PETER SEEWALD RACCONTA I SUOI ULTIMI INCONTRI CON BENEDETTO XVI – Un dottore della Chiesa della modernità – Convince non solo con la sua saggezza, ma anche con la sua autenticità e l’esempio personale della sua vita –

Peter Seewald ha avuto lunghe conversazioni con Joseph Ratzinger / Benedetto XVI più volte per 25 anni. Il giornalista trova  che il papa emerito non è onorato abbastanza nel suo paese

Domanda: Sig Seewald, ha fatto visita a papa Benedetto dopo la pubblicazione del suo recente libro intervista congiunta a settembre 2016?

Seewald: Sì, l’ho visitato in dicembre e andrò di nuovo a maggio, quando l’hype che circonda il suo 90 ° compleanno è finita. Questi incontri della durata di circa un’ora hanno sempre domande nel bagaglio, perché la gente sa ancora troppo poco di Joseph Ratzinger / Benedetto XVI. Quindi non è mai veramente un classico chat. Ogni incontro è sempre un incontro di lavoro. Non siamo diventati amici. Per il mio lavoro giornalistico, la distanza critica è essenziale; segnalazione ossequioso e acritica non ha alcun valore.

Domanda: Come è il Papa emerito? Ciò che lo spinge in giro?

Seewald: Egli risponde alla domanda sempre con un “come se fosse il senso che è un vecchio.” Naturalmente si può vedere che lui è diventato più fragile. E ‘in incontri mentalmente tutto lì, ma ora parla più lentamente e naturalmente non ha più abbastanza la memoria di elefante, che in precedenza era a sua disposizione. Quando lo incontri, si può sentire l’aura della sua incomparabile ciclo di vita e la sua umiltà e la gentilezza.

Domanda: Ha lunghe interviste con Joseph Ratzinger / Benedetto XVI per un totale di quattro libri in un arco di tempo di 20 anni. Che cosa è cambiato della persona nel tempo?

Seewald: Si è tenuto il nostro primo incontro per un ritratto 1992. Quindi devo a lui un quarto di secolo, anche accompagnare un giornalista . In un tempo così lungo ho potuto verificare molte cose importanti circa l’immagine del “Panzer cardinale”: Nessuno che conosce lo confermerebbe questo.

Sulla sua persona solo l’età è sempre cambiato – ed i nuovi compiti, come arcivescovo, il cardinale nella CDF e come Papa. La vita di Ratzinger è segnata da una consistenza incredibile. I primi sermoni che ha scritto come uno studente, già comprendono ciò che ha annunciato nei decenni successivi. Non ho trovato grandi passi avanti e prendere in considerazione la teoria delle due Ratzinger, un ex-moderno, che era conservatrice e reazionaria in seguito, una leggenda. Oltre Hans Küng nessuno avrebbe probabilmente sottolineato che ci fosse una rottura teologica. Tuttavia, v’è un Ratzinger come disegnato dai media e un altro che è come è veramente. L’elezione papale e l’ufficio potrebbe portare al mondo una dimostrazione ulteriore.

Domanda: Che cosa ha dato al mondo?

Seewald: A differenza di quasi tutti gli altri papi, per quanto riguarda Ratzinger, c’è un significato che si riferisce non solo dal suo incarico. Il suo lavoro ha aperto la strada prima del pontificato. Parte della sua eredità che ancora una volta ha voluto portare alla misericordia di Gesù Cristo, la gente in un momento di separazione da Dio -, senza appropriazione indebita gli ammonimenti biblici e comandamenti. Benedetto XVI ha affrontato il pontificato nella consapevolezza che rimangono a lui solo pochi anni e che deve iniziare con il più urgente. Dato il declino del cristianesimo nel mondo occidentale è stato il rinnovamento e il rafforzamento della fede il tema più importante. Dice che il suo impulso di base era quello di esporre la vera convinzione fondamentale tra le incrostazioni. Ratzinger non è mai stato uno showman nè amante dei gesti vuoti, e in ogni caso mai ha prediletto le cose organizzative.

Domanda: Qual è la più grande eredità di Benedetto XVI per lei?

Seewald: La sua eredità è il rinnovamento della fede che egli ci ha mostrato con l’intero Gesù – storico e il Gesù della fede. Ratzinger è un intellettuale importante, un grande pensatore del nostro tempo e posso immaginare che lo sarà di più  nel futuro, come il “dottore della Chiesa della modernità.” Convince non solo con la sua saggezza, ma anche con la sua autenticità e l’esempio personale della sua vita. E in questo giorno di età e si deve sottolineare che Ratzinger è l’anti-populista per eccellenza. La sua preoccupazione non è mai stato su ciò che la moda o il mondo voleva, ma di ciò che Dio vuole. Dove oggi è tutto spettacolo ed emozione,  e i fatti non contano, abbiamo in  Ratzinger un uomo che prima di tutto si sentì obbligato ad annunciare la verità e il messaggio evangelico.

