il futuro della Chiesa cattolica, vale a dire: se segue la strada che i protestanti hanno preso, perderà i membri della Chiesa e, di conseguenza, prenderà in considerazione l’adattamento ancor più allo zeitgeist per essere presumibilmente più attraente . Alla fine, dice il giornalista tedesco, la Chiesa cattolica avrà lo stesso dilemma dei protestanti: “Se la Chiesa dissolve ciò che la differenzia da quelle altre offerte secolari che professano di dare un significato alla vita, perché allora è ancora necessaria la chiesa? “È in questo contesto che Fleischhauer vede la crescita dell’Islam nel mondo che sembra muoversi nel vuoto e” soddisfare meglio i bisogni spirituali del concorrente cristiano “.

Questo articolo scritto da Jan Fleischhauer è un evento emozionante e sobrio. Ci mostra come gli elementi della verità trovano sempre la loro strada nelle menti di persone oneste. Siamo apparentemente pervenuti ad un punto in cui l’uomo moderno si stanca del relativismo diffuso e delle sue ideologie di accompagnamento perché non corrispondono alla realtà. L’uomo ha una sete per il vero, il legame affidabile e il bello. Il mondo moderno ha per lo più prodotto bruttezza, solitudine e mancanza d’amore.

Non è giunto il momento per tutti noi – all’interno e all’esterno della Chiesa cattolica – di impegnarci a liberarci in modo cooperativo, a uscire da sotto “le macerie” e per così trovare la strada verso le fonti più profonde di fiducia e di gioia che paereo, mattusekuò essere trovato solo in e attraverso Gesù Cristo nostro Salvatore – e nella sua Chiesa sacramentale?

di Maike Hickson, 19 aprile 2017

Annunci

Un pensiero su “DOPO IL RECENTE ARTICOLO DI MATTHIAS MATUSSEK (nella foto con papa Benedetto), UN’ALTRA PROFEZIA SUL FUTURO DELLA CHIESA DA PARTE DI UN GIORNALISTA TEDESCO, SU “DER SPIEGEL”, USCITA IN QUESTI GIORNI….

  1. In questa deriva spirituale, dottrinale e liturgica si percepisce sempre più il
    germogliare nuovo della Santa Tradizione Cattolica. L’ anima assetata vuole i doni veri dello Spirito e lo Spirito soffia instancabilmente.
    Grazie a chi Gli dà spazio come questo giornalista.

    Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...