DUOMO DI TERNI , OPERA COMMISSIONATA DAL VESCOVO PAGLIA ORA PRESIDENTE DELLA PONTIFICIA ACCADEMIA PER LA VITA …SISTINA….IN CHIAVE GAY ???

17155325_1318298388229123_1602027360509508822_n.jpg

3 marzo 2017 ( LifeSiteNews.com ) – L’arcivescovo ora alla guida della Pontificia Accademia per la Vita ha pagato un artista omosessuale a dipingere un murale omoerotica blasfemo nella sua chiesa cattedrale nel 2007. Il murale include un’immagine dell’arcivescovo se stesso.

L’arcivescovo, Vincenzo Paglia, è stato recentemente nominato dal Papa Francesco come presidente del Pontificio Papa Giovanni Paolo II per Studi su Matrimonio e Famiglia.

Il murale massiccia copre ancora il lato opposto della facciata della chiesa cattedrale della diocesi di Terni-Narni-Amelia. Esso raffigura Gesù che porta reti al cielo pieno di omosessuali nude e semi-nude, transessuali, prostitute e spacciatori di droga, aggrovigliate tra di loro nelle interazioni erotiche.

Incluso in una delle reti è Paglia, vescovo allora diocesano. L’immagine del Salvatore è dipinto con la faccia di un maschio parrucchiere locale e le sue parti intime può essere visto attraverso il suo abito traslucido.

Secondo l’artista, un argentino omosessuale di nome Ricardo Cinalli che è noto per i suoi dipinti di corpi maschili, vescovo Paglia lo ha selezionato da una lista di dieci artisti di fama internazionale specifico per il compito di dipingere la parete interna della facciata. Vescovo Paglia, insieme a uno p Fabio Leonardis, ha curato ogni dettaglio del lavoro di Cinalli, secondo Cinalli, il quale rileva con approvazione che Paglia mai gli ha chiesto se credeva nella dottrina cristiana della salvezza.

“Lavorare con lui è stato umanamente e professionalmente fantastico”, Cinalli ha detto al quotidiano italiano La Repubblica, nel marzo dello scorso anno. “Mai, in quattro mesi, durante i quali ci siamo visti quasi tre volte ogni settimana, ha Paglia mi ha mai chiesto se credevo nella salvezza. Non mi ha mai messo in una posizione scomoda “.

“Non c’era nessun dettaglio che è stato fatto liberamente, a caso”, ha aggiunto Cinalli. “Tutto è stato analizzato. Tutto è stato discusso. Non hanno mai mi ha permesso di lavorare per conto mio. ”

Cinalli ammette di La Repubblica che le persone nude nelle reti sono destinate ad essere “erotico”, anche se il vescovo Paglia ha disegnato la linea quando Cinalli proposto di mostrare alla gente in realtà copulare.

“In questo caso, non c’era – in questo senso – un’intenzione sessuale, ma erotico, sì”, ha detto Cinalli. “Credo che l’aspetto erotico è il più notevole tra la gente all’interno delle reti.” Ha poi aggiunto: “L’unica cosa che non mi hanno permesso di inserire stata la copulazione di due persone all’interno di questa rete in cui tutto è permesso. ”

La ragione per cui non è stato permesso di essere così esplicito, dice Cinalli, è che la sua pittura aveva già fatto abbastanza per dimostrare il concetto che l’uomo ha “libertà” in questa vita e anche nella prossima, a quanto pare a impegnarsi in comportamenti sessuali qualunque cosa ritenga opportuno. “Il vescovo e P. Leonardis. . . mi ha detto che non pensavano che fosse necessario arrivare a questo estremo per dimostrare la libertà che l’uomo, in realtà, ha in questo mondo e nel prossimo. ”

16938634_1318298321562463_2854322507653771593_n.jpg

La Chiesa cattolica condanna tutte le forme di comportamento sessuale al di fuori del rapporto sessuale naturale tra un uomo e una donna uniti in matrimonio, tra cui la sodomia omosessuale, e avverte che coloro che muoiono impenitente di tali peccati soffriranno la dannazione eterna. La dottrina, che si trova nel Vecchio e Nuovo Testamento della Bibbia, si riflette nel Catechismo della Chiesa Cattolica, che definisce gli atti omosessuali “intrinsecamente disordinati”, e aggiunge: “In nessun caso possono essere approvati”.

Sotto la supervisione di Paglia, Cinalli ha dipinto il vescovo stesso in una delle reti “erotico”, semi-nudo e stringendo un uomo barbuto con indosso solo un perizoma sciolto. Dipinse anche p Leonardis, allora capo dell’Ufficio dei beni culturali, come un uomo muscoloso nudo con un tatuaggio di freccia di un cupido che attraversa un cuore che contiene la parola “amore”, impigliato con gli altri in una delle reti “erotici”.

Cinalli ha detto La Repubblica che p Fabio, che morì poco dopo il dipinto era finito, mentre ancora sulla cinquantina, era una molto “aperto” l’uomo, ma non ha voluto dire se era un omosessuale.

17155748_1318298324895796_7767058416652061551_n.jpg

“P. Fabio era completamente aperto “, ha detto Cinalli. “Non è per me dire se era un omosessuale o no -. Non è importante, ma la sua apertura era assoluto”

Cinalli ha spiegato a La Repubblica che ha modellato il volto di Gesù su quella di un maschio parrucchiere locale perché la gente vede Cristo in un modo che è “troppo maschile.”