Domanda: Negli ultimi anni, “sale della terra” e “luce del mondo” sono tra i titoli dei volumi intervista piuttosto i romanzi storici di Daniel Wolf annunciati. ti dà fastidio?

Seewald: No, può anche scrivere tutto quello che vuole. La domanda di questi libri dimostra che v’è un continuo interesse nella Chiesa cattolica, che è sempre misteriosa. Qualcosa soddisfatto solo con me quando romanzi storici sono caratterizzati da un’occhiali ideologici e le figure vengono manipolati. Inoltre, si deve guardare oltre la Germania: I miei quattro libri intervista con Ratzinger / Benedetto sono stati tradotti in oltre 30 lingue, hanno venduto milioni di copie in tutto il mondo. Si deve abbandonare l’idea che nessuno si sarebbe interessato a lui , o come se non avesse seguaci. Le “Ultime conversazioni” con lui arrivato al numero uno nella classifica di vendita Spiegel. Al momento non mi posso lamentare.

Domanda: Nelle recensioni a le“Ultime conversazioni”, che è stato pubblicato nel settembre 2016, c’era anche la critica a Benedetto e se il libro non opererebbe storiografia. Come risponde a questo?

Seewald: Bisogna vedere differenziata. In primo luogo si dovrebbe – soprattutto in Germania – ascoltare quello emerito Papa ha da dire. In secondo luogo, ho capito che ci sono stati problemi perché appare di nuovo in pubblico, ma ho spiegato nella prefazione del libro: Le interviste non sono stati inizialmente destinati ad un libro a sé stante, ma come informazione per lavorare su una biografia. Sono stato in grado di convincerli a pubblicare il testo, perché le speculazioni e teorie cospirative circa le sue dimissioni erano ancora formidabili, e ho pensato che fosse importante che un passo così storico fosse spiegato ancora una volta, dalla persona che ha preso, cioè Benedetto.

Penso anche che la critica di alcuni è stato utilizzato per guidare il Papa tedesco ancora una volta uno davanti al carro. Perché anche suggerito Papa emerito sarebbe compiacenti. Qui, tutto il libro è l’espressione di umiltà e di autocritica. Un papa non ha parlato così autocritica sul suo lavoro. Si tratta di un libro importante e una grande opportunità per guardare indietro a una biografia secolo del primo Papa tedesco per 500 anni.

Domanda: Quando si parla umilmente chiedere teologi più volte il motivo per cui un papa emerito dovrebbe continuare ad essere affrontata come “Santo Padre” e che indossano vesti bianche Papa

Seewald: Quindi, se non avete nulla di meglio da fare … Questo è un tipico lamento tedesco e atteggiamento di superiorità. Non capisco il motivo per cui non si occupa dei contenuti e se lui forse è giusto con alcune dichiarazioni. Chi vuole prescrivere emerito papa come lui dovrebbe essere chiamato e stringere, dovrebbe rendere ricordo se Joseph Ratzinger forse non sulla natura del Papato maggiore autorità di se stessi, e nessuno sarebbe altri più appropriati, qui sono gli standard giusti per impostare. Si tratta di una novità e non c’è esempio di come un papa emerito continuare a vivere.

Domanda: Che cosa vuoi il 90 ° compleanno di Benedetto?

Seewald:   Il Papa emerito non è un pensionato che alleva rose ora, ma è ancora lì per la chiesa e sostiene le loro preoccupazioni attraverso la preghiera. Con la sua vasta corrispondenza e le numerose visite che ha un programma ancora più impegnativo per un 90-year-old, purtroppo. Gli auguro ancora tanti, tanti giorni di sole in buona salute e una buona ora della morte. Soprattutto, gli auguro molti imitatori che sono stati ispirati dal suo lavoro, il suo messaggio, il suo Dio e amore per l’umanità, la sua poesia e la sua autentica vita ad imitazione di Cristo e trovare il proprio cammino verso Dio in questo modo. Vorrei anche informare Papa Francesco su chi l’ha detto Benedict XVI. è stato un grande Papa, il cui spirito scenderà di generazione in generazione sempre più grandi e l’aspetto più potente. Speriamo che il suo lavoro sarà apprezzato in patria,  e valorizzato come merita. Con lui, tutti sapevano che quello che ha annunciato – anche se non piace a disagio o appaiono ad oggi – sempre affidabile entro l’insegnamento del Vangelo e si pone in continuità con l’insegnamento dei Padri della Chiesa e le riforme del Concilio Vaticano II. Tale affidabilità è preziosa in un periodo di sconvolgimento e disorientamento.

Agathe Lukassek, 12 aprile 20177-nov-2014-figueiro

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...