UN’INTERVISTA CHIARA….CHE GETTA LUCE SU ALCUNE COSE OSCURE

Vacanze non inoperose, a giudicare dalla fiammeggiante intervista rilasciata da Gänswein a Hendrik Groth della Schwäbische Zeitung, che l’ha pubblicata il 17 luglio 2016:

> Papst-Vertrauter fordert Kirchensteuer-Reform

Brani dell’intervista hanno fatto subito il giro del mondo, specie là dove Gänswein si pronuncia con molta franchezza sul papa regnante e sulla criticità della Chiesa di Germania, cioè quella stessa Chiesa che pretende di essere all’avanguardia della pastorale e del dogma, su divorzio, omosessualità, Lutero, ecc.

In spagnolo circola già una traduzione completa dell’intervista. E in italiano ne ha pubblicati ampi stralci La Nuova Bussola Quotidiana, tradotti da Katharina Stolz:

> Gänswein: la dottrina non si cambia con mezze frasi

Ecco qui di seguito un florilegio che invoglia a leggere anche tutto il resto.6

“AMORIS LAETITIA” CAMPIONE DI OSCURITÀ

“Quando un papa vuole cambiare qualcosa nella dottrina, allora deve dirlo con chiarezza, in modo che sia vincolante. Importanti concetti dottrinali non possono essere cambiati da mezze frasi o da qualche nota a piè di pagina formulata in modo generico. La metodologia teologica ha criteri chiari a riguardo. Una legge che non è chiara in se stessa, non può obbligare. Lo stesso vale per la teologia. Le dichiarazioni magisteriali devono essere chiare, affinché siano vincolanti. Dichiarazioni che aprono a diverse interpretazioni sono rischiose… Alcuni vescovi hanno davvero la preoccupazione che l’edificio della dottrina possa subire delle perdite a motivo di un linguaggio non cristallino”.

IL GESUITA DI BUENOS AIRES

“Papa Francesco è fortemente influenzato dalla sua esperienza come provinciale dei gesuiti e soprattutto come arcivescovo di Buenos Aires… Già in quella grande città e mega-diocesi si era capito che ciò di cui lui è convinto, lo fa e lo porta fino in fondo senza scrupoli. Questo vale anche adesso come vescovo di Roma e come papa. Che nei discorsi, rispetto ai suoi predecessori, di tanto in tanto sia un po’ impreciso, e addirittura irrispettoso, si deve solo accettare. Ogni papa ha il suo stile personale. È il suo modo di parlare, anche correndo il rischio che ciò possa dar adito ad equivoci, a volte anche a interpretazioni avventurose”.

PIETRA CHE VACILLA

“La certezza che il papa sia una roccia nei marosi, ritenuto come l’ultima ancora, ha iniziato in effetti a vacillare. Se questa percezione corrisponda alla realtà e se riproduca correttamente l’immagine di papa Francesco, o se sia piuttosto un’immagine dei media, non posso giudicarlo”.

“EFFETTO FRANCESCO”, TUTTO FUMO

“Un vescovo, pochi mesi dopo l’elezione di papa Francesco, ha parlato di ‘effetto-Francesco’ e, tutto impettito, ha aggiunto che adesso era di nuovo bello essere cattolici. si poteva percepire di nuovo pubblicamente uno slancio nella fede e nella Chiesa. Ma questo accade davvero? Non dovrebbe esserci una vita cattolica più viva, le messe più frequentate, le vocazioni al sacerdozio e alla vita religiosa aumentate, e un maggior ritorno degli uomini che hanno lasciato la Chiesa? Cosa significa ‘effetto-Francesco’ concretamente per la vita della fede nella nostra patria, la Germania? Dall’esterno non si percepisce un nuovo inizio. La mia impressione è che papa Francesco goda di grande simpatia come uomo più di tutti gli altri leader del mondo. Ma riguardo alla vita e all’identità della fede, però, questa sua simpatia non sembra avere grande influenza. I dati statistici, se non mentono, mi danno purtroppo ragione”.

CASSE PIENE E CHIESE VUOTE

“Come reagisce la Chiesa cattolica in Germania con chi non paga la tassa per la Chiesa? Con l’automatica esclusione dalla comunità ecclesiale, il che significa: scomunica. Ciò è eccessivo, incomprensibile. Si possono mettere in dubbio i dogmi e nessuno viene cacciato fuori. Forse che il non pagamento della Kirchensteuer è un’infrazione più grave contro la fede che non le trasgressioni contro le verità di fede? L’impressione è che, finché c’è in gioco la fede, non sia così tragico, quando però entra in gioco il denaro, allora non si scherza più”.

16 dicem 15SANDRO MAGISTER – 22 luglio 2016

Un pensiero su “UN’INTERVISTA CHIARA….CHE GETTA LUCE SU ALCUNE COSE OSCURE

  1. Santo padre, come è difficile ricoprire il ruolo che fà carico la cattedra di s. Pietro. Papa francesco è un tecnico, inserito in un poi, quando con la soluzione ordinaria non si è appurato al risultato augurato. Si è creata confusione e irascibilità . È chiaro che nella chiesa c’è altro diverso dalla operosità consona secondo il divino volere. Penso che quì è necessario riflettere e pregare con più rispetto di certi problemi non certo semplici.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...