I VESCOVI UCRAINI IN GINOCCHIO DAVANTI A BENEDETTO XVI

La foto sta facendo il giro del mondo sui social network. Gli alti prelati ucraini, a Roma per vedere Francesco, si sono recati in visita anche da Joseph Ratzinger e gli hanno chiesto la sua benedizione.

Certe foto parlano da sole e dicono molto più di migliaia di parole. I vescovi ucraini, in visita a Roma per incontrare papa Francesco, hanno deciso di fermarsi a salutare anche il papa emerito Benedetto XVI. Lo hanno, così, incontrato nei giardini vaticani, dove il pontefice che rinunciato al ministero petrino è solito fare qualche passeggiata pomeridiana. Hanno scambiato qualche battuta e, alla fine, gli hanno chiesto di impartire loro la sua benedizione. A questo punto, i vescovi, in una maniera del tutto inusuale, si sino inginocchiati come fossero dei fedeli qualunque, mentre Benedetto XVI invocava il sostegno di Dio su di loro. La maggior parte di loro sono anziani e non si sono fatti problemi ad abbassarsi e a posare le ginocchia sul nudo asfalto. L’immagine è stata immortalata da un fotografo, che l’ha condivisa su Facebook ed ora sta facendo il giro del mondo.

Sabato scorso il presidente della conferenza dei vescovi della chiesa cattolica ucraina, minoritaria all’interno di un Paese in cui la gran parte dei cittadini sono ortodossi, ha guidato il gruppo dei suoi confratelli in Vaticano, dove si è svolta la cosiddetta “visita ad limina” che tutti i vescovi del mondo sono tenuti a fare a Roma per incontrare il pontefice con cadenza variabile. L’arcivescovo di Leopoli, monsignor Mieczysław Mokrzycki, ha anche avuto l’idea di sfruttare l’occasione per salutare Joseph Ratzinger, a cui è stato chiesto di benedire la prima pietra di un convento destinato a monaci benedettini che sorgerà proprio a Leopoli.

La chiesa cattolica ucraina vive in questi mesi un periodo difficilissimo della sua storia. Mentre nelle regioni nell’est del Paese si continua a sparare e morire, i separatisti minacciano di comprimere la libertà dei cattolici per favorire gli ortodossi, che sono legati al patriarcato di Mosca, molto vicino al presidente Vladimir Putin. Alcuni mesi fa, quando filorussi e filoeuropei si sfidavano apertamente al centro di Kiev, il capo della chiesa greco-cattolica ucraina, monsignor Sviatoslav Schevchuk si era espresso in maniera netta contro ogni oppressione: ““La Chiesa si riserva il diritto di giudicare quella che è la situazione nel Paese, se ci sono violazioni dei diritti umani e dei principi della moralità pubblica che emanano dalla legge di Dio e si riflettono nella Dottrina sociale della Chiesa” aveva dichiarato.

di Michele M. Ippolito

 

continua su: http://www.fanpage.it/i-vescovi-ucraini-in-ginocchio-davanti-a-benedetto-xvi/
http://www.fanpage.it/21 fbbraio 2015 vescovi_ucraina_2

 

 

Advertisements

4 pensieri su “I VESCOVI UCRAINI IN GINOCCHIO DAVANTI A BENEDETTO XVI

  1. Siamo amareggiati di vedere l’annacquamento della fede cristiana e il crescere del liberticismo all’interno della chiesa. Ormai è scandalo pubblico.

    Mi piace

  2. A Kiev c’è stato un colpo di stato nel 2014 che ha portato al governo dell’Ucraina un regime filo nazista. Sarebbe opportuno che la chiesa prendesse le distanze da tale regime (che martorizza la popolazione del Donbass) e dai Usa e UE che lo sostengono.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...