Cinalli ammette che il suo lavoro non è stato ben accolto da molti nella diocesi di Terni-Narni-Amelia, che sono stati così indignato per il lavoro che Cinalli creduto che potrebbe essere distrutta dopo P. la morte di Fabio. Tuttavia, il vescovo Paglia resistito tali pressioni fino a quando ha lasciato la diocesi nel 2012, e il suo successore ha anche lasciato il murale a posto.

16996051_1318298331562462_9040370104925667873_n.jpg

Immagine
LifeSite chiesto l’ufficio di Arcivescovo Paglia per un commento ma nessuna risposta è stata ricevuta dal momento della stampa.

Vincenzo Paglia posto a capo di questioni di vita e familiari dal Vaticano

Anche se il murale ha generato polemiche in diocesi di Paglia, passò sotto il radar dei media nazionali in Italia, e la promozione di Paglia di arcivescovo e nomina a presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia nel 2012 ha generato alcuna controversia. Ben presto, però, ha cominciato a dare suggerimenti dei suoi atteggiamenti liberali in materia di morale sessuale, affermando nel 2013 che la Chiesa Cattolica favorisce “protezione legale e l’ereditarietà per le persone che vivono insieme, ma non sono sposati” e si oppone facendo l’omosessualità un reato. Quando i suoi commenti ricevuti copertura negativa da parte dei media cattolici, ha dichiarato le sue intenzioni erano stati “deragliare”, ma non ha ritrattato le dichiarazioni.

15109600_1318298338229128_2369105219738811028_n.jpg

Nei primi mesi del 2015, sotto la direzione di Mons Paglia, il Pontificio Consiglio per la Famiglia ha organizzato una serie di conferenze che ha sollevato la possibilità di dare la comunione alle persone che vivono in seconde nozze adultere, dopo un certo periodo di penitenza pubblica. Le lezioni sono state poi pubblicate in un libro, ironicamente chiamato “Famiglia e Chiesa: un legame indissolubile”.

Nel luglio del 2016, sempre sotto la direzione del Paglia, del Pontificio Consiglio per la Famiglia ha emesso un nuovo programma di educazione sessuale che include immagini lascive e pornografiche così inquietante che uno psicologo ha suggerito che l’arcivescovo essere valutata da un comitato di revisione in conformità con le norme della Carta di Dallas, che hanno lo scopo di proteggere i bambini da abusi sessuali.

“La mia reazione immediata è stata professionale che questo osceno o pornografico abusi approccio dei giovani psicologicamente e spiritualmente”, ha dichiarato il Dr. Richard Fitzgibbons, psichiatra che è stato un consulente della Congregazione per il Clero in Vaticano e ha servito come professore a contratto presso la John II Istituto Paul per Studi su Matrimonio e Famiglia presso la Catholic University of America. “Come un professionista che ha curato sia gli autori sacerdote e le vittime della crisi degli abusi nella Chiesa, quello che ho trovato particolarmente preoccupante è che le immagini pornografiche in questo programma sono simili a quelli utilizzati da predatori sessuali adulti di adolescenti.”

Nel mese di agosto dello scorso anno, il Papa Francesco spostato Paglia dal Pontificio Consiglio per la Famiglia alla presidenza della Pontificia accademia per la vita, così come del Giovanni Paolo II Pontificio Istituto Papa per Studi su Matrimonio e Famiglia, due organizzazioni fondato da Papa San Giovanni Paolo II per difendere la sacralità dei valori della vita e della famiglia umana. Ben presto divenne evidente che l’Accademia era stata radicalmente trasformata quando i nuovi statuti sono stati emessi che non sono più necessari i membri a firmare una dichiarazione di fedeltà agli insegnamenti perenni della Chiesa cattolica sul diritto alla vita. Il 17 febbraio, è stato confermato che tutte le appartenenze Academy erano stati terminati , lasciando solo Paglia e il suo staff al vertice di un’organizzazione altrimenti vuoto.

Lo stesso giorno, l’Arcivescovo Paglia ha tenuto un discorso lodando il fondatore recentemente scomparso del Partito radicale in Italia, Marco Pannella, un bisessuale promiscua cui carriera è stata in gran parte spesi attaccando i valori della fede cattolica e la Chiesa cattolica stessa. Anche se Pannella aveva combattuto con vigore per la legalizzazione dell’aborto, omosessuale “matrimonio”, “diritti”, transgender divorzio e unioni libere, e hanno cercato di sciogliere il Concordato tra la Chiesa e lo Stato italiano, Paglia lo ha definito un “uomo di grande spiritualità , “e ha detto che la sua morte è stata” una grande perdita, non solo per la gente del Partito radicale, ma anche per il nostro paese “.

“La sua storia mostra come un uomo può aiutare la storia di andare avanti verso la difesa di ciascuno e la dignità di ogni persona, specialmente quelli che sono emarginati”, ha detto Paglia. “Sono molto piacere nel dire che Marco era veramente un uomo spirituale che ha combattuto e sperava contro ogni speranza”. Paglia ha concluso: “Dobbiamo accogliere e mantenere la sua vitalità (di Panella).”

Vedere la Repubblica video della loro intervista a Ricardo Cinalli (in spagnolo e italiano), che contiene le immagini del murale:

Annunci

Un pensiero su “DUOMO DI TERNI , OPERA COMMISSIONATA DAL VESCOVO PAGLIA ORA PRESIDENTE DELLA PONTIFICIA ACCADEMIA PER LA VITA …SISTINA….IN CHIAVE GAY ???

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...